Fonte: http://www.southasiaanalysis.org/papers42/paper4101.html Paper no. 4101 17 Ottobre 2010

La Cina, le cui relazioni con la Turchia hanno attraversato un periodo di tensione lo scorso anno, in seguito alla condanna turca delle atrocità che sarebbero state perpetrate dai cinesi sugli uiguri, nello Xinjiang controllato dai cinesi, a luglio, ha adottato delle misure per riparare le relazioni e cercare di avere il sostegno della Turchia per la pacificazione del Xinjiang. Il World Uighur Congress (WUC) con sede a Monaco, guidata dalla sua Presidente Rebiya Kadeer, gode di sostegno nella classe politica e nell’opinione pubblica in Turchia. Chiede l’indipendenza dello Xinjiang con il nome di Turkestan Orientale. Non è una organizzazione fondamentalista e non supporta il Movimento islamico del Turkestan orientale, che è alleato ad Al Qaeda e ai taliban afghani e pakistani.

2. Anche prima che le tensioni e le incomprensioni sorte nei rapporti tra la Cina e la Turchia, a seguito alla presunta repressione dei dimostranti pro-WUC da parte dell’Esercito di Liberazione Popolare (PLA) a Urumqi, nel luglio dello scorso anno, i due paesi stavano negoziando un esercitazione aerea congiunta tra le loro forze aeree, nello spazio aereo turco. Non hanno permesso che l’equivoco e le tensioni sulla presunta soppressione degli Uiguri interrompesse i negoziati.

3. Il ritorno della normalità nelle relazioni bilaterali è stato segnato da due eventi significativi nei mesi di settembre e ottobre 2010. Il primo è stato lo svolgimento dell’esercitazione aerea congiunta dalle forze aeree dei due paesi.  Secondo quanto riferito dalla stampa turca, l’esercitazione aerea comune ha avuto luogo tra il 20 settembre e il 4 ottobre, dalla base aerea di Konya in Turchia, nella regione dell’Anatolia centrale. L’aviazione turca ha impiegato caccia F-4 Phantom, utilizzati dagli Stati Uniti durante la guerra del Vietnam, mentre la Cina ha impiegato i caccia di costruzione russa SU-27. Gli aerei cinesi si sono riforniti in Pakistan e in Iran, durante il loro trasferimento verso la Turchia, e in Iran sulla via del ritorno per la Cina. I media turchi hanno parlato anche dello sviluppo congiunto di un missile superficie-superficie tra Cina e Turchia.

4. Il secondo evento significativo è stata la visita ufficiale del Primo Ministro Wen Jiabao in Turchia, mentre era sulla via del ritorno in Cina, dopo le visite ufficiali bilaterali in Grecia, Belgio e Italia e dopo aver frequentato il vertice Asia-Europa di Bruxelles. Wen è arrivato ad Ankara il 7 ottobre – tre giorni dopo la fine dell’esercitazione congiunta aerea – ed è rimasto per tre giorni. La sua visita è stata caratterizzata da manifestazioni anti-Cinesi degli Uiguri e dei loro sostenitori locali. Durante le manifestazioni permesse dalle autorità turche, sembra che queste abbiano respinto una richiesta di Kadeer di visitare la Turchia l’8 ottobre, per partecipare alle manifestazioni contro la Cina. E’ stato citato da rapporti dei media, che lei avrebbe detto che il WUC non avrebbe obiezioni al miglioramento delle relazioni della Turchia con la Cina, a condizione che l’obiettivo sia quello di portare Pechino riconoscere e rispettare i diritti umani degli Uiguri. Ha messo in guardia contro qualsiasi azione che possa agevolare la repressione cinese degli Uiguri.

5.In un colloquio con l’agenzia di stampa Anatolia, ha detto: “Sono stata delusa per il fatto che la Turchia riceverà il premier cinese Wen Jiabao l’8 ottobre. Dopo gli incidenti del 5 luglio 2009, migliaia di uiguri sono stati arrestati (dai funzionari cinesi) e non abbiamo sappiamo nulla di loro, da allora. Dopo il 5 luglio, il governo cinese ha esercitato forti pressioni sugli uiguri e terreni appartenenti agli uiguri sono stati loro tolti dalle autorità cinesi. La visita del Premier Wen Jiabao in Turchia sarebbe l’occasione per chiedere alla Cina delle pressioni cinesi sugli uiguri e incoraggiare la Cina a porre fine alla pressione. Gli uiguri combattono una battaglia per la vita o la morte. Siamo preoccupati per gli sforzi del governo cinese nel cambiare le opinioni del popolo turco. Sto cercando un modo per poter  visitare la Turchia l’8 ottobre, il giorno in cui il premier cinese Jiabao sarà in Turchia. Cercherò di trasmettere, con il popolo turco, le nostre richieste al premier cinese Jiabao. Mi aspetto che il governo turco mi fornisca lo stesso privilegio che ha concesso al premier cinese Jiabao. Vorrei essere in Turchia per raccontare la realtà al popolo turco“.

6. Questa è stata la prima visita di un primo ministro cinese in Turchia in otto anni. In un dispaccio del 9 ottobre da Ankara, l’agenzia di stampa del governo cinese Xinhua ha riferito che Wen e il Primo Ministro turco Recep Tayyip Erdogan, hanno deciso di aggiornare i loro legami bilaterali a livello di relazione di cooperazione strategica. Wen ha detto che lui ed Erdogan hanno raggiunto un ampio consenso nel corso dei colloqui e ha aggiunto che la decisione di costituire una relazione di cooperazione strategica avrà un effetto importante sulla pace e lo sviluppo nel mondo. Wen ha sottolineato, in una conferenza stampa congiunta con il suo omologo turco, che la Cina e la Turchia affrontano la minaccia delle tre forze malvagie del terrorismo, separatismo ed estremismo e condividono interessi comuni nella salvaguardia dell’integrità del territorio e della sovranità. Ha detto che la Cina continuerà ad approfondire la reciproca fiducia politica e a prendere misure attive per promuovere il commercio con la Turchia. La Cina attribuisce grande importanza all’influenza della Turchia negli internazionali affari e regionali. La Cina vuole incoraggiare gli investimenti delle imprese cinesi in Turchia e facilitare la cooperazione in vari settori economici, come progetti per l’energia, la costruzione di ponti e il settore finanziario, ha detto Wen.

7. I cinesi hanno fornito molti vantaggi alla Turchia, al fine di dissuaderla dal sostenere gli uiguri. Tra questi: una proposta per la costruzione congiunta di 4.500 km di ferrovie in Turchia e per la costruzione di un oleodotto Turchia-Iran. Le imprese cinesi sono già impegnati nella costruzione di ferrovie per due collegamenti con treni ad alta velocità.

8. Il valore del commercio bilaterale nel corso del 2009 ammonta a 14,2 miliardi di dollari – di cui 12,6 consistono in esportazioni cinesi. Così, la Cina è stata il principale beneficiario del commercio. I due Primi Ministri hanno concordato di aumentarne il valore a 50 miliardi di dollari entro il 2015 e a 100 miliardi di dollari entro il 2020. Hanno inoltre deciso di utilizzare le monete nazionali per svolgere il commercio. La Turchia ha accordi analoghi con la Russia e l’Iran.

9. Anche se la promozione delle relazioni economiche e di un partenariato strategico è stato proiettato come l’obiettivo principale della visita di Wen in Turchia, gli uiguri credono che lo scopo importante era quello di cercare il sostegno della Turchia per la pacificazione del Xinjiang cinese e per la neutralizzazione politica del WUC. Secondo fonti uigure, il Pakistan aveva svolto un ruolo attivo nel promuovere l’avvicinamento di Turchia e Cina, nonostante le proteste in Turchia negli ultimi anni, contro la repressione degli uiguri. Mentre gli uiguri sono anche preparati a comprendere le misure per la promozione delle relazioni economiche, sono sorpresi da una Turchia che accetta un’esercitazione aerea congiunta con l’aviazione della PLA (Air Force), nonostante il ruolo del PLA (Esercito) nella repressione degli Uiguri.

(L’autore è Segretario aggiunto (in pensione), della Segreteria di Gabinetto del Governo dell’India, Nuova Delhi e, attualmente, Direttore dell’Istituto per gli Alti Studi di Chennai.)

Traduzione di Alessandro Lattanzio
http://www.aurora03.da.ru
http://www.bollettinoaurora.da.ru
http://sitoaurora.xoom.it/wordpress/

Articolo precedente

La militarizzazione dello spazio

Articolo successivo

L'autunno caldo della Moldova