Le flotte di Roma

di Michael Pitassi

Collana: “LEGuerre”, n° 71
In 8°, brossura, pagine 485
Prima edizione, collana “Le Guerre”, maggio 2011
ISBN: 978-88-6102-080-1
prezzo: Euro 30,00 i.i.

Traduzione di Rossana Macuz Varrocchi
Lettorato di Raffaele D’Amato

Note: con alcune illustrazioni.

Il libro
Sebbene si tenda a pensare all’Impero romano come a un’organizzazione principalmente terrestre, realizzata con la forza delle straordinarie legioni della fanteria, in realtà esso fu anche una potenza marittima, paragonabile all’Impero britannico del XVIII secolo. In termini puramente numerici, la marina di Roma fu la forza navale più imponente che sia mai esistita. Le flotte romane difesero le comunicazioni e i traffici commerciali, senza i quali non vi sarebbe stato sviluppo. Grazie alle sue navi, la “caput mundi” poté sfidare in combattimento nemici irraggiungibili ed espandere il suo potere in terre fino ad allora inaccessibili, diventando una potenza senza uguali nel Mediterraneo: possedeva basi nell’Europa occidentale, nell’Africa settentrionale e nel Medio Oriente, e nel momento di massimo splendore, contava decine di migliaia di marinai, fanti e artigiani che lavoravano al servizio di una flotta numericamente superiore a qualsiasi forza navale moderna. Eppure, questa parte così affascinante della storia di Roma non è stata oggetto di particolari approfondimenti.
Questo saggio segue la cronologia della nascita, della crescita e del declino delle forze navali di Roma e analizza il ruolo della guerra sul mare nella costruzione del primo grande impero europeo. Producendo prove archeologiche, iconografiche e documentali, l’autore presenta all’attenzione del lettore un oggetto di studio a lungo trascurato. Le flotte di Roma è il primo testo che inquadra nella storia la marina di Roma come una forza armata indipendente.

L’autore
Michael Pitassi, originario di Portsmouth, è uno studioso della guerra navale nell’antica Roma. Sul tema ha pubblicato anche Roman Warships.

Articolo precedente

La presunta morte di Usama bin Ladin

Articolo successivo

L’Europa ha bisogno di una nuova visione del mondo