Stefano Pietropaoli
Abolire o limitare la guerra?
Una ricerca di filosofia del diritto internazionale
Polistampa 2008,
pp. 208, € 18,00
ISBN: 978-88-596-0427-3

Il libro

Può il diritto limitare la violenza della guerra? È possibile regolare giuridicamente l’avvio, la condotta e la conclusione di un conflitto armato? Il desiderio di “abolire” la guerra sul piano giuridico è espressione di un’utopia irenista? Oppure non è altro che la pretesa di trasformare la guerra in un’azione di polizia internazionale, illimitata e discriminante, contro un nemico dell’umanità?

A queste domande, la cui attualità è ribadita dalla escalation di conflitti armati degli ultimi anni, il volume risponde mediante una ricostruzione delle proposte teoriche che hanno segnato la storia del rapporto tra guerra e diritto, dalla elaborazione del diritto bellico romano alla dottrina della guerra giusta medievale, fino all’esperienza del diritto internazionale classico della prima età moderna e al suo tragico epilogo con il primo conflitto mondiale.

Organizzazione dell’opera:

1. BELLUM JUSTUM. DAL DIRITTO BELLICO ROMANO ALLA «GUERRA GIUSTA» DEL MEDIOEVO CRISTIANO

Il diritto internazionale antico e il problema della guerra – Guerra e diritto nel mondo romano – La dottrina medievale della «guerra giusta» – Il dominio spagnolo e la conquista del Nuovo Mondo. Dallo jus gentium allo jus inter gentes – La Seconda Scolastica e la disputa teologica sulla conquista

2. LA «GUERRA REGOLATA» DEL DIRITTO INTERNAZIONALE CLASSICO

Premessa – Il superamento della Seconda Scolastica e la nascita del diritto internazionale moderno – I padri del diritto internazionale – La riscoperta umanistica del diritto feziale – Le regole di condotta della guerra. Dalle elaborazioni seicentesche alle codificazioni dell’Ottocento – La codificazione del diritto di guerra – La «linea dell’emisfero occidentale»

3. VERSO LA GUERRA DISCRIMINATORIA

Processare il nemico: verso un «giustizia politica internazionale» – L’ultima guerra – Processare il Kaiser. La svolta verso un nuovo ordinamento internazionale – Carl Schmitt e il declino dello jus publicum europaeum

Quattro excursus conclusivi – Bibliografia – Indice dei nomi

L’Autore

Stefano Pietropaoli, dottore in Giurisprudenza (Università di Firenze), dottore di ricerca in Giustizia costituzionale e diritti fondamentali (Università di Pisa), segretario del centro di ricerca Jura Gentium, assegnista presso il Dipartimento di Teoria e Storia del Diritto (Università di Firenze). Contributi pubblicati in Eurasia. Rivista di studi geopolitici: Dalla guerra limitata alla guerra senza limiti. Ascesa e declino dello jus publicum europaeum (nr. 4/2007, pp. 115-143)

Articolo precedente

Carl Schmitt, Il concetto discriminatorio di guerra

Articolo successivo

Diccionario Latinoamericano de Seguridad y Geopolitica