L’invenzione della “Realpolitik” e la scoperta delle “legge del potere”
August Ludwig von Rochau tra radicalismo e nazional-liberalismo

Collana “Quaderni dell’Istituto storico italo-germanico in Trento”

pp. 264, € 20,00

978-88-15-13178-2
anno di pubblicazione 2009

Sullo sfondo dei complessi processi di rinnovamento politico, sociale, economico e culturale che si verificarono in Germania nel corso dell’Ottocento e, in particolare, dal 1848 in poi, il volume ripercorre la biografia intellettuale di August Ludwig von Rochau (1810-1873).

Rochau ha introdotto nel lessico politico tedesco le nozioni, estremamente fortunate, di Socialismus e di Realpolitik, ma nonostante ciò risulta tuttora, rispetto ad altri pubblicisti politici della stessa generazione, un autore scarsamente noto sia in Italia sia in Germania.

Attraverso l’analisi del talora contraddittorio profilo politico e intellettuale di von Rochau – dagli anni giovanili dell’attiva militanza tra le fila delle associazioni studentesche sino agli anni della controversa conversione alla politica bismarckiana “del ferro e del fuoco” – il volume intende quindi ricostruire una porzione rilevante dei dibattiti che accompagnarono il processo di formazione dello Stato nazionale tedesco e al contempo le linee essenziali entro cui prese avvio, all’indomani del 1848, la riconfigurazione del nesso tra politica, morale e diritto alla luce del progressivo affermarsi del paradigma naturalistico della Realpolitik.

Federico Trocini, dottore di ricerca in Storia delle dottrine politiche, è attualmente borsista presso FBK – Studi storici italo-germanici. Il suo principale campo d’indagine è costituito dalla storia delle dottrine politiche in Italia e in Germania a cavallo tra Otto e Novecento.

Articolo precedente

La Fondazione Alferov Italia a Cuba

Articolo successivo

L'avvertimento