Titolo Storia della guerra fredda. L’ultimo conflitto per l’Europa
Autore Romero Federico
Prezzo € 30,00
Dati 2009, VI-356 p., rilegato
Editore Einaudi (collana Einaudi. Storia)

Descrizione:

Nessuno voleva una guerra fredda, nessuno l’aveva pianificata e nessuno dei protagonisti l’aveva davvero prevista, per lo meno nelle forme rigide che poi assunse. Ciò che si andava delineando nei mesi conclusivi della Seconda guerra mondiale era un’inedita geografìa di potenza in cui Stati Uniti e Unione Sovietica primeggiavano… Gli assunti ideologici e i paradigmi culturali dei protagonisti ebbero un ruolo determinante: additavano la direzione in cui ciascuno intendeva procedere, ed erano le lenti attraverso cui si giudicavano le mosse altrui, si tentava di indovinare le possibili concatenazioni di eventi futuri, si soppesavano i pericoli evidenti o potenziali. L’URSS di Stalin non poteva concepire la coesistenza internazionale se non in chiave intrinsecamente conflittuale, il governo degli Stati Uniti, insieme a larga parte delle élite europee, si convinse che una ferma contrapposizione ai sovietici fosse la via più efficace, e meno pericolosa, per promuovere interessi, ideali e identità di una coalizione occidentale che prese a definirsi come “mondo libero”. Fu allora che la guerra fredda prese forma.

L’autore

Docente di Storia dell’America del Nord presso l’Università degli Studi di Firenze. Ha insegnato in varie università di Italia, Inghilterra, USA, Messico.

Articolo precedente

A 34 anni dal golpe argentino del 1976

Articolo successivo

L'Europa e le elezioni ucraine