È stato pubblicato per i tipi di Edilibri il volume Medio Oriente senza pace. Da Suez al Golfo e oltre: strategie, conflitti e speranze di Gaetano Colonna, con prefazione di Franco Cardini; 384 pagine, € 28,00, ISBN 8886943482.

Sommario:
Medio Oriente senza pace tenta una ricostruzione sintetica ma puntuale della storia dei rapporti fra Occidente e Medio Oriente nel corso degli ultimi cento anni, cercando di fornire gli strumenti interpretativi per cogliere nell’intreccio degli avvenimenti le forze storiche che si sono confrontate e scontrate in quest’area cruciale per gli equilibri mondiali. La questione israelo-palestinese, il fallimento del nazionalismo arabo, le guerre del Golfo, l’insorgere dell’islamismo radicale, la lotta per il petrolio e le strategie occidentali di riorganizzazione del Medio Oriente vengono collocate in un quadro di insieme dal quale emergono disegni di potenza e aneliti di libertà. Vengono così in chiaro le ragioni strutturali della costante instabilità mediorientale che, con la cronicità dei suoi conflitti, sembra minacciare la stessa pace mondiale. Il libro quindi offre uno stimolo alla riflessione e insieme propone un’interpretazione non solo della storia del Medio Oriente ma del modo in cui l’Occidente affronta ciò che reputa storicamente diverso da sé.

L’autore:
Gaetano Colonna, dottore di ricerca in Storia antica e cultore di Storia contemporanea, collabora con la rivista telematica “Clarissa.it” ed è autore de La resurrezione della Patria: per una storia d’Italia (Tilopa, 2004)

Indice:

Introduzione, di Franco Cardini
Cap. 1. Vecchi imperi e Medio Oriente
Prologo
Vittoria su onde di petrolio”
L“indipendenza” araba
I sionisti in Palestina
Il ruolo del sionismo cristiano
“Red line” e “Gulf Plus”
Cap. 2. Le nuove guerre del dopoguerra
Gli Stati Uniti entrano nel Medio Oriente
Il disegno di “occidentalizzazione” del Medio Oriente
La politica Usa tra potenze coloniali e risveglio arabo
Kennedy e Israele
La guerra dei Sei g­iorni e la risoluzione Onu n. 242
La guerra del Kippur, una guerra “diplomatica”
Cap. 3. Potere e petrolio
Gli Stati Uniti e il petrolio mediorientale nel dopoguerra
Una rivincita dei paesi produttori?
“War for oil”?
Cap. 4. 1979: una svolta epocale
L’Iran gendarme regionale
La crisi iraniana
Il nuovo ruolo di Israele
L’Afghanistan, al centro del cuore del mondo
Dalla Rapid Deployment Force all’U.S. Central Command
Cap. 5. Il conflitto Iran-Iraq
L’Iraq di Saddam Hussein e del ba’th
L’attacco all’Iran
Disinformazione e politica del doppio binario
La guerra economica e l’internazionalizzazione del conflitto
La fine del conflitto
Cap. 6. Golfo 1991
Il “nuovo mondo”
Diplomazia, petrolio e cannoni
Il Kuwait, petrolio, denaro e sabbia
L’invasione del Kuwait
“Una strana cecità”
Arrivano i nostri
Guerra di macchine e vite di uomini
Quale vittoria?
Cap. 7. Miraggi di pace
Il nuovo ordine americano nel Golfo Persico
Israele tra Intifada e politica di potenza
La lobby israeliana e la politica internazionale degli Stati Uniti
Il fallimento del processo di pace israelo-palestinese
Cap. 8. Strategie di guerra
L’utilizzazione occidentale dell’islamismo politico
Islamismo politico e strategie eurasiatiche dell’Occidente
Islamismo politico, terrorismo internazionale e “scontro di civiltà”
Cap. 9. “È la stessa guerra”
Una nuova Pearl Harbor?
La guerra al terrore e la disintegrazione del Medio Oriente
Il fallimento occidentale e l’egemonia israeliana
L’Occidente e i nemici di Israele
Conclusioni
Bibliografia essenziale
Indice dei nomi

Articolo precedente

Unione Europea. Il nuovo sistema SWIFT e il nuovo abbandono della sovranità

Articolo successivo

Sulle rovine del Muro di Berlino: dal passato al futuro