Fonte: http://www.strategic-culture.org/pview/2011/02/18/unreal-revolutions.html


Nel corso della prima settimana di febbraio, i media globali e i blogger inquieti, eccitati per gli sviluppi in Egitto, continuavano a cercare di cogliere la logica che si trova dietro la sensazionale convenzione degli ambasciatori, consoli e capi di missione degli Stati Uniti di oltre 260 missioni diplomatiche degli Stati Uniti in 180 paesi, che è stato organizzato dal Dipartimento di Stato statunitense a Washington. Per quanto si potrebbe dire, il piano è quello di stendere Quadrennial Diplomacy and Development Review (QDDR), apparentemente modellato su un analogo documento del Pentagono, e svelare il concetto innovativo della leadership degli Stati Uniti sulla base dell’autorità civile. Il Capo degli Stati Maggiori Riuniti, ammiraglio M. Mullen, è stato l’oratore principale dell’evento. Il trasferimento delle strategie militari alla diplomazia ha lasciato il pubblico abitualmente imperturbabile, e la nuova dottrina si è facilmente combinata col concetto proprio di autorità civile, con l’obbligo di attuare un approccio sincrono alla politica internazionale all’interno della leadership, attraverso la struttura delle autorità civili. D’ora in poi, l’elenco delle priorità diplomatiche dovrebbe essere sostituito dagli interessi dell’economia aggressiva, nel perseguimento degli obiettivi del millennio e della governance globale.

I prossimi colloqui programmatici, nel senso dato da Mullen, sono stati indicati dall’ambasciatore USA alle Nazioni Unite S. Rice e dal nuovo capo dell’USAID R. Shah. Il punto stabilito da quest’ultimo, è che il Dipartimento di Stato dovrebbe spianare la strada alle imprese transnazionali nelle priorità economiche di oggi, come la sicurezza alimentare, la lotta contro l’AIDS e il cambiamento climatico, e l’aiuto umanitario in caso di catastrofi naturali.

Il piano per spianare la strada al grande business, con l’aiuto della Global Health Initiative o della Global Leadership Coalition, che porterà a riunire 400 imprese, organizzazioni no-profit ed esperti provenienti da 50 stati, è sostenuto dalle promesse che l’autorità civile sarà delegata a ricompensare il loro approccio “comprensivo” alla politica estera statunitense. L’offerta per la leadership nelle coalizioni mondiali è sostenuta finanziariamente da B. Gates, W. Buffett e T. Tuner che – in seguito al riorientamento delle loro attività verso la medicina, l’approvvigionamento alimentare e la lotta contro il cambiamento climatico – hanno promesso di donare il 50% delle loro fortune per i prossimi investimenti allo sviluppo sostenibile delle élite globali. Le propaggini più giovani della globalizzazione aggressiva – il fondatore di Facebook M. Zuckerberg, per esempio, prevedono anche di dividere la metà del loro patrimonio totale – è seguita con entusiasmo dai leader più anziani.

La nuova dottrina diplomatica degli Stati Uniti sostiene una maggiore efficienza rispetto alle tradizionali tecnologie dei diritti umani, nell’intervenire nell’economia e nella politica mondiale grazie alla capacità di attrarre investimenti privati, nell’uso dei trucchi più recenti della IT e alla fiducia su un versione adattata di quello che è noto come personale diplomatico. Il documento riflette un tentativo di dare senso al punto di equilibrio tra il diretto coinvolgimento del governo degli Stati Uniti nel processo di cambiamento dei paesi target degli interessi delle imprese degli Stati Uniti, e lo spostamento della responsabilità nella destabilizzazione al settore civile, a cui apparentemente è concesso il ruolo di leadership nella pianificazione del cambiamento. Il Dipartimento di Stato ha creato i nuovi Sottosegretario di Stato nelle posizioni per il coordinamento della crescita economica, dell’energia, e delle attività connesse con la protezione dell’ambiente. L’elenco delle nuove iniziative comprende, inoltre, i Sottosegretari di Stato per la sicurezza dei civili, per il controllo degli armamenti e la sicurezza internazionale, più il coordinatore della sicurezza informatica. Anche un speciale Dipartimento antiterrorismo dovrà presto nascere.

I commentatori sono rimasti nel dubbio sul perché, contrariamente all’obiettivo dichiarato dell’austerità del bilancio totale, il Dipartimento di Stato deve raddoppiare delle agenzie già esistenti. La battaglia sul bilancio del 2012 è appena all’orizzonte, ma già H. Clinton ha esortato i diplomatici, nel raduno di cui sopra, a influenzare i legislatori irresponsabili che rischiano di ridurre ulteriormente la spesa già scarsa, a prescindere dalla sfida alla leadership che gli Stati Uniti stanno affrontando nelle capitali arabe ribelli.

Considerando che le ribellioni e le sfide nelle capitali arabe sono i risultati evidenti dell’istigazione del Dipartimento Stato, quest’ultima affermazione può essere attribuita solo alla mancanza di coordinamento all’interno dell’agenzia. Tornando al 24 novembre 2008, gli allora sottosegretari di Stato per la Diplomazia e gli Affari Pubblici J. Glassman e dell’Ufficio Pianificazione Politica del Dipartimento di Stato J. Cohen, hanno informato con entusiasmo i media, di un’iniziativa che mira a formare un’alleanza globale dei movimenti giovanili. L’aspetto pratico del piano è che il Dipartimento di Stato USA sarebbe direttamente coinvolto nel sostegno finanziario, tecnico e organizzativo, nella formazione, assistenza e coordinamento dei movimenti giovanili d’opposizione in tutto il mondo, con particolare attenzione al Medio Oriente, Nord Africa, America Latina, e lo spazio post-sovietico. La lista dei partner del Dipartimento di Stato nel processo conta Facebook, Google, YouTube, MTV, AT&T e JetBlue. H. Clinton ha accolto l’idea attivamente nel 2009. I fondatori dell’alleanza sono l’ex consigliere C. Rice e H. Clinton, J. Cohen, che ora è top manager di Google e lavora per l’influente Council on Foreign Relations, J. Liebman, il fondatore di Howcast, una società che sforna manuali e video di istruzione per i rivoluzionari giovanili e R. Zander, ex analista della banca divenuto sviluppatore di software per i movimenti di opposizione giovanili. Cohen e Glassman hanno parlato al briefing media del 2008 dei loro legami con il movimento 6 aprile, un gruppo giovanile di opposizione egiziano, e in merito al piano per portare migliaia di persone in piazza per una protesta non-violenta.

Un consumatore russo di prodotti Howcast avrebbe visto alcuni caratteri familiari nel forum dell’Alleanza dei movimenti giovanili. N. Morari, per esempio, ha espresso una visione emotiva della rivoluzione Twitter in Moldavia. La rete sociale V Kontakte, che attualmente è in cima nella classifica in Russia, riprende gli appelli dei leader del 6 aprile alla lotta per la giustizia futura, con indirizzi e numeri di telefono per chi vuole partecipare. Sottolineando il ruolo dell’Alleanza quale strumento degli Stati Uniti nella prevenzione delle politiche anti-terrorismo, Glassman menzionava il partner – la britannica Quilliam creata da ex prigionieri politici egiziani, con relativa adesione della Hizb ut-Tahrir. Hizb ut-Tahrir, un gruppo radicale musulmano che ha recentemente preso del governo britannico milioni di sterline di sovvenzione, è noto per essere in contatto permanente con la comunità d’intelligence, offrendo raccomandazioni sulla scissione dei movimenti islamisti dall’interno e sessioni per la formazione di attivisti sociali, e ha la reputazione di formazione “pro-sionista“.

Importanti cambiamenti attendono i tradizionali schemi delle rivoluzioni colorate. Gli organizzatori delle nuove proteste non aspetteranno elezioni regolari per mettere in scena manifestazioni di massa che esigono il riconteggio degli scrutini, lo sbarco di osservatori occidentali o la soppressione degli esiti già annunciati ufficialmente. Il modello emergente prevede il controllo della popolazione sulla base dello scenario di una rivoluzione permanente che non comporta alcuna protesta sociale di sorta. Invece di portare in piazza tutte le richieste socialmente orientate, le folle canteranno “Putin deve andarsene!”, “Ben Ali sloggia!“, o “Mubarak molla!“. In Tunisia, la vecchia generazione sentiva un imbarazzo quando i media occidentali soprannominarono la rivolta Rivoluzione dei Gelsomini – nel 1987 gli ingegneri politici statunitensi diedero lo stesso nome al colpo di stato che portò al potere l’ormai spodestato Ben Ali. Mubarak che aveva servito gli Stati Uniti lealmente per tre decenni è stato cacciato dal paese, mentre le folle nelle strade del Cairo applaudivano, ma non riuscivano a realizzare, nel processo, che erano costrette ad assumere un ruolo in una rivoluzione mai avvenuta, in una rivoluzione irreale, in altre parole. Con le rivoluzioni irreali che sostituiscono dei logori politici pro-USA con dei nuovi giocatori, la logica di fondo sembra essere che le cose più cambiano, più rimangono invariate…

H. Clinton ha detto, nel corso della riunione diplomatica, che la nuova dottrina dovrebbe rafforzare la capacità degli Stati Uniti a prevenire le crisi e i conflitti e a rispondere ai focolai dei disordini. A giudicare dalla reazione uniformemente positiva dei media globali sulla nascita dei movimenti di “liberazione” nel mondo arabo, e l’assenza di invettive rivolti contro il cambio di regime guidato dagli USA, la “diplomazia popolare” è difatti vista come uno strumento efficace per prevenire l’emergere di sfide alla leadership statunitense nelle capitali arabe.


Traduzione di Alessandro Lattanzio

http://www.aurora03.da.ru

http://www.bollettinoaurora.da.ru

http://sitoaurora.xoom.it/wordpress/

Articolo precedente

A Bengasi esplode la lotta tra le due linee di Tripoli

Articolo successivo

Le mutevoli dinamiche del Medio Oriente: Prospettive strategiche per Stati Uniti, Russia e Cina