La creazione del nemico islamico nel quadro della geopolitica nordamericana per il dominio mondiale

1 - Gli USA e la conquista dell’Europa I rapporti tra l’Europa nel suo complesso e gli Stati Uniti sono, sino alla fine del...

La strategia “soft” di Obama nel Mediterraneo

Le rivolte del Nord Africa hanno colto di sorpresa la Casa Bianca o vanno viste come il risultato di un lavoro paziente, ma continuo, cui Washington si è dedicata negli ultimi tempi? L’amministrazione americana ha perso l’occasione di influenzare gli eventi o ha contribuito a rendere possibili le ‘rivolte dei gelsomini’?

Il Nobel per la pace a Obama? Il trionfo del mondo virtuale

L’assegnazione del Premio Nobel per la Pace rientra in una raffinata strategia di marketing politico, ad uso e consumo delle masse occidentalizzate.

Libera Europa?

In molti casi la potenza altrui dipende dalla propria debolezza e dall’incapacità di saper cogliere quelle opportunità concesse dalla fase storica che rende effettivi i processi di trasformazione degli assetti globali, in seguito ai quali è poi possibile rincorrere e agguantare un’autonomia decisionale prima insperata.

Breve nota sulle rivelazioni di "Wikileaks"

Dietro a "Wikileaks" si nasconde un'operazione di intelligence. Probabilmente proveniente dagli USA stessi, ossia da una parte del suo establishment, che ha messo in imbarazzo l'amministrazione Obama ma fatto in modo che Washington, tra tutte le capitali coinvolte dalle rivelazioni, fosse quella che ne esce meno peggio.

11 settembre e neo-cons: l'opinione d'un diplomatico iraniano

Con l’influenza della NATO e degli stati alleati, i media ed i politici hanno abbracciano la teoria della cospirazione islamica come un’ovvia ed indiscutibile spiegazione per gli attacchi dell’11 settembre. Ma la verità di un uomo è la menzogna di un altro. Nel resto del mondo, prevale l’idea che l’evento fosse stato orchestrato dai neoconservatori. Questo è, per esempio, il punto di vista dell’Ambasciatore Mohsen PakAein, responsabile della politica iraniana nei confronti dell’Afghanistan.
quis, lectus commodo elementum id ante. commodo diam
0

Your Cart