Fonte: Washington Post

La nomina repubblicana per le presidenziali del 2012 è stata fino ad ora una questione sopita, confusa e priva di interesse, punteggiata da interludi comici, ma questo mese diventa seria. Un dibattito, un sondaggio in Iowa e la possibile entrata nella corsa alla Casa Bianca del governatore del Texas Rick Perry renderanno probabilmente le prossime settimane le più importanti per la campagna.

Entro la fine di agosto si saprà di più riguardo ogni singolo aspetto della corsa, compresa l’identità del politico meglio ‘posizionato’ per sfidare il favorito, ex governatore del Massachuttes Mitt Romney, la resistente dei Rep. Michele Bachmann e l’ex governatore del Minnesota Tim Pawlenty, e la composizione più verosimile del campo.

I candidati repubblicani sono stati messi in disparte per buona parte dell’estate a causa del difficile dibattito sul tetto del debito a Washington, la paura di un default e le crescenti preoccupazioni sull’economia statunitense e globale. Ora con le prime votazioni nella battaglia delle nomination a meno di 6 mesi di distanza, i candidati sono sotto pressione non solo per la loro capacità di attrarre voti, ma anche per come spiegheranno come intendono affrontare gli enormi problemi della prossima presidenza.

Ci stiamo velocemente avvicinando all’atto secondo del ciclo primario” afferma Tom Harris uno stratega del GOP non ancora allineato con nessun candidato. “Le prossime settimane saranno rivelatrici in termini di chi ha quello che serve per il secondo atto e chi no”.

Romney, il favorito, sembra sicuro di sé per il momento, data la sua forza complessiva nei sondaggi, il suo vantaggio economico, la sua base nel New Hampshire e la disciplina con cui ha gestito la sua campagna elettorale fino ad oggi. Ma le sue vulnerabilità intensificano la competizione fino a diventare la sua principale sfida.

La gara è stata segnata da due realtà – la mancanza di entusiasmo per Romney come il potenziale portabandiera del GOP e l’incapacità di qua qualsiasi altro candidato di sfruttare questa percepita debolezza.

Invece, la campagna del GOP è stata la storia di coloro che finora hanno tentato e fallito, così come di coloro che non hanno scelto nemmeno di provare.

L’elenco dei non partecipanti comprende diversi candidati potenzialmente formidabili – Il governatore del Mississippi Haley Barbour, il governatore dell’Indiana Mitch Daniels e l’ex governatore dell’Arkansas Mike Huckabee – e una carta sgargiante di nome Donald Trump. Bisogna aggiungere Sarah Palin a questa lista, a meno che improvvisamente non mostri un reale interesse per la corsa.

La lista di coloro che sono stati inferiori alle aspettative comprende due ex dirigenti dello stato, Pawlenty e l’ex governatore dello Utah Jon Huntsman Jr. nonché l’ex presidente della Camera Newt Gingrich.

Di tutti questi, Pawlenty è il più a rischio la prossima settimana. Il suo percorso per la nomina dipende dalla vittoria nel gruppo di maggioranza in Iowa il prossimo inverno. Ma è rimasto con una sola cifra nei sondaggi sia in Iowa che a livello nazionale. Negli ultimi due mesi, infatti, è stato eclissato dal collega del Minnesota Bachmann, che è entrato in gara a giugno ed è balzato in cima ai sondaggi in Iowa.

Bachmann così è dipendente da Pawlenty per una vittoria quest’inverno in Iowa, e i due sono ora in rotta di collisione, come ci si avvicina al sondaggio di sabato ad Ames. Vista la storia dei sondaggi, non è così probabile che entrambi possano rivendicare una vittoria il prossimo weekend, anche se possono tutti e due tentare.

Scott Reed, che gestì la campagna di Robert C. Dole nel 1996, vede Pawlenty come quello che ha più da perdere. “Il polo di maggioranza dell’Iowa può fare un candidato”, ha detto. “Il sondaggio può bloccare un candidato, e Pawlenty è in una zona di pericolo”.

Il rischio per Pawlenty di una performance meno brillante ad Ames è probabile dato che la sua raccolta fondi, già contestata, avrebbe subito un colpo ulteriore. Egli avrebbe concentrato considerevoli risorse nel sondaggio e, senza un buon risultato, potrebbe lottare per raccogliere i soldi per competere efficacemente nel polo di maggioranza e nelle primarie il prossimo anno.

Anche gli altri ora vedono Bachmann avere molto in gioco. Il suo emergere come uno dei preferiti attivisti sia del Tea party che dei Conservatori cristiani ha notevolmente aumentato le aspettative per la sua performance ad Ames. Uno stratega repubblicano dello Iowa, che ha chiesto di non essere identificato, per parlare liberamente dell’imminente il sondaggio, ha detto: “Non c’è dubbio che sia Bachmann”, che sarà stato colpito di più da una scarsa performance.

La carta jolly al sondaggio sarà il repubblicano Ron Paul, il cui piccolo ma appassionato gruppo di sostenitori potrebbe profittare grandi dividendi in un evento in cui poche migliaia di voti possono far saltare qualcuno in seconda posizione. Sia la campagna di Pawlenty che di Bachmann mostrano segni di preoccupazione riguardo a Paul, sabato.

Romney, Huntsman e Gingrich non stanno competendo attivamente nel sondaggio. Tuttavia, il voto includerà i loro nomi, così come quelli dell’ex senatore della Pennsylvania Rick Santorum, dell’uomo d’affari Herman Cain e del deputato Thaddeus McCotter.

La decisione di Perry si profila come un evento ancora più grande, uno che potrebbe ridefinire radicalmente la gara. Il suo ingresso potrebbe facilmente eclissare l’esito del sondaggio, in particolare se avverrà subito dopo questo evento.

Perry sta replicando la strategia del ‘front-porch’ adottata dal collega texano George W. Bush nel 1999 mentre si preparava alla corsa, ospitando visite di fundraisers, politici e attivisti di vari stati. Ha lasciato la maggior parte dei suoi ospiti con l’impressione di esser pronto a diventare candidato, anche se altri potenziali candidati sono quasi ricorsi ad un annuncio solo per decidere di non correre.

Consiglieri di altri candidati si aspettano che sia Perry a mettere in ombra tutti, anche lo stesso Romney, almeno nelle fasi iniziali. Cosa avverrà dopo nessuno lo sa.Credo che Perry si alzerà in fretta e resisterà, o si alzerà in fretta e scoppierà”, ha detto un altro consigliere del candidato, che ha rifiutato di essere identificato per parlare liberamente sullo stato della gara.

Perry proviene da uno stato la cui economia ha avuto un forte andamento negli ultimi anni e che è anche, storicamente, la prima destinazione di raccolta fondi per i candidati repubblicani. Entrambi i fattori sono importanti in un potenziale faccia a faccia con Romney, che ha raccolto molto più denaro di qualsiasi altro dei suoi rivali in corsa e che ha basato la sua candidatura quasi esclusivamente sul tema del lavoro e dell’economia.

Il fatto che Perry potrebbe anche entrare in gara in questa fase, sottolinea il fatto che, nonostante tutto quello che Romney ha fatto per proteggere il suo status di favorito, una possibilità di crescere rapidamente e sfidarlo resta per qualcuno.

L’altro grande evento della prossima settimana è il dibattito di giovedì notte in Iowa, ospitato da Fox News e dal Washington Examiner in collaborazione con il Partito Repubblicano dell’Iowa. Questa sarà la terza volta che i candidati del GOP dibatteranno – e sarà l’uscita allo scoperto per Huntsman che si unirà alla gara dopo i primi due eventi. Huntsman ha lottato con forza sin da quando ha creato la sua campagna elettorale, guadagnando poca trazione nei sondaggi. Questa settimana ha portato altre cattive notizie, viste le lotte interne tra i suoi consiglieri scoppiate davanti al pubblico grazie ad una storia su Politico.

Romney e Bachmann sono stati giudicati i vincitori del dibattito nel New Hampshire nel mese di giugno. Pawlenty è stato il perdente dopo aver rifiutato di sfida Romney sul piano sanitario del Massachusetts, che ricorda molto quello firmato dal Presidente Obama lo scorso anno. Questa volta Romney sarà probabilmente il bersaglio di vari candidati, inclusi Pawlenty e Huntsman.

I dibattiti sono raramente decisivi nelle battaglie per la nomina presidenziale, ma gli ambienti scottanti di Twitter e dei blog, sebbene modestamente rilevanti, possono assumere maggiore importanza rispetto al passato. Il dibattito in Iowa si avvarrà di un’orda considerevole di media, e l’analisi istantanea potrebbe essere dannosa per qualsiasi candidato che non avrà una buona performance.

Romney ha fatto finora una campagna con un ritmo proprio, cosa che è andata a suo vantaggio. Ha intenzione di accelerare la sua attività nelle prossime settimane, cosa che gli strateghi del GOP ritengono essenziale. Egli ha incentrato le sue critiche sul presidente ma non è stato costretto a combattere per la nomina. Agosto sarà probabilmente visto come il momento in cui le cose cominceranno a cambiare.

Come Reed ha ammesso, “Questo mese è il più importante perché qualcuno sta per essere fatto fuori. Poi vedremo cosa succederà “.

*Traduzione di Fabrizia Di Lorenzo

 

Articolo precedente

Il ritorno degli Usa nell'America Indiolatina

Articolo successivo

I giornalisti Thierry Meyssan e Mahdi Darius Nazemroaya minacciati di morte a Tripoli