Autore: Fabrizio Di Ernesto
 
La linea politica e quella finanziaria oggi sono legati a doppio filo a quell’Unione europea che tramite l’Euro il Mes, il Fiscal compact ha sostanzialmente svuotato il nostro Parlamento di ogni sovranità politica e monetaria rendendoci succubi delle decisioni prese a Bruxelles da un ristretto gruppo di tecnici che operano in rappresentanza di determinate lobby.La politica militare invece è totalmente dipendente a quella imposta dagli Usa tramite la Nato e l’Onu, senza considerare poi l’Eurogendfor, la nuova polizia sovranazionale creata da alcuni Stati europei con poteri e competenze pressoché illimitate. L’unico campo dove la nostra politica può ancora dirsi libera è quello economico, ed infatti l’Italia continua a stingere accordi commerciali anche con quei Paesi come l’Iran o la Siria messi alla gogna da tutta la comunità internazionale, accordi però che vanno quasi sempre a vantaggio dei grandi gruppi industriali.Il bilancio appare però quanto mai negativo, con il nostro che oggi, come non mai in passato, appare un Paese in via di sottosviluppo.

Schermata 2013-04-08 a 12.13.54 PM

http://www.anteoedizioni.eu/anteoedizioni/store/products/giri-di-valzer/#

Articolo precedente

INTERVISTA A STEFANO VAJ SUL CASO DEI MARÒ

Articolo successivo

IDEOLOGIA DI STATO E POLITICA GIOVANILE DELLA REPUBBLICA DI BIELORUSSIA. PRIORITÀ E VALORI STRATEGICI