Michel Aflaq

La resurrezione degli Arabi

Edizioni all’insegna del Veltro

Collana “Gladio e Martello” diretta da Stefano Bonilauri

pp. 70, € 7,00

per ordini:

insegnadelveltro1@tin.it

Il panarabismo delineato da ‘Aflaq resta ancora oggi una delle dottrine politiche più raffinate mai elaborate nel mondo arabo. E l’importanza di un suo recupero, di un ritorno agli ideali che ne furono all’origine, appare tanto più importante quanto più incombono le minacce vecchie e nuove con cui i popoli arabi continuano a dover fare i conti. L’antico colonialismo ha semplicemente cambiato maschera, sostenuto dall’imperialismo del capitale apolide che si serve di suoi fiduciari locali: coloro che il Ba‘ath definiva gli esponenti della reazione araba, capeggiata dal regime dell’Arabia Saudita e dalle monarchie petrolifere del Golfo. Senza scordare naturalmente il progetto sionista, che ‘Aflaq individuò sin dai suoi primordi come una minaccia decisiva con cui era impossibile scendere a compromessi.

Dall’Introduzione di Alessandro Iacobellis

Articolo precedente

MERCOSUR o morte

Articolo successivo

Giovanni Armillotta, Imperialismo e rivoluzione latinoamericana