Terzo convegno nazionale di studi sul Caucaso e l’Asia centrale
Levico Terme, 10-12 dicembre 2009

Giovedì 10 dicembre 2009
ore 13,30 – Apertura dei lavori

ore 14,00-18,00 – Nuove ricerche. Parte I
Presiede Aldo Ferrari (Università di Venezia)
Giovanni Bensi (Centro per gli Studi di Storia dell’Europa Orientale), Il radicalismo islamico nel Nord Caucaso: il caso del Daghestan
Simona Merlo (Università della Valle di Aosta), Russia e Georgia. Ortodossia, dinamiche imperiali e identità nazionale tra zarismo e potere sovietico
Lorena Di Placido (Centro Militare di Studi Strategici), Il ruolo della SCO in Asia Centrale
Fernando Orlandi (Centro Studi sulla Storia dell’Europa Orientale), Il Dragone e l’Ameba: La Cina minaccia la Russia?
Fabio Indeo (Università di Camerino), Il ruolo dell’Unione Europea nella competizione geopolitica in Asia centrale
Marilisa Lorusso (Università di Genova), Il ruolo dell’Unione Europea nella gestione della crisi in Georgia

Venerdì 11 Dicembre 2009
ore 9,00-12,30 – Nuove ricerche. Parte II
Presiede Niccolò Pianciola (Università di Trento)
Isabella Damiani (Università di Trieste), Geografia socio-politica di una regione transfrontaliera: il regionalismo culturale della valle del Fergana
Stefano Piastra (Università di Bologna), Il disseccamento pressoché completo del Grande Aral orientale
Andrea Zinzani (Università di Bologna), Terre, prodotti agricoli e bazaar: un analisi tra steppe e aree irrigate, nella media valle dello Zeravshan
François Bogliacino (Università di Bologna), I mercati agricoli come sistemi locali: il caso della regione di Samarcanda
Giulia Panicciari (Università di Torino), Minoranze ad Almaty
Alessandra Cappelletti (Università di Napoli, L’Orientale), L’immigrazione han nel Xinjiang dal 1949 ad oggi

ore 14,30-17,30 – Il patrimonio culturale in Asia Centrale, tra beni fisici ed immateriali: definizione, classificazione, valorizzazione e legislazione in riferimento ai programmi UNESCO
Maurizio Tosi (Università di Bologna), Il punto di vista dell’archeologia
Bernardo Rondelli (Università di Barcellona), La carta archeologica dell’Uzbekistan: prospettive per un progetto di ricupero e tutela del patrimonio
Marco Buttino (Università di Torino), Samarkand tra emigrazione e ristrutturazione urbana, un patrimonio culturale che si perde
Elisa Valandro (Università di Bologna), La legislazione sovietica messa a confronto con quelle in parte riformate delle Repubbliche del Centro Asia
Annalisa Zarattini (Ministero per i Beni e le Attività Culturali), L’esperienza italiana nella legislazione dei beni culturali con particolare riferimento ai beni archeologici

ore 18,00-19,30 – La crisi dall’Afghanistan al Pakistan
Antonella Deledda (Argo e LUISS), Le elezioni afghane e la crisi di legittimità istituzionale

Sabato 12 Dicembre 2009
ore 9,00-12,00 – Progetti internazionali in Asia Centrale
Presiede Bernardo Rondelli (Università di Barcellona)
Alessandra Rognoni (Field Monitor at EUMM, Georgia), La missione EUMM in Georgia: alcuni aspetti dell’attività sul campo
Gian Luca Bonora (Università di Bologna), La missione archeologica italiana in Kazakhstan: interazioni culturali fra Età dal Bronzo ed Età del Ferro nel delta del Syrdarya
Paolo Ognibene (Università di Bologna) e Daniele Guizzo (Università di Venezia), La missione italiana nella Valle dello Yaghnob
Claudio Borio (Università di Torino), L’esperienza di collaborazione con l’Università di Dushanbe
Franca Crestani (European Training Foundation), Iniziative della European Training Foundation in Asia centrale
Irene Liverani (EU CORE Consulting), Prospettive per la ricerca e lo sviluppo in Asia centrale: opportunità di finanziamento comunitarie e internazionali
Olivia Tani (University of Leeds), Il museo di Nukus

I lavori del convegno si terranno presso la Sala conferenze della Cassa Rurale di Levico Terme (Via Avancini angolo Via Tonelli. Ingresso da via Tonelli).

Articolo precedente

Gli Himba: l’icona della Namibia

Articolo successivo

Perché venti basi militari degli Stati Uniti?