Prima Parole chiave Occupazione della Libia

Parola chiave: occupazione della Libia

Testamento di Muammar Gheddafi

Nel nome di Allah, il Misericordioso, il Benefico. Per quarant’anni, o forse più, ho fatto tutto quello che ho potuto per dare al popolo case,...

Libia. Un nuovo “asse” italo-libico?

Conoscere gli Stati destinatari del petrolio della Libia servirà anche a capire chi ha davvero “vinto” la guerra civile libica? Fra gli Stati impegnati in Libia, la prima a sostenere la rivolta civile è stata la Francia, che difficilmente la abbandonerà senza ottenere certi vantaggi. Chi potrebbe rimetterci è l’Italia, nonostante un impegno costato 192 milioni di euro. Gli esiti dei recenti incontri fra il Presidente del Consiglio dei ministri, Mario Monti, e i rappresentanti del Consiglio nazionale di transizione hanno consentito la riattivazione del precedente trattato italo-libico, sospeso nel marzo 2011, mediante la firma della Tripoli Declaration: la strategia del governo libico ha mirato a rinegoziare i rapporti economici e strategici attivi in precedenza con l’Italia e a volgerli a favore del proprio popolo.

Come al-Qaida è arrivata al potere a Tripoli

Réseau Voltaire ha ricevuto molte lettere da lettori che chiedono di al-Qaida in Libia. Al fine di rispondere, Thierry Meyssan ha riunito i principali elementi noti di questo dossier. Questi fatti confermano la sua analisi, sviluppata dall'11 settembre 2001, che al-Qaida sia composta da mercenari utilizzati dagli Stati Uniti per combattere in Afghanistan, Bosnia, Cecenia, Kosovo, Iraq e ora in Libia, Siria e Yemen.

Thierry Meyssan del Réseau Voltaire e gli altri giornalisti salvi a La Valletta

Thierry Meyssan del Réseau Voltaire e gli altri giornalisti reduci dalla guerra civile che infiamma Tripoli giunti salvi a La Valletta (Malta).
lectus venenatis, efficitur. libero ut mattis Donec ipsum leo dolor. Nullam elit.
0

Your Cart