L’Ambasciatore M. K. Bhadrakumar ha servito come diplomatico di carriera indiano per oltre 29 anni. Tra le sue sedi: Unione Sovietica, Corea del Sud, Sri Lanka, Germania, Afghanistan, Pakistan, Uzbekistan, Kuwait e Turchia.

Gli Uzbeki spiegano l’ingegnosità delle loro menti, ripetendo spesso questo adagio: nel parlare, raramente sono sinceri, e quando agiscono, quasi mai prendono in considerazione ciò che hanno in mente.
Certo, è un esercizio arduo cercare di dare una interpretazione definitiva a ciò che il Ministro degli Affari Esteri uzbeko ha voluto dire lunedì scorso, affermando che “l’attuazione di tali progetti”, come la decisione russa di istituire una seconda base militare in Kirghizistan, potrebbe in parte “causare vari tipi di conflitti nazionalisti”, “rafforzare il processo di militarizzazione” e “destabilizzare seriamente la situazione nella regione”.
Era una preoccupazione sincera, una velata minaccia o mera retorica? Sabato, il presidente russo Dmitry Medvedev e il suo omologo del Kirghizistan, Kurmanbek Bakiyev, hanno firmato un memorandum sulla presenza militare della Russia in Kirghizistan. Il Kirghizistan è già ospita un aeroporto a Kant e altri quattro strutture militari russe. Si stima che circa 400 soldati della 5a Armata russa siano in questa base, come pure degli aerei d’attacco Sukhoi SU-25 Frogfoot ed elicotteri da trasporto Mi-8.

Il CSTO è a un bivio
Il memorandum, firmato a Bishkek, in Kirghizistan, intende ospitare un contingente russo che potrebbe raggiungere le dimensioni di un battaglione e un centro di formazione per il personale militare dei due paesi. Inizialmente, Mosca ha proposto di implementare una unità delle dimensioni di un battaglione che aderisse all’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva (CSTO), nel sud del Kirghizistan, a Bataken.
La presente relazione è sulla natura degli accordi bilaterali Russia-Kirghizistan. Il Kirghizistan ha detto che è ricettivo ai contributi dei partner della CSTO per quanto riguarda la nuova banca dati, che sarà formalizzata da un accordo in novembre. La CSTO comprende Armenia, Bielorussia, Kazakistan, Kirghizistan, Uzbekistan, Russia e Tagikistan.
Il CSTO è a un bivio. Gli sforzi di Mosca di trasformare la sgangherata alleanza per la sicurezza in una vera e propria organizzazione, non hanno portato da nessuna parte. Ma in Asia centrale, le cose non sono sempre quelle che sembrano in superficie. Con una intrigante giravolta, la “decisione finale” su questa nuova base è stata rinviata fino a novembre.
Tashkent crede che con i modelli geopolitici, in Asia centrale, in movimento continuo, sarà pagante ricalibrare la sua associazione con la CSTO. In ogni caso, gli americani sono soddisfatti dalla sfida strategica che Tashkent pone a Mosca. Il bazar in Asia centrale è al suo massimo, con le voci secondo cui il Presidente Obama potrebbe premiare il suo omologo uzbeko, Islam Karimov, con l’invito a visitare Washington.
Tuttavia, i russi sanno meglio di chiunque che gli uzbeki sembrano seguire un piano. Le manovre Russe per rafforzare la loro presenza militare in Kirghizistan, sono destinate a contrastare la rinnovata spinta degli Stati Uniti in Asia centrale. La NATO ha recentemente organizzato una riunione del Forum del Partenariato euro-atlantico (EAPC) in materia di sicurezza, ad Astana, in Kazakistan. E’ stata la prima riunione di questo tipo al di fuori del territorio della NATO. La NATO ha effettuato un reale passo in direzione dell’Asia centrale e questo preoccupa Mosca.
Eppure è difficile immaginare che Mosca sia stata presa di sorpresa dalla posizione di Tashkent. Tashkent è stato tiepida verso il progetto russo per costruire rapidamente il CSTO. Lo scorso dicembre, al vertice informale del CSTO, che si è riunito Borovoy, la Russia ha sollevato per la prima volta l’idea di creare una nuova Forza di Reazione Collettiva Operativa (FCRO) “della potenza comparabile a quelle delle forze NATO”, l’Uzbekistan non ha partecipato a questo vertice.
Tuttavia, Mosca è andata avanti e quando la Russia ha ufficialmente annunciato il FCRO al vertice CSTO di Mosca, il 4 febbraio, Tashkent ha adottato un atteggiamento ambivalente. Mosca ha presentato senza tenerne alcuna considerazione e ha formalmente istituito il FCRO al vertice della CSTO di Mosca, il 14 giugno. Non è sorprendente che l’Uzbekistan si sia rifiutato di firmare.
Al vertice, ecco ciò che Medvedev ha dichiarato: “Siamo aperti alla possibilità che i nostri partner che non hanno firmato i documenti, li firmeranno alla fine, in un secondo momento, dopo aver esaminato e valutato la situazione. Mi riferisco all’Uzbekistan, che ha dei dubbi, ma non ha escluso tale possibilità in sé. Il Presidente dell’Uzbekistan ha detto che ne analizzerà gli aspetti per riprendere, in una fase successiva, la discussione per l’accordo.”

Tashkent risponde …
Tuttavia, Tashkent non vede l’ora di reagire. Il 23 giugno il Ministero degli Affari Esteri uzbeko ha fatto una dichiarazione chiarificatrice, secondo cui Tashkent avrebbe sostenuto la nuova FCRO, ma solo per respingere una “aggressione straniera”, ma non per occuparsi dei conflitti “congelati” dell’era post-sovietica o per essere messa a disposizione nel caso di un conflitto interno in un qualsiasi stato membro; “il FCRO non dovrebbe essere trasformato in uno strumento per risolvere i problemi, non solo all’interno della CSTO, ma anche all’interno della CSI (Comunità di Stati Indipendenti).”
Ecco ciò che è stato detto: “Ogni Stato membro della CSTO è in grado di risolvere i suoi conflitti e problemi interni con le proprie forze, senza il coinvolgimento di forze armate straniere. Ha sottolineato che l’eventuale decisione di attivare il meccanismo di FCRO deve essere basata sul rispetto assoluto del principio del consenso”.
Ciò che emerge è che Mosca ha tenuto conto del movimento generale della politica estera uzbeka, degli ultimi due anni, verso un riavvicinamento con l’Occidente e la Russia ha assunto la deliberata decisione di fare uscire dal suo guscio Tashkent. I commentatori a Mosca hanno espresso frustrazione per i partner del CSTO, che escono vincitori su entrambi i fronti – ricevendo generose attenzione dall’ovest mentre godono della copertura di sicurezza e del sostegno politico della Russia.
Ma Tashkent era già stata esattamente in questa situazione, in precedenza. Dieci anni fa, l’Uzbekistan ha lasciato la CSTO per aderire al GUUAM (Georgia, Uzbekistan, Ucraina, Azerbaigian e Moldavia), per poi lasciarlo (e distruggerlo prematuramente) e, in ultima analisi, espellere gli Stati Uniti dalla base di Karshi Khanabad nel 2005.
Tashkent ritiene che gli Stati Uniti e la NATO siano in Afghanistan da troppo tempo, nonostante la fine del gioco in questa guerra. La sua priorità è quella di garantire che i vantaggi dell’altra sponda del Amu Darya, non mettano in pericolo la sicurezza dell’Uzbekistan. Lavorare con gli Stati Uniti e la NATO contribuisce ad ottenere un capitale politico. D’altro canto, fornire supporto logistico alle forze degli Stati Uniti e della NATO in Afghanistan è di gran lunga vantaggioso. Le società russe stanno facendo i soldoni noleggiando gli aerei gigante Antonov agli Stati Uniti, per consegnare i carichi in Afghanistan. Uzbekistan spera di ottenere una quota degli affari per la ricostruzione dell’Afghanistan.
La verità è che Washington non dovrebbe nemmeno pensare a un “cambiamento di regime” a Tashkent. Inoltre, Washington dovrebbe riconoscere Tashkent come la capitale chiave per l’Asia centrale. Gli Stati Uniti dovrebbero prendere in considerazione le preoccupazioni dell’Uzbekistan per quanto riguarda la stabilità regionale in Asia centrale. L’Uzbekistan è infastidito nel vedere che il Kazakistan l’ha gradualmente superato come potenza regionale.
Tutto questo sembra essere troppo. Obama può davvero soddisfare gli esigenti livelli di partenariato di Karimov? Ma gli interessi degli Stati Uniti e dell’Uzbekistan hanno un punto di convergenza. La posizione strategica dell’Uzbekistan, in realtà, è un ottimo punto d’ingresso per l’espansione dell’influenza degli Stati Uniti in Asia centrale. Tashkent, a sua volta, sta creando un Afghanistan stabile, che potrebbe fornire uno sbocco sul mercato mondiale, aggirando il territorio russo. Dagli anni ‘90, Tashkent ha sentito il bisogno di impegnarsi a un alto livello politico con il regime talebano di Kabul.
L’amministrazione di Bill Clinton ha abilmente sostenuto le aspirazioni di Tashkent, Uzbekistan, e l’ha incoraggiato a trattare con i talebani. La politica “intelligente” di Obama riprende laddove quella di Clinton s’era fermata.
Ma finora vi è una contraddizione fondamentale, mentre gli altri paesi dell’Asia centrale subiscono le aspirazioni di egemonia regionale di Tashkent.

… Ma le loro mosse sono state vanificate da Mosca
Non è sorprendente che Mosca abbia dato priorità ai suoi legami con Bishkek e Dushanbe. Sebbene l’Uzbekistan è un paese più grande, nei termini del problema afgano (e sicurezza regionale), il Tagikistan e il Kirghizistan sono vitali. Oltre a isolare Bishkek e Dushanbe dal loro grande fratello uzbeko, una base nel sud del Kirghizistan Mosca permetterà di controllare la vena giugulare della regione. Il Kazakistan non si è opposto alla manovra russo.
Mosca ha offerto a Bishkek e Dushanbe un pacchetto di assistenza, per un totale di un miliardo di dollari. Durante la sua visita della scorsa settimana a Dushanbe, Medvedev ha detto che la Russia è impegnata in “nuovi grandi progetti nell’Asia centrale, simili al megaprogetto idroelettrico Sangtuda-1, che ha inaugurato.” Medvedev ha detto: “La Russia ritiene che le sue relazioni amichevoli con il Tagikistan, il nostro partner strategico hanno un grande valore,… in questo momento stiamo preparando una serie di nuovi accordi di cooperazione nel settore energetico e nella prospezione geologica. Ci auguriamo ulteriori decisioni molto produttive da parte dei nostri governi e della commissione intergovernativa, che terrà la sua decima riunione a Dushanbe, a settembre.”
In linea di principio l’approccio russo, dando la priorità alla cooperazione economica con il Kirghizistan e il Tagikistan, è ragionevole. Ma la capacità della Russia di finanziare le economie dell’Asia centrale è seriamente limitata. In ogni caso, il successo della strategia del Cremlino, nell’aumentare la sua influenza militare in Asia centrale, è direttamente legata alla coesione della CSTO. E senza la partecipazione attiva dell’Uzbekistan, la CSTO manca di impatto.
Pertanto, gli sviluppi delle ultime settimane, spingono il CSTO in una zona grigia. Le dinamiche all’interno della CSTO sono state colpite. La posizione dominante della Russia resta, ma la sua capacità di dirigerla sta cominciando a essere minacciata, in base alle molte tensioni che coinvolgono un gran numero di paesi. A sua volta, ciò potrebbe avere un impatto sulla situazione della sicurezza in Asia centrale.
La Cina comincia a preoccuparsi. Un commento del Quotidiano del Popolo ha deplorato il fatto che la CSTO ha omesso di adottare una posizione unitaria per affrontare “la crescente infiltrazione della NATO nella regione”, e “ha chiesto l’urgente necessità di trasformare l’organizzazione [CSTO], con il superamento dell’alleanza politico-militare con un’organizzazione internazionale multifunzionale.” Dal punto di vista di Pechino, la Russia può rimuovere efficacemente l’”occidentalizzazione dei suoi vicini, ma solo attraverso un approccio aperto, piuttosto che attraverso un gesto sfrontato per guadagnare influenza militare.”
Questo commento si concludeva con una critica amichevole: “La CSTO potrebbe crescere e svilupparsi gradualmente sulla scena internazionale, ma solo quando attribuirà importanza alle preoccupazioni dei suoi paesi membri in campo sociale, economico e della sicurezza, essa coopererà con altre organizzazioni internazionali e otterrà il riconoscimento internazionale nella lotta contro il traffico di droga e il traffico di armi, così come la condivisione delle informazioni sulla sicurezza.”
Ma poi, la Cina ha il suo modo di fare le cose, come la Russia il proprio.
*http://www.mondialisation.ca/index.php?context=va&aid=14731, 11 agosto 2009 Asia Times

Traduzione di Alessandro Lattanzio
http://www.aurora03.da.ru
http://www.bollettinoaurora.da.ru
http://sitoaurora.narod.ru
http://sitoaurora.altervista.org
http://eurasia.splinder.com

Articolo precedente

Potrà mai decollare il VEGA?

Articolo successivo

Dietro le quinte della guerra tra la Germania e la Polonia