La Russia estrae più petrolio dell’Arabia Saudita, rendendola il più grande produttore di “oro nero” nel mondo, come le cifre dimostrano. Le statistiche, dell’Opec, indicativi di una tendenza che ha visto i russi superare periodicamente i sauditi come maggiori produttori di petrolio al mondo dal 2002. Questi ultimi dati sono stati chiamati direttamente dalla Russia come prova del fatto che tali picchi di produzione sono periodici, e non sono una tantum e che Mosca ha veramente il diritto di pretendere di essere il numero 1.

Secondo l’Opec, la Russia ha estratto 9,236 milioni di barili di petrolio al giorno nel mese di giugno, più di 46.000 rispetto all’Arabia Saudita. Le statistiche inoltre indicano che la produzione russa nel primo semestre di quest’anno ha avuto un aumento di 235,8 milioni di tonnellate, un miglioramento annuale del 2,3 per cento.

Tradizionalmente, l’Arabia Saudita è stata ritenuta la fonte primaria di petrolio nel mondo e la Russia ha dovuto accontentarsi del secondo posto. Ma negli ultimi anni la Russia ha rinazionalizzata e modernizzato gran parte della sua industria e tale politica sembra essere dare i suoi frutti. Anche gli analisti russi ammettono che la causa di Mosca è aiutata dal fatto che l’Arabia Saudita è soggetta a restrizioni alla produzione dall’Opec. I sauditi sono famosi per la loro capacità di accedere alle riserva e di aumentare la produzione in tempi brevi, e se davvero volevano riaffermare il loro ruolo di leadership la sensazione è che potrebbero farlo facilmente.

Incurante di questi “dettagli”, in Russia la “caduta” dei sauditi è stato salutata ieri a livello nazionale. Il quotidiano populista Komsomolskaya Pravda ha pubblicato un articolo intitolato “La Russia è al primo posto in classifica nella produzione di petrolio”.

Con i prezzi del petrolio al di sopra dei 70 dollari al barile per il Brent di Londra, a causa delle incertezze sulla fornitura del gasdotto della BP in Alaska e della crisi iraniana, la Russia si gode una miniera d’oro senza precedenti. Ma gli analisti dicono che la sua industria del petrolio è già al lavoro al massimo della capacità e che sarà in grado di gestire una produzione aumenta fino a solo il 2 per cento l’anno per il 2009.

Ci sono anche i timori che la Russia stia diventando troppo dipendente da ciò che i politici chiamano “l’ago del petrolio” e stia facendo troppo poco per sviluppare flussi di entrate future.

Il prezzo del petrolio e del gas pesano per 52,2 per cento di tutte le entrate del Tesoro dello Stato, e per oltre il 35 per cento delle esportazioni della Russia. Tali ricchezze possono rendere un paese compiacente, secondo Aleksej Kudrin, il ministro delle Finanze russo. “Allo stato attuale, ci troviamo in una zona di una pericolosa spensieratezza”, ha detto.

Fonte: nzherald.co.nz – 23/08/2009

Traduzione di Alessandro Lattanzio
http://www.aurora03.da.ru
http://www.bollettinoaurora.da.ru
http://sitoaurora.narod.ru
http://sitoaurora.altervista.org
http://eurasia.splinder.com

Articolo precedente

Rivelato il « Progetto israeliano »

Articolo successivo

Igor Panarin, Il crollo degli Usa potrebbe iniziare tra due mesi