Prima Parole chiave Barack obama

Parola chiave: barack obama

Gheddafi, Usama bin Ladin e i kamikaze occidentali

L'aggressione contro la Grande Jamahiryia Socialista Popolare di Libia e la farsa scenica dell'assassinio del 'Vecchio della montagna' (di propaganda massmediatica e disinformazione strategica), sono strettamente collegate. L'amministrazione Obama-Clinton, indirizzata da un altro 'Grande Vecchio', Zbignew Brzezinski, apparentemente sta riuscendo ad imporre un mutamento strategico fondamentale alla macchina militar-spionistica statunitense.

La presunta morte di Usama bin Ladin

Usama bin Ladin sarebbe stato ucciso a 50 km da Islamabad, in un complesso abitativo destinato a ufficiali delle forze armate e dell'intelligence del Pakistan, suscitando la sorpresa degli analisti per la presenza del nascondiglio del capo di al-Qaida in una città militare del Pakistan.

La Libia e la nuova dottrina strategica degli Stati Uniti

L'operazione militare alleata in Libia segna un importante cambiamento strategico. Washington ha rinunciato ad una guerra di occupazione e ha affidato ai suoi alleati le future operazioni di terra. Thierry Meyssan delinea il nuovo paradigma strategico degli Stati Uniti: la globalizzazione forzata viene interrotta, l'era dei due mondi comincia.

La strategia “soft” di Obama nel Mediterraneo

Le rivolte del Nord Africa hanno colto di sorpresa la Casa Bianca o vanno viste come il risultato di un lavoro paziente, ma continuo, cui Washington si è dedicata negli ultimi tempi? L’amministrazione americana ha perso l’occasione di influenzare gli eventi o ha contribuito a rendere possibili le ‘rivolte dei gelsomini’?

Il discorso di Obama sullo stato dell’Unione: l’America sul viale del tramonto

La novit è che nel suo discorso Obama insiste su due punti solitamente presenti nelle argomentazioni presidenziali di ogni amministrazione: ma lo fa con una sfumatura che, diversamente dal solito, denuncia preoccupazione e incertezza.

Washington affronta le rivolte arabe: sacrificare i Dittatori per salvare lo Stato

Questo saggio considera le ragioni che stanno dietro all’esitazione di Obama, quando è evidente che Mubarak ha terminato il suo ruolo di strumento utile per gli Stati Uniti e la sua destituzione sembrerebbe approvata da tutti, eccetto da Israele.

Eccezionalismo e declino della classe media negli Usa

Lsensazione di un’America in preda a un crescente estremismo politico e dove il centro moderato fatica sempre più a far sentire la sua voce. Fenomeni che non sono solo effetto di contingenti situazioni politiche, ma riflettono probabilmente mutamenti di più lungo termine della società americana.

Obama e la bufera delle elezioni di mid-term

I più recenti sondaggi pubblicati sul New York Times vedono un Obama in netta caduta, sia in termini di popolarità che di consensi. Brutta storia se si pensa che le elezioni di mid-term sono prossime e che i Democrats stanno cercando in ogni modo di dare vita a una campagna elettorale efficace.

Crisi economica: un possibile scacco politico

Secondo recenti sondaggi condotti negli USA, circa il 42% della popolazione ritiene che la questione principale di l'amministrazione Obama debba farsi carico sia proprio la crisi economica. Gli ultimi mesi hanno mostrato un parziale passo indietro nella già complicata strada della ripresa economica.

"La sfida totale". Intervista a Daniele Scalea

Riportiamo di seguito l'intervista effettuata da Simone Santini, per il sito “Clarissa.it”, a Daniele Scalea, redattore di “Eurasia”, a proposito del suo nuovo libro La sfida totale. . .
0

Your Cart