Questo articolo del Ministro degli Esteri russo Sergej V. Lavrov è stato pubblicato un anno fa, il 28 giugno 2021. Esso risulta particolarmente interessante per chi voglia conoscere il punto di vista ufficiale russo, espresso ben prima dell’”operazione militare speciale” in Ucraina.

 

La conversazione franca e generalmente costruttiva che ha avuto luogo durante l’incontro al vertice del 16 giugno 2021 tra il Presidente russo Vladimir Putin e il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden a Ginevra ha portato a un accordo per l’avvio di un dialogo sostanziale sulla stabilità strategica, riaffermando la premessa fondamentale che la guerra nucleare è inaccettabile. Le due parti hanno inoltre raggiunto un’intesa sull’opportunità di avviare consultazioni sulla sicurezza informatica, sul funzionamento delle missioni diplomatiche, sulla sorte dei cittadini russi e statunitensi imprigionati e su una serie di conflitti regionali.

Il Presidente russo ha chiarito, anche nelle sue dichiarazioni pubbliche, che trovare un equilibrio di interessi reciprocamente accettabile, rigorosamente su base paritaria, è l’unico modo per ottenere risultati su uno qualsiasi di questi binari. Non ci sono state obiezioni durante i colloqui. Tuttavia, nel periodo immediatamente successivo, i funzionari statunitensi, compresi quelli che hanno partecipato all’incontro di Ginevra, hanno iniziato ad affermare quelli che sembravano essere dei principi scontati, affermando di aver “chiarito” a Mosca, “avvertito ed esposto le loro richieste”. Inoltre, tutti questi “avvertimenti” sono andati di pari passo con le minacce: se Mosca non avesse accettato le “regole della strada” stabilite a Ginevra nel giro di qualche mese, avrebbe subito nuove pressioni.

Naturalmente, non è ancora chiaro come procederanno le consultazioni per definire le modalità specifiche di adempimento delle intese di Ginevra. Come ha detto Vladimir Putin durante la sua conferenza stampa dopo i colloqui, “abbiamo molto su cui lavorare”. Detto questo, è significativo che la posizione inamovibile di Washington sia stata espressa subito dopo i colloqui, soprattutto perché le capitali europee hanno immediatamente recepito l’atteggiamento del Grande Fratello e hanno ripreso il filo del discorso con molto gusto e piacere. Il succo delle loro dichiarazioni è che sono pronti a normalizzare le relazioni con Mosca, ma solo dopo che questa avrà cambiato il suo comportamento.

L’impressione generale è quella di un coro preordinato per cantare insieme al cantante principale. Sembra che questo sia stato il senso della serie di eventi occidentali di alto livello che hanno preceduto i colloqui tra Russia e Stati Uniti: il vertice del Gruppo dei Sette in Cornovaglia, Regno Unito, il vertice della NATO a Bruxelles e l’incontro di Joe Biden con il Presidente del Consiglio europeo Charles Michel e la Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen.

Questi incontri sono stati accuratamente preparati in modo da non lasciare dubbi sul fatto che l’Occidente volesse inviare un messaggio chiaro: è unito come mai prima d’ora e farà ciò che ritiene giusto negli affari internazionali, costringendo gli altri, in primo luogo Russia e Cina, a seguire il suo esempio. I documenti adottati ai vertici di Cornovaglia e Bruxelles hanno consolidato il concetto di ordine mondiale basato sulle regole come contrappeso ai principi universali del diritto internazionale sanciti dalla Carta delle Nazioni Unite.

In questo modo, l’Occidente evita deliberatamente di esplicitare le regole che pretende di seguire, così come evita di spiegare perché sono necessarie. Dopo tutto, esistono già migliaia di strumenti giuridici internazionali universali che stabiliscono impegni nazionali chiari e meccanismi di verifica trasparenti. La bellezza di queste “regole” occidentali sta proprio nel fatto che non hanno un contenuto specifico. Quando qualcuno agisce contro la volontà dell’Occidente, quest’ultimo risponde immediatamente con un’affermazione priva di fondamento: “le regole sono state infrante” (senza preoccuparsi di presentare alcuna prova) e dichiara il suo “diritto di chiamare i responsabili a rispondere delle proprie azioni”.

Quanto meno specifiche sono le regole, tanto più libera è la mano di continuare con la pratica arbitraria di impiegare tattiche sporche per fare pressione sui concorrenti. Durante i cosiddetti “selvaggi anni ’90” in Russia, si era soliti definire tali pratiche come “stabilire la legge”.

Per i partecipanti ai vertici del G7, della NATO e dell’Unione Europea, questa serie di eventi di alto livello ha rappresentato il ritorno degli Stati Uniti negli affari europei e il ristabilito consolidamento del Vecchio Mondo sotto l’ala della nuova amministrazione di Washington. La maggior parte dei membri della NATO e dell’UE ha accolto questa inversione di rotta con commenti entusiasti piuttosto che con un semplice sospiro di sollievo. L’adesione ai valori liberali come stella guida dell’umanità fornisce una base ideologica per la riunificazione della “famiglia occidentale”. Senza falsa modestia, Washington e Bruxelles si sono definite “un’ancora per la democrazia, la pace e la sicurezza”, in opposizione all'”autoritarismo in tutte le sue forme”. In particolare, hanno proclamato la loro intenzione di usare le sanzioni per “sostenere la democrazia in tutto il mondo”. A tal fine, hanno accolto l’idea americana di convocare un vertice per la democrazia. Non fraintendetemi, l’Occidente sceglierà i partecipanti a questo vertice. Inoltre, fisserà un’agenda che difficilmente incontrerà l’opposizione dei partecipanti da lui scelti. Si è parlato di “impegni rafforzati” da parte dei Paesi esportatori di democrazia per garantire l’adesione universale agli “standard democratici” e per elaborare meccanismi di controllo di questi processi.

Da notare anche il rilancio della Carta Atlantica anglo-americana, approvata da Joe Biden e Boris Johnson il 10 giugno 2021 a margine del Vertice G7. È stata presentata come una versione aggiornata del documento del 1941 firmato da Franklin D. Roosevelt e Winston Churchill con lo stesso titolo. All’epoca, ha svolto un ruolo importante nel delineare i contorni dell’ordine mondiale del dopoguerra.

Tuttavia, né Washington né Londra hanno menzionato un fatto storico essenziale: ottant’anni fa l’URSS e alcuni governi europei in esilio hanno aderito alla Carta del 1941, spianando la strada per farla diventare uno dei pilastri concettuali della coalizione anti-hitleriana e uno degli schemi giuridici della Carta delle Nazioni Unite.

Allo stesso modo, la Nuova Carta Atlantica è stata concepita come punto di partenza per la costruzione di un nuovo ordine mondiale, ma basato esclusivamente su “regole” occidentali. Le sue disposizioni sono ideologicamente contaminate e mirano ad aumentare il divario tra le cosiddette democrazie liberali e tutte le altre nazioni, oltre a legittimare l’ordine basato sulle regole. La nuova Carta non menziona l’ONU o l’OSCE, mentre afferma senza riserve l’adesione delle nazioni occidentali agli impegni assunti in quanto membri della NATO, considerata di fatto come l’unico centro decisionale legittimo (così l’ex segretario generale della NATO Anders Fogh Rasmussen descriveva il ruolo della NATO nel 2014). È chiaro che la stessa filosofia sarà alla base dei preparativi per il Vertice per la democrazia.

Etichettate come “potenze autoritarie”, la Russia e la Cina sono state indicate come i principali ostacoli alla realizzazione dell’agenda stabilita al Vertice di giugno. In generale, esse devono far fronte a due gruppi di lamentele, vagamente definite come esterne e interne. In termini esterni, Pechino è accusata di essere troppo assertiva nel perseguire i propri interessi economici (la Belt and Road Initiative), nonché di espandere la propria potenza militare e, in generale, tecnologica al fine di aumentare la propria influenza. La Russia è accusata di adottare una “postura aggressiva” in diverse regioni. Questo è il modo in cui trattano la politica di Mosca volta a contrastare le aspirazioni ultra-radicali e neonaziste nelle sue immediate vicinanze, dove i diritti dei russi, così come di altre minoranze etniche, vengono soppressi e la lingua, l’istruzione e la cultura russa sradicate. Inoltre, non apprezzano il fatto che Mosca si schieri a favore di Paesi che sono stati vittime delle scommesse dell’Occidente, che sono stati attaccati da terroristi internazionali e che hanno rischiato di perdere il loro status, come nel caso della Siria.

Eppure, l’Occidente ha riservato le parole più importanti al funzionamento interno dei Paesi “non democratici” e al suo impegno nel rimodellarli per farli rientrare nello schema occidentale. Ciò significa rendere la società conforme alla visione della democrazia predicata da Washington e Bruxelles. Questo è alla base della richiesta che Mosca e Pechino, così come tutti gli altri, seguano le prescrizioni occidentali in materia di diritti umani, società civile, trattamento dell’opposizione, media, governance e interazione tra i rami del potere. Pur proclamando il “diritto” di interferire negli affari interni di altri Paesi per promuovere la democrazia così come la intende, l’Occidente perde immediatamente ogni interesse quando solleviamo la prospettiva di rendere le relazioni internazionali più democratiche, compresa la rinuncia a un comportamento arrogante e l’impegno a rispettare i principi universalmente riconosciuti del diritto internazionale anziché le “regole”.

Estendendo le sanzioni e altre misure coercitive illegittime contro gli Stati sovrani, l’Occidente promuove un dominio totalitario negli affari globali, assumendo una posizione imperiale e neocoloniale nelle sue relazioni con i Paesi terzi. Si dice loro di adottare il modello democratico della scelta occidentale, di dimenticare la democrazia negli affari internazionali, dove tutto sarà deciso per loro, e di tacere o subire rappresaglie.

I politici più lucidi in Europa e in America si rendono conto che questa politica intransigente non porta da nessuna parte e cominciano a ragionare in modo pragmatico, anche se al di fuori dell’opinione pubblica, riconoscendo che il mondo non ha una sola civiltà, che la Russia, la Cina e le altre grandi potenze hanno una storia millenaria e hanno le loro tradizioni, i loro valori e il loro modo di vivere. I tentativi di decidere quali valori siano migliori e quali peggiori sembrano inutili. L’Occidente deve invece semplicemente riconoscere che esistono altri modi di governare che possono essere diversi dagli approcci occidentali, e accettarli e rispettarli come un dato di fatto. Nessun Paese è immune da problemi di diritti umani, quindi perché tutta questa arroganza? Perché i Paesi occidentali presumono di poter affrontare questi problemi da soli, dal momento che sono democrazie, mentre altri devono ancora raggiungere questo livello e hanno bisogno dell’assistenza che l’Occidente generosamente fornirà?

Le relazioni internazionali stanno attraversando cambiamenti fondamentali che riguardano tutti, senza eccezioni. Cercare di prevedere dove ci porterà è impossibile. Tuttavia, c’è una domanda: aspirazioni messianiche a parte, qual è la forma di governo più efficace per affrontare ed eliminare le minacce che trascendono i confini e colpiscono tutte le persone, indipendentemente dal luogo in cui vivono? Gli scienziati politici stanno iniziando a confrontare gli strumenti disponibili utilizzati dalle cosiddette democrazie liberali e dai “regimi autocratici”. In questo contesto, è piuttosto significativo che sia stato proposto il termine “democrazia autocratica”, anche se finora timidamente.

Queste sono considerazioni utili e i politici seri che sono attualmente al potere, tra gli altri, devono tenerne conto. Riflettere e analizzare ciò che accade intorno a noi non ha mai fatto male a nessuno. Un mondo multipolare sta diventando realtà. I tentativi di ignorare questa realtà affermando di essere l’unico centro decisionale legittimo difficilmente porteranno a soluzioni per sfide reali, piuttosto che inverosimili. È invece necessario un dialogo reciprocamente rispettoso che coinvolga le principali potenze e tenga conto degli interessi di tutti gli altri membri della comunità internazionale. Ciò implica un impegno incondizionato a rispettare le norme e i principi universalmente accettati del diritto internazionale, tra cui il rispetto dell’uguaglianza sovrana degli Stati, la non ingerenza nei loro affari interni, la risoluzione pacifica dei conflitti e il diritto all’autodeterminazione.

Nel complesso, l’Occidente storico ha dominato il mondo per cinquecento anni. Tuttavia, non c’è dubbio che ora esso si accorge che quest’epoca sta volgendo al termine, mentre si aggrappa allo status di cui godeva prima e frena artificialmente l’emergere oggettivo di un mondo policentrico. Ciò ha comportato il tentativo di fornire una giustificazione concettuale alla nuova visione del multilateralismo. Ad esempio, piuttosto che promuovere il multilateralismo inclusivo dell’ONU, Francia e Germania hanno cercato di promuovere un “multilateralismo efficace” radicato negli ideali e nelle azioni dell’UE e che servisse da modello per tutti gli altri.

Imponendo il concetto di ordine basato sulle regole, l’Occidente cerca di spostare la discussione sulle questioni chiave sulle piattaforme di suo gradimento, dove non sono ammesse voci dissidenti.

È così che emergono i gruppi che la pensano allo stesso modo e i vari “appelli”. Si tratta di coordinare le prescrizioni per poi farle seguire a tutti gli altri. Tra gli esempi si possono citare l'”appello alla fiducia e alla sicurezza nel cyberspazio”, l'”appello all’azione umanitaria” e il “partenariato globale per proteggere la libertà dei media”. Ognuna di queste piattaforme riunisce solo alcune decine di Paesi, che sono ben lontani dall’essere una maggioranza, per quanto riguarda la comunità internazionale. Il sistema delle Nazioni Unite offre piattaforme negoziali inclusive su tutti i temi citati. Comprensibilmente, questo dà origine a punti di vista alternativi che devono essere presi in considerazione alla ricerca di un compromesso, ma tutto ciò che l’Occidente vuole è imporre le proprie regole.

Allo stesso tempo, l’UE sta sviluppando un meccanismo di sanzioni orizzontali per ciascuno dei suoi “gruppi affini”, ignorando completamente la Carta delle Nazioni Unite, ovviamente. Funziona così: coloro che aderiscono a questi “appelli” o “partenariati” decidono tra loro chi viola i loro requisiti in un determinato ambito, e poi l’Unione Europea impone sanzioni ai colpevoli. Che metodo comodo! Possono incriminare e punire tutti da soli, senza dover ricorrere al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Hanno persino fornito una motivazione in tal senso: dal momento che abbiamo un’alleanza tra i multilateralisti più efficaci, possiamo insegnare ad altri a padroneggiare queste migliori pratiche. A coloro che ritengono che ciò sia antidemocratico o in contrasto con il principio di un autentico multilateralismo, il Presidente francese Emmanuel Macron ha offerto una spiegazione nelle sue osservazioni dell’11 maggio 2021: il multilateralismo non richiede l’unanimità e la posizione di coloro che “non vogliono continuare ad andare avanti non deve poter fermare… un’ambiziosa avanguardia” della comunità mondiale.

Non fraintendetemi: non c’è nulla di sbagliato nelle regole in sé. Al contrario, la Carta delle Nazioni Unite è un insieme di regole, ma queste regole sono state approvate da tutti i Paesi del mondo, piuttosto che da un gruppo chiuso in un’accogliente riunione.

Un dettaglio interessante: in russo, le parole “legge” e “regola” contengono la stessa radice. Per noi, una regola autentica e giusta è inseparabile dalla legge. Questo non è il caso delle lingue occidentali. Per esempio, in inglese, le parole “law” e “rule” non hanno alcuna somiglianza. Vedete la differenza? “Rule” non riguarda tanto la legge, nel senso di leggi generalmente accettate, quanto le decisioni prese da chi governa o governa. Vale anche la pena di notare che “regola” ha la stessa radice di “righello”, che è un comune strumento per misurare e tracciare linee rette. Se ne deduce che con il suo concetto di “regole” l’Occidente cerca di allineare tutti intorno alla sua visione o di applicare a tutti lo stesso metro di misura, in modo che tutti rientrino in un unico schedario.

Riflettendo sulla linguistica, sulla visione del mondo, sui sentimenti e sul modo in cui variano da una nazione o da una cultura all’altra, vale la pena ricordare come l’Occidente abbia giustificato l’espansione senza riserve della NATO verso est, in direzione del confine russo. Quando ricordiamo le assicurazioni date all’Unione Sovietica che ciò non sarebbe accaduto, sentiamo dire che si trattava di promesse verbali e che non erano stati firmati documenti in tal senso. In Russia esiste una tradizione secolare che consiste nel concludere accordi con una stretta di mano senza firmare nulla e nel mantenere la parola data come sacrosanta, ma sembra improbabile che possa prendere piede in Occidente.

Gli sforzi per sostituire il diritto internazionale con “regole” occidentali includono una politica immanentemente pericolosa di revisione della storia e dei risultati della Seconda guerra mondiale e dei verdetti del processo di Norimberga come fondamento dell’odierno ordine mondiale. L’Occidente si rifiuta di appoggiare una risoluzione delle Nazioni Unite sponsorizzata dalla Russia che dichiara inaccettabile la glorificazione del nazismo e respinge le nostre proposte di discutere la demolizione dei monumenti di coloro che hanno liberato l’Europa. Vogliono anche condannare all’oblio sviluppi importanti del dopoguerra, come la Dichiarazione delle Nazioni Unite del 1960 sulla concessione dell’indipendenza ai Paesi e ai popoli coloniali, promossa dal nostro Paese. Le ex potenze coloniali cercano di cancellare questa memoria sostituendola con rituali frettolosamente inventati, come l’inginocchiarsi prima delle competizioni sportive, per distogliere l’attenzione dalla loro responsabilità storica per i crimini dell’epoca coloniale.

L’ordine basato sulle regole è l’incarnazione dei due pesi e due misure. Il diritto all’autodeterminazione è riconosciuto come una “regola” assoluta ogni volta che può essere usato a vantaggio. Questo vale per le isole Malvinas, o Falkland, a circa 12.000 chilometri dalla Gran Bretagna, per i remoti ex territori coloniali che Parigi e Londra mantengono nonostante le molteplici risoluzioni dell’ONU e le sentenze della Corte internazionale di giustizia, nonché per il Kosovo, che ha ottenuto la sua “indipendenza” in violazione di una risoluzione del Consiglio di sicurezza dell’ONU. Tuttavia, se l’autodeterminazione è contraria agli interessi geopolitici dell’Occidente, come è accaduto quando la popolazione della Crimea ha votato per la riunificazione con la Russia, questo principio viene messo da parte, condannando la libera scelta del popolo e punendolo con sanzioni.

Oltre a invadere il diritto internazionale, il concetto di “regole” si manifesta anche nel tentativo di invadere la stessa natura umana. In alcuni Paesi occidentali, gli studenti imparano a scuola che Gesù Cristo era bisessuale. I tentativi di politici ragionevoli di proteggere le giovani generazioni dall’aggressiva propaganda LGBT si scontrano con le proteste bellicose dell'”Europa illuminata”. Tutte le religioni mondiali, il codice genetico delle principali civiltà del pianeta, sono sotto attacco. Gli Stati Uniti sono all’avanguardia nell’ingerenza dello Stato negli affari ecclesiastici, cercando apertamente di creare un cuneo nel mondo ortodosso, i cui valori sono visti come un potente ostacolo spirituale per il concetto liberale di permissività senza limiti.

L’insistenza e persino la testardaggine dimostrata dall’Occidente nell’imporre le proprie “regole” sono impressionanti. Naturalmente, la politica interna è un fattore importante, con la necessità di mostrare agli elettori quanto possa essere dura la propria politica estera quando si ha a che fare con “nemici autocratici” durante ogni ciclo elettorale, che negli Stati Uniti avviene ogni due anni.

Tuttavia, è stato anche l’Occidente a coniare il motto “libertà, uguaglianza, fraternità”. Non so se il termine “fraternità” sia politicamente corretto nell’Europa di oggi dal punto di vista del “genere”, ma finora non ci sono stati tentativi di sconfinare nell’uguaglianza. Come già detto, mentre predica l’uguaglianza e la democrazia nei propri Paesi e pretende che gli altri seguano il suo esempio, l’Occidente si rifiuta di discutere i modi per garantire l’uguaglianza e la democrazia negli affari internazionali.

Questo approccio è chiaramente in contrasto con gli ideali di libertà. Il velo della sua superiorità nasconde la debolezza e la paura di impegnarsi in una conversazione franca non solo con gli yes-men e con coloro che non vedono l’ora di mettersi in riga, ma anche con gli avversari che hanno convinzioni e valori diversi, non quelli neoliberisti o neoconservatori, ma quelli imparati sulle ginocchia della madre, ereditati da molte generazioni, tradizioni e credenze passate.

È molto più difficile accettare la diversità e la competizione delle idee nello sviluppo del mondo che inventare ricette per tutta l’umanità all’interno di una ristretta cerchia di persone che la pensano allo stesso modo, senza dispute su questioni di principio, il che rende quasi impossibile l’emergere della verità. Tuttavia, le piattaforme universali possono produrre accordi molto più solidi, sostenibili e oggettivamente verificabili.

Questa verità immutabile fatica a farsi strada tra le élite occidentali, consumate dal complesso dell’eccezionalismo. Come ho detto in precedenza in questo articolo, subito dopo i colloqui tra Vladimir Putin e Joe Biden, i funzionari dell’UE e della NATO si sono affrettati ad annunciare che nulla è cambiato nel modo in cui trattano la Russia. Inoltre, hanno affermato che sono pronti a vedere le loro relazioni con Mosca deteriorarsi ulteriormente.

Inoltre, è una minoranza russofoba aggressiva a determinare sempre più la politica dell’UE, come confermato dal Vertice UE di Bruxelles del 24 e 25 giugno 2021, dove il futuro delle relazioni con la Russia era all’ordine del giorno. L’idea espressa dalla cancelliera tedesca Angela Merkel e dal presidente francese Emmanuel Macron di tenere un incontro con Vladimir Putin è stata stroncata prima di vedere la luce. Gli osservatori hanno notato che il vertice Russia-Usa a Ginevra equivaleva a un via libera degli Stati Uniti a questo incontro, ma gli Stati baltici, schierati con la Polonia, hanno interrotto questo tentativo “scoordinato” di Berlino e Parigi, mentre il Ministero degli Esteri ucraino ha convocato gli ambasciatori tedesco e francese per spiegare le azioni dei loro governi. Ciò che è emerso dai dibattiti del vertice di Bruxelles è stata l’istruzione alla Commissione europea e al Servizio di azione esterna dell’Unione europea di elaborare nuove sanzioni contro Mosca senza fare riferimento ad alcun “peccato” specifico, per ogni evenienza. Non c’è dubbio che, in caso di necessità, si inventeranno qualcosa.

Né la NATO né l’UE intendono distogliersi dalla loro politica di sottomissione di altre regioni del mondo, auto-proclamando una missione messianica globale. L’Organizzazione del Trattato dell’Atlantico del Nord sta cercando di contribuire in modo proattivo alla strategia americana per la regione indo-pacifica, chiaramente mirata a contenere la Cina e a minare il ruolo dell’ASEAN nei suoi sforzi decennali per costruire un’architettura di cooperazione inclusiva per la regione Asia-Pacifico. A sua volta, l’Unione Europea elabora programmi per “abbracciare” spazi geopolitici nel suo vicinato e oltre, senza coordinare queste iniziative nemmeno con i Paesi invitati. È questo il senso del Partenariato orientale e del recente programma approvato da Bruxelles per l’Asia centrale. C’è una differenza fondamentale tra questi approcci e quelli che guidano i processi di integrazione con il coinvolgimento della Russia: la CSIS, la CSTO, l’EurAsEC e la SCO, che cercano di sviluppare le relazioni con i partner esterni esclusivamente sulla base della parità e del mutuo accordo.

Con il suo atteggiamento sprezzante nei confronti degli altri membri della comunità internazionale, l’Occidente si trova dalla parte sbagliata della storia.

I Paesi seri e rispettosi di sé non tollereranno mai i tentativi di dialogare con loro tramite ultimatum e discuteranno di qualsiasi questione solo su un piano di parità.

Per quanto riguarda la Russia, è giunto il momento che tutti capiscano che abbiamo posto definitivamente fine a qualsiasi tentativo di giocare con noi a senso unico. Tutti i mantra che sentiamo dalle capitali occidentali sulla loro disponibilità a rimettere in carreggiata le relazioni con Mosca, a patto che questa si penta e cambi rotta, non hanno senso. Eppure, molti si ostinano, come per inerzia, a presentarci richieste unilaterali, il che fa poco o nulla onore alla loro capacità di valutare correttamente la situazione.

La politica della Federazione Russa di svilupparsi da sola, in modo indipendente e tutelando gli interessi nazionali, pur rimanendo aperta a raggiungere accordi con partner stranieri su base paritaria, è stata a lungo al centro di tutti i suoi documenti dottrinali in materia di politica estera, sicurezza nazionale e difesa. Tuttavia, a giudicare dai passi concreti compiuti negli ultimi anni dall’Occidente, probabilmente si è pensato che la Russia non intendesse davvero ciò che predicava, come se non avesse intenzione di dare seguito a questi principi. Ciò include la risposta isterica agli sforzi di Mosca di difendere i diritti dei russi all’indomani del sanguinoso colpo di Stato del 2014 in Ucraina, sostenuto da Stati Uniti, NATO e UE. Pensavano che se avessero applicato ulteriori pressioni sulle élite e preso di mira i loro interessi, ampliando le sanzioni personali, finanziarie e di altri settori, Mosca sarebbe rinsavita e si sarebbe resa conto che avrebbe affrontato sfide crescenti nel suo percorso di sviluppo, finché non avesse “cambiato il suo comportamento”, il che implica obbedire all’Occidente. Anche quando la Russia ha chiarito che considerava questa politica degli Stati Uniti e dell’Europa come una nuova realtà e che avrebbe proceduto su binari economici e di altro tipo partendo dalla premessa che non possiamo dipendere da partner inaffidabili, l’Occidente ha continuato a credere che, alla fine della giornata, Mosca ” sarebbe rinsavita” e avrebbe fatto le concessioni richieste in cambio di una ricompensa finanziaria. Permettetemi di sottolineare ciò che il Presidente Vladimir Putin ha detto in più occasioni: non ci sono state concessioni unilaterali dalla fine degli anni ’90 e non ce ne saranno mai. Se volete lavorare con noi, recuperare i profitti persi e la reputazione commerciale, sediamoci e concordiamo come incontrarci a metà strada per trovare soluzioni e compromessi equi.

È essenziale che l’Occidente comprenda che questa è una visione del mondo saldamente radicata tra il popolo russo, che riflette l’atteggiamento della stragrande maggioranza di questo Paese. Gli oppositori “inconciliabili” del governo russo, che hanno puntato sull’Occidente e credono che tutti i problemi della Russia derivino dalla sua posizione anti-occidentale, sostengono concessioni unilaterali per ottenere la revoca delle sanzioni e ipotetici guadagni finanziari. Ma sono del tutto marginali nella società russa. Durante la conferenza stampa del 16 giugno 2021 a Ginevra, Vladimir Putin ha chiarito in modo inequivocabile quali sono gli obiettivi dell’Occidente quando sostiene queste forze marginali.

Si tratta di sforzi dirompenti per quanto riguarda la storia, mentre i russi hanno sempre dimostrato maturità, senso di autostima, dignità e orgoglio nazionale, e la capacità di pensare in modo indipendente, soprattutto nei momenti difficili, rimanendo aperti al resto del mondo, ma solo su un piano di parità e di reciproco beneficio. Una volta che ci siamo lasciati alle spalle la confusione e il caos degli anni ’90, questi valori sono diventati il fondamento del concetto di politica estera della Russia nel XXI secolo. Il popolo russo può decidere come considerare le azioni del proprio governo senza ricevere alcuna indicazione dall’estero.

Per quanto riguarda la questione di come procedere sulla scena internazionale, non c’è dubbio che i capi di Stato e di governo avranno sempre un ruolo importante, ma devono riaffermare la loro autorità, offrire nuove idee e guidare con convinzione, non con ultimatum. Il Gruppo dei Venti, tra gli altri, è una piattaforma naturale per la definizione di accordi reciprocamente accettabili. Esso riunisce le principali economie, giovani e meno giovani, tra cui il G7, nonché i BRICS e i Paesi che la pensano come loro. L’iniziativa della Russia di formare un Grande Partenariato Eurasiatico coordinando gli sforzi dei Paesi e delle organizzazioni di tutto il continente ha un forte potenziale di consolidamento. Nel tentativo di facilitare una conversazione onesta sulle questioni chiave della stabilità globale, il Presidente Vladimir Putin ha suggerito di convocare un vertice dei cinque membri permanenti del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, che hanno la responsabilità speciale di mantenere la pace e la stabilità internazionale sul pianeta.

Gli sforzi per portare più democrazia nelle relazioni internazionali e affermare un ordine mondiale policentrico includono la riforma del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, rafforzandolo con Paesi asiatici, africani e latinoamericani, e ponendo fine all’anomalia dell’eccessiva rappresentanza dell’Occidente nell’organo principale dell’ONU.

A prescindere dalle ambizioni e dalle minacce, il nostro Paese rimane impegnato in una politica estera sovrana e indipendente, ma è anche pronto a proporre un’agenda unificante negli affari internazionali, tenendo in debito conto la diversità culturale e di civiltà del mondo di oggi. Il confronto non è la nostra scelta, a prescindere dalle motivazioni. Il 22 giugno 2021, Vladimir Putin ha pubblicato un articolo intitolato “Essere aperti, nonostante il passato”, in cui sottolineava che: “Non possiamo permetterci di portare il peso di incomprensioni, rancori, conflitti ed errori del passato”. Ha anche parlato della necessità di garantire la sicurezza senza linee di demarcazione, uno spazio comune per una cooperazione equa e uno sviluppo inclusivo. Questo approccio si basa sulla storia millenaria della Russia ed è pienamente coerente con l’attuale fase del suo sviluppo. Continueremo a promuovere l’emergere di una cultura delle relazioni internazionali basata sui valori supremi della giustizia e che consenta a tutti i Paesi, grandi e piccoli, di svilupparsi in pace e libertà. Rimarremo sempre aperti a un dialogo onesto con chiunque dimostri una disponibilità reciproca a trovare un equilibrio di interessi saldamente radicato nel diritto internazionale. Queste sono le regole a cui ci atteniamo.

Lavrov, S. V., 2021. On Law, Rights and Rules “Russia in Global Affairs”, 19 (3), pp. 228-240. doi: 10.31278/1810-6374-2021-19-3-228-240.

Traduzione di Matteo Pistilli

Articolo precedente

L’EU ED IL SUO SETTORE ENERGETICO DOPO L’UCRAINA

Articolo successivo

GUERRA DEMOGRAFICA E GUERRA ECONOMICA