L’associazione culturale Strade d’Europa (info: stradedeuropa@hotmail.it) organizza venerdì 20 maggio alle ore 17:30 presso la Scuola Superiore di Lingue Moderne per Interpreti e Traduttori dell’Università degli Studi di Trieste (aula D1, primo piano ala destra, via Filzi 14 a Trieste) un convegno dal titolo Il nuovo Mediterraneo. Capire le rivolte arabe, le loro origini e gli scenari futuri. L’iniziativa, rientrante nel ciclo 2010/2011 dei Seminari di Eurasia, gode del patrocinio dell’IsAG (Istituto di Alti Studi in Geopolitica e Scienze Ausiliarie) e presenterà, a cura di giovani ricercatori, alcuni approfondimenti su cause, sviluppi, possibili esiti e ruolo dell’informazione riguardo i recenti sommovimenti che hanno coinvolto i Paesi dell’Africa settentrionale e portato a ripercussioni pure nel Vicino e Medio Oriente.
Daniele Scalea, segretario scientifico dell’IsAG e redattore di “Eurasia”, analizzerà il ruolo dei media negli eventi in esame e presenterà il libro Capire le rivolte arabe: alle origini del fenomeno rivoluzionario, scritto assieme a Pietro Longo, di imminente pubblicazione per i tipi di Avatar Editions.
Eleonora Ambrosi si soffermerà sul ruolo che l’Unione Europea (non) ha svolto in questi turbolenti mesi, sulle tensioni sorte fra l’UE stessa e l’Italia, nonché sulle problematiche connesse al nuovo flusso migratorio che tenta di attraversare il mar Mediterraneo.
Marco Bagozzi, presidente di Strade d’Europa e collaboratore di Eurasia, terrà una relazione di carattere eminentemente storico-filosofico, presentando le pubblicazioni che hanno caratterizzato la nascita della collana Gladio e Martello in seno alle Edizioni All’Insegna del Veltro, vale a dire Filosofia della rivoluzione di Gamal Abd Al-Nasser (di cui ha curato la prefazione) e Socialismo e tradizione di Mohammar Gheddafi.
Emanuele Bossi, dottore di ricerca in Geostrategia, accennerà agli esiti del suo studio recentemente concluso ed incentrato sul Libano ed il ruolo che vi svolge Hezbollah, ma approfondirà pure alcuni aspetti di cronaca inerenti la Siria e soprattutto la Palestina, alla luce del recente accordo fra Hamas ed Al Fatah e della svolta politica avvenuta in Egitto.
Lorenzo Salimbeni, dottorando di ricerca in Storia contemporanea, coordinerà ed introdurrà il seminario, prestando particolare attenzione alle vicende storiche che hanno portato alla dissoluzione dell’Impero Ottomano ed al nuovo corso che la politica della Turchia ha intrapreso negli ultimi anni.
Articolo precedente

La guerra in Libia, il potere degli Stati Uniti e il declino del sistema dei petrodollari

Articolo successivo

Le conseguenze economiche della crisi libica