Prima Parole chiave Obama

Parola chiave: obama

LA NATO CADE NELLE SUE CONTRADDIZIONI

Il 20 e 21 maggio scorsi si è tenuto a Chicago il vertice della NATO. Erano presenti tutti i rappresentanti dei Paesi alleati, alcuni...

OBAMACARE ED ELEZIONI LEGATI A DOPPIO FILO

I had a dream: istituire un sistema sanitario, una sorta di assicurazione sanitaria pubblica alternativa a quella privata, lasciando la scelta ai cittadini. I...

La “Primavera Araba” alla luce della geopolitica del caos e della strategia russa

Che la cosiddetta "primavera araba" si stia rivelando, come molti seri e disincantati analisti temevano, una pessima stagione per gli arabi (e non solo...

Vertice di Chicago, la NATO esalta il suo declino

Il 25.mo vertice della NATO non è riuscito a rispondere alla domanda assillante che ossessiona l'Organizzazione dal crollo dell'Unione Sovietica: come può essere utile ai suoi membri, oltre a Regno Unito e USA? Esclusa ogni domanda sul massacro di 160000 libici o sulla cancellazione dell'attacco alla Siria, i capi di Stato e di governo hanno appena ricevuto l'ordine di finanziare il complesso militare-industriale degli Stati Uniti.

Diario di una guerra che non esiste

L’8 marzo abbiamo sentito passare molto vicino il sibilo dei proiettili. L’attacco all’Iran era all’ordine del giorno e ci mancava poco… ma l’opposizione dei militari, sia a Tel Aviv che a Washington ha avuto ragione della virulenza dei “politici”, dei neoconservatori e di altri Likudniki, Netanyahu e Obama in testa. Amano e vogliono la guerra color che non la conoscono e non la praticano che dai loro uffici o sulla carta, scrivendo la storia con la loro penna intinta nel sangue degli altri.

Crisi economica e campagna elettorale: gli ‘Obamiani’ alle strette

Alla vigilia della caduta del governo Berlusconi, il Times, celebre testata britannica, additava l’attuale ex Primo Ministro italiano come l’uomo alla guida dell’economia più...

Netanyahu visto da Obama e Sarkozy

Réseau Voltaire A seguito di un errore tecnico dei servizi della Eliseo, alcuni minuti di conversazione tra i presidenti Barack Obama e Nicolas Sarkozy sono...

Cambio di stile per la campagna presidenziale

Mancano ancora 14 mesi al voto che deciderà il nome del nuovo presidente degli Stati Uniti, ma Obama e i suoi esperti stanno delineando una nuova rotta per la campagna elettorale. Il target cui rivolgersi, ora, sembra essere quello delle minoranze etniche e, in particolare, l’attenzione è stata spostata sugli afroamericani e sulla comunità ebraica.

Agosto sarà il mese del rimpasto repubblicano per le presidenziali del 2012

La nomina repubblicana per le presidenziali del 2012 è stata fino ad ora una questione sopita, confusa e priva di interesse, punteggiata da interludi comici, ma questo mese diventa seria. Un dibattito, un sondaggio in Iowa e la possibile entrata nella corsa alla Casa Bianca del governatore del Texas Rick Perry renderanno probabilmente le prossime settimane le più importanti per la campagna.

Sul "tetto" del debito

Questa primavera gli USA hanno raggiunto il tetto legale del debito pubblico di 14.300 miliardi di dollari oltre il quale non è più possibile...
0

Your Cart