La segretaria generale del Partito dei lavoratori algerini, Louisa Hanoune, ha accusato la CIA di finanziare quattro associazioni per i diritti umani.
Secondo il sito online del quotidiano londinese in lingua araba “Al Quds al Arabi”, Hanoune ha affermato di avere documenti che provano le sue accuse contro queste quattro organizzazioni, tra cui “Associazione Nazionale per la Difesa dei Diritti Umani” e “SOS Scomparsi”.
La Hanoune ha fatto appello per impedire i tentativi da parte di governi stranieri e organizzazioni per finanziare le campagne dei candidati per le elezioni legislative che si terranno a maggio e ha denunciato gli interessi stranieri “che cercano di equiparare la situazione in Algeria con la Tunisia e Egitto”.
Inoltre ha aggiunto che alcune amministrazioni “l’hanno contattata per chiederle di mandare negli Stati Uniti i deputati eletti del suo partito in maniera da seguire corsi di dialettica oratoria e come parlare e affrontare il pubblico.”
Tuttavia, ella ha affermato che “il leader di un partito politico in Algeria è tornato dagli Stati Uniti con un atteggiamento politico completamente differente da prima del viaggio”.
Lo scorso dicembre, la stessa leader sindacale ha annunciato che Washington aveva preparato un Consiglio di transizione d’Algeria con l’aiuto di alcuni partiti algerini, affermando di aver ricevuto tale informazione dal leader dell’Unione Sindacale dei Lavoratori degli Stati Uniti, Alain Benjamin. Ella ha fatto appello per l’introduzione di riforme reali per “non dare l’opportunità a che le potenze occidentali sfruttino le nostre prossime elezioni legislative per interferire nei nostri affari interni”.
Hanoune sospetta inoltre che il Consiglio nazionale di transizione (CNT) della Libia sia in combutta con gli statunitensi.

Articolo precedente

AFRICOM, imperialismo, petrolio, geopolitica e "Kony2012"

Articolo successivo

Algeria: “La Lega araba non è più né Lega né Araba”