Fonte: http://www.ijdh.org/, 2010-01-15

Ringraziamo tutti gli amici veri di Haiti, in particolare il governo e il popolo del Sud Africa la loro solidarietà alle vittime di Haiti.

Le azioni concrete intraprese dal Rescue South Africa e dal Gift of the Givers è una chiara espressione di Ubuntu. Ubuntu ngumuntu ngabantu. Come tutti sappiamo, molte persone restano sepolte sotto tonnellate di macerie e detriti, in attesa di essere salvate. Quando pensiamo alla loro sofferenza, sentiamo profondamente che dovremmo essere lì, ad Haiti, con loro, facendo del nostro meglio per prevenirne la morte.

A simboleggiare questa disponibilità, abbiamo deciso di incontrarci non da una qualche parte, ma qui, all’ombra dell’Oliver Tambo International Airport. Per quanto ci riguarda, siamo pronti a partire oggi, domani, in qualsiasi momento, per raggiungere il popolo di Haiti, a condividerne le sofferenze, aiutarlo a ricostruire il paese, passando dalla miseria alla povertà con dignità. Amici provenienti da tutto il mondo hanno confermato la loro disponibilità ad organizzare un aereo che trasporti medicinali, soccorsi e noi stessi.

Anche se non possiamo aspettarci di essere con i nostri fratelli e sorelle, ad Haiti, condividiamo l’angoscia di tutti gli haitiani della diaspora, che disperano di poter raggiungere le famiglie e i cari.

Soufrans youn nan nou se soufrans nou tout.

L’Union fait la force. Kouraj! Kouraj! Kenbe! Kenbe! Kenbe! Kenbe!

Youn soutni lòt nan lespri Mèm Amou an.

Il nostro amore per la nazione, oggi classificata tra le più povere dell’emisfero occidentale. Tuttavia, lo spirito ofubuntu, che una volta ha portato Haiti ad emergere come la prima nazione nera indipendente, nel 1804, ha aiutato Venezuela, Colombia ed Ecuador a raggiungere la libertà, e che ha ispirato i nostri antenati nel versare il loro sangue per l’indipendenza degli Stati Uniti, non può morire. Oggi questo spirito di solidarietà, deve e farà incoraggiare tutti noi nella ricostruzione di Haiti.

Ukwanda kwaliwa umthakathi. Ukwanda kwaliwa umthakathi.

Grazie.

Jean-Bertrand Aristide

Institute for Justice & Democracy in Haiti<

Traduzione di Alessandro Lattanzio
http://www.aurora03.da.ru
http://www.bollettinoaurora.da.ru
http://sitoaurora.xoom.it
http://sitoaurora.narod.ru
http://sitoaurora.altervista.org
http://eurasia.splinder.com

Articolo precedente

Discorso del presidente Chavez alla XV Conferenza sul mutamento climatico

Articolo successivo

Terremoto ad Haiti: Made in USA