Il Segretario Generale dell’Onu Ban Ki-moon si trova a Pechino per una visita di tre giorni.

Il 19 giugno ha incontrato il Presidente della Repubblica Popolare Cinese Xi Jinping, con il quale ha discusso in particolare del conflitto siriano e del programma nucleare nord-coreano; il Segretario Onu ha adottato una linea più dura rispetto alla questione siriana, mentre Cina e Russia hanno bloccato tre volte le risoluzioni contro il regime di Bashar al Assad. Parlando del ruolo cinese sulla tutela della pace regionale, Ban Ki-moon ha apprezzato altamente il ruolo costruttivo del governo e dei leader cinesi sull’attenuazione delle tensioni nella penisola coreana.

I due rappresentanti hanno sottolineato l’importanza di una maggiore cooperazione reciprocamente vantaggiosa e dell’abbandono, dunque, del gioco a somma zero come strategia di politica estera.

Xi Jinping ha asserito che il ruolo della Cina come membro permanente del Consiglio di Sicurezza Onu si traduce non solo in un maggior peso politico, ma soprattutto in una gravosa responsabilità.

Pechino garantisce il supporto alle Nazioni Unite nella promozione del Millennium Development Goals, gli otto obiettivi che tutti i Paesi membri Onu si sono impegnati a raggiungere entro l’anno 2015; la Dichiarazione del Millennio delle Nazioni Unite, firmata nel settembre del 2000, impegna gli stati a:

 

1. Sradicare la povertà estrema e la fame;

2. Rendere universale l’istruzione primaria;

3. Promuovere la parità dei sessi e l’autonomia delle donne;

4. Ridurre la mortalità infantile;

5. Migliorare la salute materna

6. Combattere l’HIV/AIDS, la malaria ed altre malattie;

7. Garantire la sostenibilità ambientale;

8. Sviluppare un partenariato mondiale per lo sviluppo.

 

Ban Ki-moon e Xi Jinping si sono focalizzati in particolar modo sulla promozione dello sviluppo sostenibile e sul mantenimento della pace e della sicurezza del sistema internazionale.

Il Segretario Onu auspica la realizzazione del “sogno cinese”, che potrebbe avere un impatto positivo sulle Nazioni Unite; apprezza il supporto e la partecipazione della Cina alle operazione di mantenimento della pace.

Il 19 giugno il Segretario Ban Ki-moon ha incontrato anche il Ministro degli Esteri cinese Wang Yi, il quale ha affermato che la Cina è da sempre un sostenitore fedele all’Onu, ed ha espresso la volontà di Pechino di partecipare in maniera più attiva di modo da salvaguardare la pace, la stabilità e lo sviluppo globali.

Oggi l’incontro con il primo ministro Li Keqiang, il quale ha aggiunto che lo sviluppo e lo sviluppo sostenibile sono strettamente collegati. In qualità di maggiore paese in via di sviluppo, la Cina mette sempre lo sviluppo in posizione prioritaria, e presta sempre più attenzione allo sviluppo sostenibile.

È previsto il colloquio con altri importanti responsabili di politica estera secondo quanto annunciato dal portavoce Martin Nesirky.

Articolo precedente

همایش معرفی اندیشه های امام خمینی(ره) و رونمایی از کتاب «قوانین داخلی و سیاست های بین المللی ج.ا.ایران» در رم برگزار شد

Articolo successivo

ДУГИН В КИШИНЁВЕ, ИЛИ РЕАБИЛИТАЦИЯ ТРАДИЦИОНАЛИСТСКОГО ДИСКУРСА