Gianni Ferraro
Enciclopedia dello spionaggio nella Seconda Guerra Mondiale
curato da Sara Meddi con la prefazione di Corrado Augias

collana Historos – diretta da Luciano Canfora
Sandro Teti Editore

prezzo: € 29
pp. 736
ISBN: 978-88-249278

http://www.sandrotetieditore.it

Il libro
Chi è il misterioso agente – nome in codice “Cicero” – che trafuga documenti riservati dall’ambasciata inglese ad Ankara? Chi muove le fila della rete antifascista “Frama” che opera nella Repubblica sociale?
Cosa prevede l’operazione “Sunrise” organizzata in Italia, al volgere della guerra, dal futuro capo della CIA Allen W. Dulles? In circa 1500 voci, frutto di uno scrupoloso lavoro di documentazione, l’Enciclopedia dello spionaggio compendia la storia segreta del secondo conflitto mondiale, presentando le imprevedibili mosse e gli oscuri protagonisti di una partita mortale in cui vige una sola regola: niente è ciò che sembra. Appassionato indagatore della storia dell’Intelligence, Gianni Ferraro ha composto un’opera monumentale che ricostruisce le attività dei servizi segreti alleati e dell’Asse dalla fine degli anni Trenta al dopoguerra.
Attraverso un fitto sistema di rimandi interni, i lemmi dell’Enciclopedia compongono un racconto organico in cui si mischiano codici impenetrabili e informative altamente confidenziali, enigmatiche trasmissioni radio e messaggi cifrati, tradimenti, doppiogioco e disinformazione. Con questo dizionario Ferraro ha conferito diritto di cittadinanza storica alla figura, sfuggente e romanzesca per antonomasia, della Spia.

L’autore
Pubblicista, saggista, cultore della storia e delle tradizioni popolari della Sicilia, Gianni Ferraro (1927-2002) è stato un infaticabile studioso delle attività d’intelligence. Ha collaborato con quotidiani e periodici siciliani, e ricoperto diverse cariche istituzionali per il comune di Vittoria (Ragusa). A neanche vent’anni fu interprete del comando americano e del governatore inglese durante lo sbarco in Sicilia delle forze alleate.

Articolo precedente

Ben Barnanke ed il “contro-Effetto Farfalla” delle rivolte arabe

Articolo successivo

Il gasdotto Iran-Pakistan e i diversi interessi in gioco