L’assassinio ad Ankara dell’ambasciatore Andrej Karlov – un diplomatico che anche nei momenti di tensione peggiori si era adoperato per favorire un miglioramento dei rapporti russo-turchi – mette alla prova la volontà di Turchia e Russia di procedere su un terreno di collaborazione.  

Come di consueto è giunta la rivendicazione di Daesh, diligentemente riportata dal Site Intelligence Group della sionista Rita Katz; tuttavia valutazioni diverse e più corrispondenti allo scenario geopolitico attuale sono possibili. L’attentato giunge come avvertimento carico di significato alla vigilia del fondamentale incontro a tre fra Russia, Turchia e Iran sulla situazione siriana: un incontro impensabile soltanto otto/nove mesi fa.

Il quotidiano “Sabah” in un editoriale del 20 dicembre sottolinea la vicinanza dell’attentatore Mevlut Mert Altıntaş all’ambiente gülenista: il poliziotto era infatti segnalato ai servizi di sicurezza come simpatizzante del movimento di Fethullah Gülen, del quale aveva seguito dei corsi nel centro di Körfez. Risultano anche stretti legami con Emre Uslu, l’ex agente della Polizia al centro dell’inchiesta aperta contro il settantacinquenne predicatore residente in Pennsylvania: anche Uslu – giornalista di “Zaman” – è fuggito negli Stati Uniti, con richiesta di estradizione da parte turca.

Aggiunta interessante: il quotidiano pone a fianco la pista Gűlen con la decisione di Turchia e Russia di regolare i propri scambi commerciali con le monete nazionali anziché in dollari.

Il Ministro degli Esteri Cavuşoğlu ha esplicitamente confermato l’ipotesi dell’origine gülenista dell’attentato: il che vorrebbe dire – conseguentemente – CIA e Stati Uniti.

Articolo precedente

STALIN E L’EURASIA

Articolo successivo

I SIMBOLI DELL'IMPERO SU UNA CATTEDRALE DELL'EMILIA

Aldo Braccio
Aldo Braccio ha collaborato in maniera assidua con “Eurasia. Rivista di studi geopolitici” fin dal primo numero ed ha pubblicato numerosi articoli sul relativo sito informatico. Le sue analisi riguardano prevalentemente la Turchia ed il mondo turcofono. Su argomenti legati all'area turca ha tenuto relazioni al Master Mattei presso l'Università degli Studi di Teramo e altrove. È autore del libro La norma magica. Il sacro e il diritto in Roma (sui rapporti fra concezione del sacro, diritto e politica nell'antica Roma) e di Turchia ponte d’Eurasia (sul ritorno del Paese della Mezzaluna sulla scena internazionale). Ha scritto diverse prefazioni ed ha pubblicato numerosi articoli su testate italiane ed estere. Ha preso parte all’VIII Forum italo-turco tenutosi a Istanbul ed è stato più volte invitato, per interviste e commenti, dall’emittente statale radiotelevisiva iraniana.