Prima Parole chiave Brasile

Parola chiave: Brasile

BRICS: I MATTONI DELL’EDIFICIO MULTIPOLARE

Dieci anni fa l’acronimo BRIC entrava nel lessico dell’economia e della finanza internazionali. Da allora la cooperazione tra i Paesi emergenti che tale sigla raggruppa ha assunto un registro sempre più marcatamente geoeconomico e geopolitico. Il consolidamento delle relazioni tra Brasile, Russia, India, Cina e, dal 2010, Sudafrica è stato possibile non solo a causa delle evidenti comuni necessità economiche in materia di modernizzazione e sviluppo – tipiche dei paesi emergenti – ma anche in virtù di una condivisa visione della politica internazionale. Il coordinamento politico sviluppatosi in ambito BRICS nel corso di pochi semestri costituisce un elemento di accelerazione della transizione uni-multipolare.

Brasile: un futuro da scegliere

Il biennio 2010/2011, ancora in fase di conclusione, ha rappresentato per lo Stato brasiliano un vero e proprio punto di non ritorno. Un biennio in cui oltre a consolidare la propria politica interna, senza risentire eccessivamente del passaggio Lula-Rousseff, l’attore brasiliano è stato capace di confermare, nonché di incrementare, il suo ruolo di protagonista all’interno dello scenario mondiale. A determinare questa evoluzione, tutta una serie di eventi che hanno definitivamente indicato il Brasile come un possibile leader futuro in grado di mutare gli assetti di un eventuale nuovo ordine internazionale.

Il ritorno degli Usa nell'America Indiolatina

“Gli Stati Uniti sembrano destinati dalla Provvidenza a piegare con la fame e la miseria l’America intera in nome della libertà” è quanto profetizzò...

Un "momento strategico" per il Sud America

Nel mezzo di una crescente turbolenza globale, la regione sudamericana si converte in uno spazio di confronto fra imperi decadenti e potenze emergenti. Protagonisti del dibattito: le numerose e crescenti risorse di idrocarburi e minerali, il potenziale idroelettrico più alto del pianeta, e le riserve di acqua e biodiversità. A conferma di ciò tre fatti recenti.

La nuova Bandung: il fronte dei Brics a Sanya

A consolidare il fronte dei Brics, all’indomani del vertice di Sanya, è certamente la condivisione di un obiettivo ambizioso: la traduzione del potere economico nel potere politico, l’acquisizione del peso decisionale all’interno delle maggiori organizzazioni internazionali, governate inesorabilmente dalle potenze occidentali. Proposito confermato dalle dichiarazioni del Presidente russo Dmitrij Medvedev

Stati Uniti e America Indiolatina: nuovi presidenti, vecchie abitudini

Concluso il primo tour di Barack Obama in America Indiolatina è tempo di tirare qualche somma. Il viaggio del presidente USA è stato rapido ma non di certo indolore. Le parole chiave che hanno contraddistinto le visite in Brasile, Cile ed El Salvador sono state: commercio, energia e sicurezza.

L'America Latina si schiera sul conflitto in Medio Oriente

Il Perù è per il momento l'ultimo paese che si è aggiunto alla ola sudamericana di riconoscimenti di uno stato palestinese indipendente che si è svolta nelle ultime settimane. Era stato l'ex-presidente Lula Ignacio Da Silva nel dicembre scorso ad aprire, da vero leader regionale, il valzer dei riconoscimenti.

Italia alla conquista dell’America latina

L’America latina rappresenta un mercato sempre più importante e in crescita per l’industria italiana dell’aerospazio, sicurezza e difesa, in particolare in Brasile, Panama e Perù. Il mercato latinoamericano vede una forte presenza dell’industria italiana dell’aerospazio, sicurezza e difesa.

L’effetto boomerang delle “sanzioni” contro il Brasile

Non è facile far assimilare la cultura del mercato alla nostra classe politica. Altrettanto difficile far capire che l’Italia non è l’ombelico del mondo e che la globalizzazione non coinvolge solo l’automobile, ma anche il settore dell’aerospazio, sicurezza e difesa.

L'affaire Battisti. Una crisi evitabile

La consegna di un ex terrorista non più attivo è un'ambizione legittima, ma non prioritaria per l'interesse nazionale. La crisi in corso col Brasile si sarebbe potuta evitare con un diverso atteggiamento da parte italiana: considerazioni di politica interna hanno influito sulla nostra politica estera. L'Italia critica atteggiamenti del Brasile che però non esita ad assumere in prima persona.
ut leo. elit. felis ipsum risus. libero. mattis suscipit
0

Your Cart