L’ASSOCIAZIONE CULTURALE ITALIA-RUSSIA – SEZIONE DI BERGAMO

Promuove l’incontro:

Da VORKUTA agli URALI POLARI

CONFERENZA CON PROIEZIONE DI IMMAGINI DIGITALI

Nella memoria e nei misteri della Russia artica europea

venerdì 21 maggio 2010 alle ore 18.30 presso il Centro “La Porta”, viale Papa Giovanni XXIII, n. 30 – Bergamo

a cura di Nemo Canetta, direttore del Museo etnografico di Tirano (So), geologo, alpinista ed esploratore e di Alessandro Vitale, professore aggiunto di Analisi Politica Estera presso l’Università degli Studi di Milano. Interviene la prof.ssa Rosanna Casari dell’Università degli Studi di Bergamo.

Vorkuta, città a Nord del Circolo Polare Artico, fa parte della straordinaria costellazione dei luoghi abitati più settentrionali della Russia e del mondo. Isolata, priva di strade, raggiungibile solo in treno o in aereo, è un’isola sperduta nella tundra artica e rappresenta un incrocio significativo fra passato e presente della Russia.

La sua storia e il suo nome evocano ancora in milioni di persone, in tutta l’Europa Centrale e Orientale, il ricordo di un terribile passato, piagato dalla deportazione e dal GULag, che in questi luoghi, con i suoi 120 campi concentrati attorno alle miniere di carbone, ha visto la tragica fine di centinaia di migliaia di persone.

Nonostante i problemi attuali, gli abitanti vivono con orgoglio e spirito pionieristico nella loro città, sferzata dai venti polari e dal gelo per la maggior parte dell’anno. A un centinaio di chilometri da Vorkuta si innalzano gli Urali Polari, una terra meravigliosa e incantata, fatta di silenzi e di purezza, di cime isolate e ancora inesplorate.

La conferenza è corredata da immagini digitali che illustrano aspetti culturali, architettonici, storici e paesaggistici di Vorkuta e della Russia artica, raccolti nel corso della spedizione nell’estate del 2009, che ha portato i due relatori (Canetta e Vitale) su una vetta degli Urali Polari, in prima italiana.
Condividi

Articolo precedente

L’Arabia Saudita, l’Iran e la guerra fredda sulle sponde del Golfo

Articolo successivo

Il nuovo album CD di Jean-Marie Benjamin “Iraq Backstage”