A cura di Andrea Turi

 

Prima di tutto Le chiedo un parere personale: le elezioni locali del 3 novembre scorso sono andate come previsto alla vigilia? Sono da considerarsi come un successo o una sconfitta?

Dal punto di vista della sovranità serba, le elezioni che si sono svolte nella provincia meridionale serba del Kosovo e Metohija, 3 novembre, sono state perse.

La sconfitta non risulta dal risultato delle elezioni, ma dalla decisione del Governo della Serbia di invitare i serbi del Kosovo a partecipare alle elezioni organizzate dal Governo separatista di Pristina.

I serbi del nord del Kosovo, nonostante le forti pressioni ricevute da Belgrado, hanno boicottato le elezioni: al primo turno ha votato circa il 5%, e al secondo, dopo una feroce pressione politica e mediatica, meno del 20%. I serbi del nord del Kosovo considerano queste “chiamate”, questi inviti delle autorità di Serbia, in realtà, come costrizioni a vivere in una auto-proclamata “Repubblica del Kosovo”, che non riconoscono.

Il punto è che dopo i bombardamenti NATO sulla Serbia nel 1999 e la presenza militare nordatlantica in Kosovo, c’è una sorta di doppia regola.  I Serbi in Kosovo non hanno riconosciuto l’autorità del Primo Ministro albanese Hashim Thaci, sono andati alle scuole serbe, sono stati curati in ospedali serbi, hanno utilizzato la moneta serba, le istituzioni avevano bandiere serbe, rispettavano le leggi della Serbia. Dopo la proclamazione dell’indipendenza, nel 2007, il Governo di Pristina, nonostante il massiccio sostegno dell’UE e della NATO, non è riuscito a entrare in Kosovo settentrionale e a stabilire il controllo su tutto il territorio. Sul ponte di Kosovska Mitrovica che divide la Serbia e la parte albanese della città hanno attaccato uno striscione “No Passaran“. Dal momento che la sovranità di Pristina è solo sulla carta, l’America e l’Unione europea hanno messo sotto intensa pressione Belgrado per aiutarla a rompere la resistenza dei serbi nel Kosovo settentrionale che si oppongono all’integrazione sotto l’autorità di Pristina.

A questo punto, a Bruxelles pochi mesi fa, con il supporto di Catherine Ashton, è stato firmato l’accordo tra Belgrado e Pristina dove la Serbia effettivamente ha convenuto che i serbi abbiano un qualche tipo di autonomia  locale e territoriale all’interno del Kosovo. La firma dell’accordo a Bruxelles ha scatenato una feroce resistenza dell’opinione pubblica in Serbia, in quanto questo costituisce una grave violazione della Costituzione della Serbia.

Le forze occidentali sanno molto bene che a causa dell’atteggiamento emotivo dei serbi, i politici di Belgrado non devono mai riconoscere pubblicamente il Kosovo come uno Stato indipendente, e quindi tendono a esercitare pressioni sul governo serbo per la firma di vari accordi con gli albanesi, in modo che Belgrado riconosca Pristina indirettamente come partner.

 

 

Le elezioni sono state importanti sia per la scena politica interna del Kosovo che per lo sviluppo delle relazioni tra Belgrado e Pristina.

Cominciamo parlando della scena politica locale. Le elezioni sono state un test importante per la valutazione dei rapporti di forza tra le parti. Chi è il vincitore? Chi è il perdente? I risultati delle elezioni avranno un impatto sul Governo di Pristina?

Ho già detto che i serbi del Kosovo settentrionale hanno boicottato le elezioni. Essi, così come la maggior parte dell’opinione pubblica in Serbia, che considera il Kosovo come territorio occupato, in sostanza, non sono interessati alle relazioni all’interno del blocco politico albanese e il processo elettorale organizzato da Pristina con l’aiuto dell’Occidente.

Tra i serbi che vivono nelle località a sud del fiume Ibar in enclaves sparse sul territorio del Kosovo (Gracanica, Shtrpce, Kosovsko Pomoravlje, Velika Hoca, Orahovac, Goraždevac), che sono circondati da albanesi e che sono in una situazione geopolitica ed economica molto più difficile dei serbi che vivono nel nord Kosovo e che territorialmente si basano sullo Stato della Serbia, l’affluenza ha registrato un numero molto maggiore in queste elezioni così come annunciato dal Governo di Pristina.

Nelle enclaves serbe ha vinto la lista “Sprska”, sostenuta ufficialmente da Belgrado.

Per quanto riguarda il blocco politico albanese, invece, il maggior numero di voti è stato registrato  dal Partito Democratico del Kosovo (PDK) del premier Hashim Thaci. Rispetto alle precedenti elezioni, il partito di Thaci, però, ha visto un calo notevole. Al secondo posto, con una piccola differenza,  l’Alleanza democratica del Kosovo (LDK) di Isa Mustafa, mentre la terza forza è l’Alleanza per il Futuro del Kosovo (AAK) guidato da Ramush Haradinaj. È interessante notare che il ministro Hashim Thaci e Ramush Haradinaj sono stati i leader dell’Esercito di Liberazione del Kosovo (KLA). Un report speciale del Consiglio d’Europa ha accusato Hashim Thaci di essere stato uno degli organizzatori del traffico di organi umani.

Ramush Haradinaj è stato incriminato dal Tribunale dell’Aja per crimini di guerra. Mentre si preparava il processo, nove testimoni chiamati a testimoniare contro Haradinaj sono stati uccisi. Alla fine, Haradinaj è stato assolto perché non c’era alcuna prova né più testimoni viventi. Sì, quelli sono i leader albanesi del Kosovo e i partners politici degli Stati Uniti e dell’Unione europea.

Gli albanesi sono i vincitori perché sono state organizzate le prime elezioni in tutto il territorio della provincia, anche se poi effettivamente boicottate dal nord. Il perdente è la Serbia, per meglio dire l’attuale Governo di Belgrado, che per favorire l’ingresso della Serbia nell’Unione Europea fa concessioni che non hanno mai fine e che sono dannose per gli interessi nazionali.

 

 

Parliamo del Kosovo settentrionale.

L’accordo firmato a Bruxelles prevedeva che le elezioni locali del 3 novembre rappresentassero un importante passo verso la normalizzazione. Tuttavia, le recenti notizie hanno detto che il problema è ancora vivo nella parte settentrionale della regione.

Per prima cosa Le chiedo: è stato giusto ripetere le elezioni a Mitrovica?

Nel nord, i risultati hanno detto che i vincitori sono stati i candidati della lista “Srpska”. In base a questo, quali prospettive apre il voto per i Serbi all’interno della cornice legale del Kosovo? Ci sarà ancora un forte controllo di Belgrado sulla regione?

Le elezioni nel nord del Kosovo sono state boicottate e hanno subito un fiasco completo. Pertanto sono stati inscenati presunti incidenti, al fine di trovare una ragione formale per la loro ripetitività, e poi, attraverso la maggiore pressione politica e mediatica alzare l’affluenza dei serbi alle urne.

Sul carattere democratico delle elezioni è sufficiente dire che dopo il secondo turno delle elezioni,  i funzionari dell’OSCE (Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione) – nonostante l’opposizione da parte dei membri della commissione elettorale i quali hanno chiesto che dopo le elezioni, come è prassi comune, le schede venissero contate sul posto – hanno, invece, preso le urne con le schede elettorali e le hanno portate in un determinato luogo vicino Pristina.

C’era un conteggio organizzato, ma l’essenza è che i controllori delle elezioni hanno preso i voti e sono stati fuori per 4 ore prima del conteggio. Questo fatto ha portato a diversi dubbi e commenti. Il maggior numero di voti del piccolo numero di elettori serbi che avevano votato era per un candidato serbo di una lista sostenuta da Belgrado.

La vita a nord era normale l’anno scorso; se non del tutto, la vita in Kosovo può essere chiamata normale. Nonostante i frequenti incidenti, la gente va a lavorare, l’Università è attiva. Ci sono un sacco di studenti serbi provenienti da altre parti della Serbia che studiano nella parte settentrionale di Kosovska Mitrovica. È vero che l’Unione Europea ha offerto ai serbi, dopo le elezioni, la possibilità di creare una Unione di comuni serbi con elementi di autogoverno. Ma con una differenza: i comuni non sarebbero più finanziati dalla Serbia, ma dalle autorità di Pristina. I serbi ritengono che molti probabilmente perderanno il lavoro e che il finanziamento Pristina potrebbe essere utilizzato come mezzo di ricatto politico ed economico.

Questa è solo una tappa in un conflitto del Kosovo complesso che non vede una fine nel prossimo futuro.

 

 

In Italia abbiamo letto che il vero perdente è Vucic. Pensa che questo sia vero?

Vucic è un politico serbo relativamente giovane che, dopo l’avvento al potere, ha ottenuto grande popolarità con una strenua lotta contro la corruzione e la criminalità. E questo è giustificato perché la criminalità e la corruzione hanno avuto grande spolvero in Serbia.

Ma, mentre prima era un patriota con una forte identità nazionale, Vucic ha cambiato radicalmente la sua politica e ora è diventato il preferito dei politici delle capitali occidentali. Ha sostenuto l’accordo di Bruxelles e ha invitato i serbi nel nord del Kosovo al voto. I serbi non hanno, ovviamente, obbedito, e dopo una serie di sue vittorie politiche trionfalistiche questa è davvero la sua prima sconfitta seria.

 

 

Nel gioco complicato di proclami e interessi reciproci, chi è il vero vincitore nel nord del Kosovo?

Come ho detto in precedenza, l’Occidente ha sempre messo pressione su Belgrado per arrivare all’abolizione delle “istituzioni parallele” nel nord del Kosovo . Queste strutture “parallele” sono in realtà legittime istituzioni statali serbe che sono rimaste a funzionare dopo i bombardamenti della NATO nel 1999 – l’istruzione , la giustizia , la salute e le comunicazioni postali – è per questo che parlavo della doppia alimentazione.

Angela Merkel e altri politici occidentali hanno chiesto a Belgrado di smettere di finanziare tali istituzioni, così quelle istituzioni, che erano necessarie per la normale vita dei serbi, potrebbero essere riprese e passare sotto il potere di Pristina . La vera risposta alla tua domanda è che dopo queste elezioni i serbi nel nord del Kosovo non saranno più controllati da Belgrado o da Pristina.

Certamente, ci saranno sempre alcuni collaboratori per funzioni politiche, ma saranno in minoranza, e non avranno la base tra i serbi a nord del Kosovo.

 

 

Ammesso ma non concesso che ci sia una soluzione, qual è la via d’uscita per il Nord del Kosovo? L’opzione di scambio di territori è una possibile via d’uscita o è solo una suggestione?

Vorrei che ci potesse essere una soluzione definitiva, ma penso che non sia né realistico né possibile affermarlo. Ci sono solo alcune soluzioni temporanee che non possono che congelare il conflitto. C’era l’idea di scambiare la terra, o la divisione del Kosovo e Metohija, che è stata rappresentata da uno dei più grandi scrittori serbi Dobrica Cosic. Ma la maggior parte dei serbi è contro questa idea, considerandola inaccettabile da un punto di vista etico. Anche gli albanesi sono contro pur essendo supportati da tutto l’occidente.

Perché l’Occidente sostenga gli albanesi è una delle questioni chiave.

Perché qualcuno dovrebbe sostenere uno Stato utilizzato quasi unicamente per la distribuzione di farmaci e stupefacenti provenienti dall’Afghanistan e diretti verso l’Europa e Stati Uniti.

Perché il sostegno a coloro che asportavano organi umani dai soldati catturati per poi trasportarli e venderli in tutto il mondo?

Ovviamente, neppure i serbi sono completamente innocenti, dal momento che hanno commesso un sacco di errori dopo la disintegrazione della Jugoslavia. È difficile raggiungere un accordo con gli albanesi semplicemente perché non sono coloro che detengono il potere reale; questo in realtà, è degli Stati Uniti d’America, e gli albanesi sono solo il loro rappresentante nei Balcani.

Mi dispiace per il popolo albanese, per le persone normali perché sono povere …

In uno dei miei articoli su “Geopolitika” ho invitato gli albanesi ad un accordo con la Serbia e scrissi che essi, prima o poi, si sarebbero dolorosamente convinti quanto vere siano le parole di Henry Kissinger: “può essere pericoloso essere nemico degli Stati Uniti, ma essere amico dell’America è fatale”.

I Serbi non possono rinunciare al Kosovo e Metohija perché il Kosovo e Metohija è il centro storico della statualità e della spiritualità serbe. Il punto cardine dei serbi è la promessa solenne del Kosovo o il mito del Kosovo come strumenti del ricordo della famosa battaglia dei serbi contro i turchi in Kosovo del 1389. Il mito del Kosovo è il mito cristiano, perché l’esercito serbo è andato alla battaglia dopo la comunione nella Chiesa Ortodossa Serba, essi hanno consapevolmente sacrificato se stessi e optato per una Serbia celeste. Il Principe Serbo Lazar, il comandante militare, ha detto prima della battaglia “Zemaljsko je zamalena carstvo a nebesko uvek i doveka“, che significa che il Regno di questo mondo dura molto poco, ma il Regno del cielo dura per sempre. Il popolo serbo ricorda il sacrificio dei loro militari e dell’élite politica, e questo sacrificio è passato attraverso le generazioni. Le campane della cattedrale di Notre Dame di Parigi hanno suonato dopo l’informazione, che poi si è rivelata non essere precisa, che i serbi avessero vinto in Kosovo. Quello che voglio dire è che allora c’era una sorta di coscienza che i serbi difendevano l’Europa cristiana. La situazione è cambiata da adesso fino ad allora? Sì e no.

Sì – L’Europa non è o è, almeno, sempre meno cristiana.

No – Il primo ministro turco Erdogan ha detto di recente durante la sua visita in Kosovo che “il Kosovo è la Turchia”. “Noi vogliamo guardare in maniera imperialista” ha detto in una recente intervista alla rivista Die Presse Iugut Bulit, consigliere del Primo Ministro della Turchia.

Stiamo assistendo ad una situazione in cui i servizi di intelligence USA utilizzano Al Qaeda e le organizzazioni Suni Othe per la pulizia etnica contro i cristiani in Siria e in Medio Oriente, così come di tutti gli altri avversari. Possiamo garantire che in futuro nessuno chiamerà di nuovo per un’altra “ricerca” religiosa nel vecchio continente o per una jihad all’interno dell’Europa?  Infine, la questione è: la lotta che conducono i serbi in Kosovo è una lotta solamente serba? A giudicare dal modo solitario in cui conducono questa lotta sì, ma non lo è.

 

 

Nota: Il nome costituzionale e giuridico per la provincia meridionale serba è Kosovo e Metohija . Gli albanesi evitano di utilizzare un’altra parte del nome, perché la parola deriva dalla parola metoh che significa proprietà della Chiesa, che testimonia le origini cristiane del Kosovo.

 

 

* Slobodan Eritz,  Direttore della rivista “Geopolitika” (Serbia), fa parte del Comitato scientifico di “Eurasia”.

 

Articolo precedente

L’ETERNITÀ DI ROMA NELLA VICENDA STORICA RUSSA

Articolo successivo

LA MOSCHEA MOLINARI A LAGHOUAT