Dopo l’arrivo delle forze internazionali nel Kosovo e Metochia nel 1999 gli albanesi hanno distrutto circa 6750 tombe serbe nei 250 cimiteri, mentre nei 60 cimiteri non è rimasta in piedi nemmeno una tomba ortodossa serba. I vandali schipetari hanno anche fatto saltare in aria alcuni cimiteri completi come quello di Staro Gracko presso Lipljan.

Nella parte del sud di Kosovska Mitrovica dove ora vivono prevalentemente gli albanesi sono distrutte 550 tombe e la cappella è stata bruciata.

Nella parte del nord di Kosovska Mitrovica dove ora vivono prevalentemente i serbi non c’è alcuna tomba albanese danneggiata o distrutta.

Nel cimitero di Pristina sono stati distrutte più di 500 tombe serbe. La polizia della UNMIC ha comunicato che solo in una notte della fine dell’agosto del 2004 sono state distrutte 70 tombe. Gli albanesi vi costruiscono i palazzi e vi scaricano la terra scavata per annientare ciò che è rimasto del cimitero serbo.

In presenza delle forze internazionali gli schipetari hanno trasformato il cimitero ortodosso serbo di Belo Polje presso Pec in una discarica di rifiuti. Il cimitero di periferia di Djakovica, nel quale sono stati sepolti anche alcuni soldati francesi morti nella Prima guerra mondiale, è stato trasformato nella pattumiera.

L’UNMIC ha pagato operai albanesi per ripulire un cimitero serbo e questi hanno colto l’occasione di spezzare tutte le croci cristiane delle tombe, senza essere puniti dalle forze internazionali.

In molti casi gli schipetari trasformano i cimiteri ortodossi serbi in  pascoli o strade.

Nei cimiteri del Kosovo e Metochia centrale gli schipetari hanno aperto le cripte e i sepolcri serbi e hanno sparpagliato per i campi le ossa dei morti serbi.

I rappresentanti internazionali e le forze della NATO constatano questi vandalismi albanesi ma non fanno niente per impedirlo o trovare i colpevoli.

Nemmeno una protesta contro i vandali. I giornalisti occidentali tacciono. L’Europa tace. La Chiesa cattolica tace. Amnesty International tace.  Se i serbi avessero danneggiato una sola tomba albanese si sarebbe scatenato il putiferio antiserbo.

Europa decadente, le tombe cristiane serbe del Kosmet che sono state distrutte dai barbari schipetari sono la tua vergogna!

Articolo precedente

"I giorni migliori devono ancora arrivare"

Articolo successivo

Un attacco contro l’Iran non sarebbe che un preludio alla realizzazione dei veri obiettivi di Israele