Il Turkmenistan guarda a est

L’avvio di un nuovo gasdotto, il 14 dicembre, che collega il Turkmenistan e la Cina, è diventato uno dei momenti chiave nel gioco geopolitico volto ad ottenere nuove rotte per l’esportazione del petrolio e del gas dell'Asia centrale. Il nuovo gasdotto sarà il primo a consegnare il gas turkmeno (fino a 40 miliardi di metri cubi all'anno) ai mercati esteri, aggirando la Russia. Fino a poco tempo fa, la Russia acquistava la maggior parte del gas turkmeno, ma ora ha in programma di acquistarne quattro volte di meno.

Capitalismo e (dis)ordine mondiale?

L’idea di un declino dell’Impero Usa fu  formulata dai sociologi (storici) statunitensi, Eric Hobsbawm e Immanuel Wallerstein (Polanyi): un pensiero  tranciante che richiama molto...

Indebitamento estero nei PVS: analisi ed evoluzione della situazione debitoria

L’assetto internazionale ereditato dalla seconda guerra mondiale ha cambiato l’atteggiamento delle grandi potenze verso i Paesi emergenti ed in via di sviluppo...

In nome del gas! La strategia della Russia nei confronti del suo ex-impero

Al di là di ogni considerazione ideologica, la strategia russa del gas nei confronti dei suoi partner della CSI si fonda ormai sul solo interesse economico.

La contesa strategica dei gasdotti

Il 1° marzo il governo di Islamabad ha annunciato che entro il 2014 verrà ultimata la costruzione gasdotto Iran – Pakistan, per un costo che si aggira attorno agli 1,5 miliardi di dollari. Inizialmente tale gasdotto era stato progettato per raggiungere i terminali indiani di Fazilka, ma nel 2009 Nuova Delhi ha ceduto alle fortissime pressioni esercitate da Washington, che ha offerto le proprie tecnologie nucleari d’avanguardia per uso civile in cambio della rinuncia indiana alla finalizzazione del gasdotto.

Intervista ad Alain de Benoist

Come ha scritto bene Eduardo Zarelli, la società della crescita è un’antisocietà. Allora, la decrescita è l’unica soluzione possibile per tornare a essere comunità? «Che...

Perché l'enorme balzo dei prezzi del petrolio?

F. William Engdahl, Global Research, 16 Marzo 2012 Da ottobre dello scorso anno, il prezzo del petrolio greggio sui mercati mondiali dei futures è...

FMI: le dimissioni di DSK non sono un fatto ordinario

L’affaire Strauss Khan potrebbe avere altre implicazioni rispetto a quelle propugnate dai media, quali la possibile aggressione sessuale oppure la perturbazione politica nella designazione...

PRECISAZIONE SULLA FIAT E APPROCCIO GEOPOLITICO

La precisazione diffusa dalla Fiat giovedì 13 settembre (in allegato) e ripresa con enfasi e sorpresa da molti commentatori in Italia, non è in...

LA RUSSIA E L’AIIB

Il successo del lancio dell’Asian Infrastructure Investment Bank verrà probabilmente ricordato come una delle maggiori sconfitte geopolitiche subite dagli Stati Uniti nel corso di...
adipiscing id accumsan dolor. Aliquam mattis Lorem amet, non
0

Your Cart