Danilo Zolo
Tramonto globale. La fame, il patibolo, la guerra

Firenze University Press, Firenze 2010
€ 17,9 240 pp.
ISBN: 978-88-6453-076-5

Il libro
Tramonto globale è, secondo Danilo Zolo, l’orizzonte delle moderne democrazie. In un mondo in cui l’ideologia dell’arricchimento e della «guerra umanitaria» guida le scelte politiche occidentali, emergono i limiti della dottrina dei diritti umani e il clamoroso fallimento delle istituzioni internazionali che dovrebbero garantire la pace. Un protagonista del dibattito politico e filosofico contemporaneo affronta, in questa raccolta di saggi, fenomeni come la povertà, la fame, le malattie letali di centinaia di milioni di persone, il terrorismo, le migrazioni, l’esplosione penitenziaria, la telecrazia, lo smantellamento del Welfare state, la «paura globale». Rifuggendo l’ottimismo vile, il suo sguardo è coraggiosamente pessimista: trascorsa la notte possono splendere i primi raggi dell’aurora, ma per riuscire a vederli occorre «superare l’opacità dei luoghi comuni planetari, smascherare la sopraffazione, la falsità e l’ipocrisia del sistema politico ed economico-finanziario che oggi tenta di dominare il mondo e sta compromettendo le basi stesse della sussistenza dell’uomo».

Leggi l’introduzione:
http://www.fupress.com/Archivio/pdf%5C4298.pdf

L’autore
Danilo Zolo ha insegnato Filosofia del diritto e di Filosofia del diritto internazionale nella Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Firenze. Visiting Fellow nelle università di Cambridge, Boston, Pittsburgh, Harvard e Princeton, nel 1993 gli è stata assegnata la Jemolo Fellowship presso il Nuffield College di Oxford. Ha tenuto corsi di lezioni presso università dell’Argentina, del Brasile e del Messico e condotto ricerche in Corea del Nord, Afghanistan, Palestina e Colombia. Coordina il sito web Jura Gentium http://www.juragentium.unifi.it/ , Center for Philosophy of International Law and Global Politics. Fra i suoi scritti: Reflexive Epistemology (Kluwer, 1989); Democracy and Complexity (Polity Press, 1992); Cosmopolis (Feltrinelli, 1995) Invoking Humanity (Continuum, 2002); Globalizzazione. Una mappa dei problemi (Laterza, 2003); La giustizia dei vincitori (Laterza, 2006). Le sue opere sono apparse in numerose edizioni straniere.

Articolo precedente

Arabia Saudita: Un perfetto controesempio negli annali della geo-strategia globale

Articolo successivo

Chávez avanza