Fonte: Voltairenet 20 novembre 2009

L’inchiesta sulla rete Ergenekon, che preparava un colpo di stato per rovesciare il governo di Erdogan e stabilire una dittatura militare pro-USA, ha rivelato che l’organizzazione terroristica era una nuova forma della Gladio turca. Tuttavia, Ergenekon non avrebbe obbedito solo alla NATO, ma avrebbe avuto anche stretti legami con il Mossad, attraverso il rabbino Tuncay Guney.

Non sorprenderà sapere che il 18 Novembre 2009, si è tenuto un seminario presso il Congresso degli Stati Uniti, per negare l’esistenza di Ergenekon e garantire che è un mito creato dal governo Erdogan per screditare il generale Mehmet Yasar Buyukanit, Capo di Stato Maggiore, e gli ufficiali pro-USA che lo circondano, con lo scopo di creare uno stato islamico.

I partecipanti hanno sottolineato che gli Stati Uniti dovrebbero intervenire, con urgenza, per fermare il processo, ma non dovrebbero farlo apertamente perché così avrebbero alimentato le teorie del “complotto” secondo cui la NATO avrebbe anche istituito in Turchia, uno “stato profondo” che manipolerebbe o tenterebbe di manipolare da decenni le istituzioni pubbliche.

Il seminario è stato organizzato dalla Fondazione ARI, un think-tank discreto, incaricato di promuovere i rapporti tra Washington e Ankara. In realtà, la Fondazione ARI è una marionetta della lobby israelo-atlantista. In linea con lo stratega Robert Strausz-Hupé, si raccomanda un asse Tel Aviv-Ankara, sotto l’egida della NATO, per controllare il Medio Oriente.

La Fondazione ARI è stata istituita a Washington all’indomani degli attentati dell’11 settembre. Da due anni pubblica una rivista di scienze politiche: Turkish Policy Quaterly. Ha legami con l’AIPAC (American Israel Public Affairs Committee) e il JINSA (Jewish Institute for National Security Affairs). Il suo direttore, Yurter Ozcan è un dipendente del WINEP (Washington Institute for Near East Policy).
La Fondazione ARI conterebbe tra i suoi membri più attivi Antony Blinken, il consigliere per la sicurezza nazionale del Vice-Presidente Joe Biden.

(Foto: il senatore John McCain insieme con Duygu e Yurter Ozcan alla cena annuale del JINSA).

Riferimenti:

«Ergenekon: une légende urbaine?», Orhan Kemal Cengiz, Réseau Voltaire, 9 luglio 2009.
«L’organisation Ergenekon mise en cause pour ses relations privilégiées avec Hizb ut-Tahrir», Mutlu Özay e Mustafa Turan, Réseau Voltaire, 3 agosto 2009.

Traduzione di Alessandro Lattanzio
http://www.aurora03.da.ru
http://www.bollettinoaurora.da.ru
http://sitoaurora.xoom.it
http://sitoaurora.narod.ru
http://sitoaurora.altervista.org
http://eurasia.splinder.com

Articolo precedente

I verbali di Hitler (1942-1945). Volume secondo

Articolo successivo

Cina e Corea del Nord s’impegnano a rafforzare l'alleanza