Prima Parole chiave Vladimir putin

Parola chiave: vladimir putin

"La parabola. Geopolitica dell’unipolarismo statunitense" – di Giacomo Gabellini, Anteo Edizioni, 2012

Il crollo dell’Unione Sovietica ha permesso a Washington di instaurare un assetto geopolitico unipolare incardinato sugli Stati Uniti. Per raggiungere questo obiettivo, i centri...

Il Ministro degli Esteri romeno: “Dobbiamo normalizzare i rapporti con la Russia: si sono...

Il ministro degli Affari esteri romeno, Andrei Marga, ha dichiarato di essere propenso a una normalizzazione dei rapporti con la Russia, precisando che invece...

Puskhov a Roma spiega le direttrici strategiche del terzo mandato di Putin

Martedì 17 aprile, presso la sala di Palazzo Santacroce a Roma, sede del Centro Russo di Scienza e Cultura di Roma, è andata in archivio la conferenza dal titolo “Il ritorno del presidente Putin: le prospettive della politica estera". I lavori sono stati introdotti dal presidente dell’ISPI, Giancarlo Aragona, seguito dal presidente della commissione Affari Esteri della Duma di Stato e presidente della delegazione russa presso l'Assemblea Parlamentare del Consiglio d'Europa, Aleksej Pushkov. Sono intervenuti anche Luisa Todini, presidente della sezione italiana del Foro di Dialogo Italo-Russo, e Franco Venturini del Corriere della Sera.

Seminario: “Verso l’Unione Eurasiatica. Il ritorno della potenza russa?”, resoconto, foto e video

Un folto pubblico al seminario modenese organizzato dall’associazione culturale ‘Pensieri in Azione’ in collaborazione con la rivista di studi geopolitici “Eurasia”, patrocinato dal...

Russia: Unione Euroasiatica, vertice leader a Mosca

(ANSA) - KIEV, 19 MAR - I principi alla base del trattato istitutivo dell'Unione euroasiatica, un progetto voluto dal premier (e presidente eletto) russo,...

La Russia e il mondo che cambia – prima parte

Réseau Voltaire riproduce l’articolo che il candidato Putin ha dedicato alla sua futura politica estera, sul quotidiano Moskovskie Novosti. In questa prima parte, ha osservato l’erosione del diritto internazionale derivante dall’ingerenza politica dell’Occidente, e presenta l’interpretazione russa della “primavera araba” come una rivoluzione colorata. Torna sulla catastrofe morale e umanitaria risultante dall’attacco alla Libia ed esamina le origini della bellicosità occidentale in Siria. Infine, parla delle sfide per la Russia in Afghanistan e Corea del Nord. Cinque anni dopo il suo discorso alla conferenza di Monaco, rimane fedele agli stessi principi. La Federazione Russa si pone come garante della stabilità globale e del dialogo tra le civiltà, basandosi sul rispetto del diritto internazionale.

T. Graziani sulle elezioni russe a Sky TG24 e Radio Vaticana

Tiberio Graziani, presidente dell'Istituto di Alti Studi in Geopolitica e Scienze Ausiliarie (IsAG) e direttore della sua rivista ufficiale "Eurasia", è stato invitato a commentare le recenti elezioni russe, ed in particolare il complesso dopo-elezioni, ai microfoni di Radio Vaticana (confrontandosi con Fabrizio Dragosei del "Corriere della Sera") e Sky TG 24 (ospite in studio durante l'edizione serale). Di seguito le trascrizioni dei due interventi.

Finanziamento ai partiti, dinamicità e staticità parlamentare in Russia

Anon molta distanza dalle elezioni parlamentari del 2011, la situazione di tendenza allo status quo sembra avere un’ulteriore conferma anche sotto la lente del finanziamento ai partiti. Questa “marmoreità” politica ha riportato la Russia sul grande scacchiere internazionale dopo anni di guinzaglio americano e delle multinazionali.

BP e il gioco di potere Rosneft-Gazprom

Il recente share swap tra la compagnia petrolifera russa Rosneft e la britannica British Petroleum non va inquadrato esclusivamente come un mero accordo economico, in quanto trattasi di un evento dai risvolti politici potenzialmente imprevedibili.

I dieci maggiori eventi geopolitici del decennio 2001-2010

Un decennio si è appena concluso, ed è tempo di bilanci anche per la politica internazionale. Abbiamo provato ad individuare 10 eventi "geopolitici", rappresentativi d'altrettante tendenze per lo più regionali e di medio-breve periodo, le quali rientrano nel quadro di una macro-dinamica globale e di medio-lungo periodo: la transizione dall'unipolarismo al multipolarismo.
elit. tempus eget consectetur in id, sem, dolor. leo ut
0

Your Cart