Alessandro Barbero, Franco Cardini ed Enrico Malato

presentano il libro di

Wolfgang Stürner

Federico II e l’apogeo dell’impero

Sabato 15 maggio, ore 18.00
Salone del Libro di Torino

padiglione 2, stand L79

Spazio Autori B

Salerno editrice

via valadier 52, 00193 roma

06 3608201; int. 36082022

L’opera. È finalmente accessibile al pubblico italiano l’opera monumentale di Wolfgang Stürner dedicata a Federico II: il più importante contributo al vivace dibattito storiografico sul sovrano svevo. Protagonista di una stagione di eccezionale rilievo nella storia d’Europa, Federico II è stato e continua ad essere oggetto di interpretazioni antitetiche: sovrano illuminato, capace di destreggiarsi e imporsi nella complicata realtà politico-sociale dell’Europa del ’200, per alcuni; è stato, secondo altri, un “imperatore medievale”, intollerante e poco lungimirante. Quella di Wolfgang Stürner è l’opera più completa e aggiornata sull’imperatore svevo, svincolata dalle secche delle strumentalizzazioni ideologiche – da cui non fu immune nemmeno la celebre biografia di Ernest Kantorowicz –, unanimemente apprezzata per il rigore storico e filologico, il puntuale utilizzo del vastissimo deposito di fonti e letteratura, l’antidoto migliore contro ogni forzatura interpretativa. Stürner riallaccia i fili della memoria dell’intera vicenda federiciana: dalle origini – l’eredità normanna e quella sveva e l’intricata vicenda familiare – ai complicati, e spesso aspri, rapporti tra il Papato e l’Impero, rimuovendo le stratificazioni mitologiche e ideologiche che nei secoli hanno avvolto la figura di Federico II, alterandone la fisionomia. Completa l’edizione italiana una importante introduzione di Ortensio Zecchino, presidente del Centro Europeo di Studi Normanni.

L’autore. Wolfgang Stürner è professore emerito di Storia medievale presso l’Istituto storico dell’Università di Stoccarda ed è presidente delle Gesellschaft fur Staufìsche Geschichte e V. di Göppingen.

Articolo precedente

Discorso della Guida suprema Khamenei alla Conferenza Internazionale sul Disarmo

Articolo successivo

Adriano Viarengo, Cavour