Si è tenuta sabato 4 dicembre 2010, alle ore 17.30 presso la Sala San Nicolò di Via Dante 6/A (primo piano) la conferenza “La Serbia, un ponte per l’Europa“. Sono intervenuti come relatori: Dragan Mraovic (ex console jugoslavo in Italia e docente all’Università di Bari) sui rapporti storici tra la Serbia e la Russia e la questione dell’ingresso di Belgrado nell’UE; Stefano Vernole (redattore di “Eurasia”, autore di saggi sul Kosovo) sulla situazione delle enclavi serbe in Kosovo e sui traffici illeciti nella regione; Marilina Veca (giornalista e scrittrice) sul suo romanzo Cuore di Lupo, dedicato proprio alla vicenda del Kosovo; Stefano Pilotto (docente di Storia dei trattati e delle relazioni internazionali all’Università degli Studi di Trieste), non potendo essere fisicamente presente, ha inviato una relazione riguardante il ruolo della Serbia nella politica internazionale.

Al termine dell’incontro è stata ufficializzata la costituzione a Trieste d’una delegazione dell’Associazione di Amicizia Italia-Serbia.

L’organizzazione è stata a cura dell’Associazione Culturale “Strade d’Europa” assieme a rivista “Eurasia”, Istituto di Alti Studi in Geopolitica e Scienze Ausiliarie (IsAG), “Nostra Gazzetta” e Comunità Religiosa Serbo-Ortodossa di Trieste, con il contributo dell’Università degli Studi di Trieste.

L’evento rientra nel Ciclo 2010-2011 dei Seminari di Eurasia.

Resoconto dell’evento (di Lorenzo Salimbeni)
Resoconto dell’evento (“Il Piccolo”)

Articolo precedente

Il Marocco e la questione saharawi tra storia ed interessi economici

Articolo successivo

Artico: l’importanza delle relazioni energetiche russo-norvegesi