Interessantissimo saggio sulle relazioni tra Cina, Pakistan, Arabia Saudita e USA (e India), sebbene inficiata da sentimenti pro-USA dell’autore indiano, che dipinge, pro-domo sua, a tinte fosche l’alleanza tra Cina, Pakistan e Arabia Saudita, fornisce, ciò non dimeno, una lettura accurata e inedita dei rapporti geopolitici tra Washington e Beijing, e anche una più acuta interpretazione  dell’intervento statunitense nello Yemen.

A. Lattanzio

Fonte: Paper no. 3.628 http://www.southasiaanalysis.org/papers37/paper3628.html 27-gen-2010

Osservazioni preliminari

Le istituzioni politiche degli Stati Uniti e la pletora di gruppi di riflessione che abbondano a Washington sembrano essere del tutto ignari che una relazione strategica triangolare, comprendente Cina, Pakistan e Arabia Saudita sta affrontando gli Stati Uniti nell’Asia del Sud-Ovest. Il triangolo strategico Cina-Pakistan-Arabia Saudita non è una nuova configurazione emergente militare. E’ iniziata con il nesso strategico tra Cina e Pakistan negli anni ‘60, e si è ampliato con il triangolo strategico Cina-Pakistan-Arabia Saudita, dagli anni ‘80.

Il triangolo strategico Cina-Pakistan-Arabia Saudita di oggi, si manifesta non solo nei collegamenti inter-militari, ma anche nei collegamenti e nelle inter-dipendenze sulle armi nucleari ed i missili balistici. Il triangolo Cina-Pakistan-Arabia Saudita non sembra avere acquisito i contorni di una formale alleanza militare, o di un raggruppamento di sicurezza, ma la Cina è il collante di questo triangolo strategico, e cementandola con la fornitura di armi nucleari e missili della Cina, la rende non meno potente rispetto agli Stati Uniti. L’Asia del Sud-Ovest è di rilevante interesse strategico per gli Stati Uniti, che politicamente, strategicamente e militarmente ha investito molto in questa regione che si estende dalla penisola arabica, dalla regione del Golfo Persico e arriva all’Afghanistan e al Pakistan. È strategicamente ironico il fatto che nella pianificazione strategica degli Stati Uniti, il Pakistan e l’Arabia Saudita siano gli architravi dell’architettura di sicurezza degli Stati Uniti per l’Asia del Sud-Ovest. Inoltre, mentre gli Stati Uniti hanno rivelato, nella convinzione che il Pakistan e l’Arabia Saudita siano i nuovi “Pilastri” dell’architettura di sicurezza degli Stati Uniti nella regione, entrambi questi paesi musulmani sunniti, siano strategicamente attratti dalla Cina.

La Cina, come un astuto professionista dell’”agopuntura strategica”, aveva ben presto riconosciuto che, in termini di punti di pressione strategici degli statunitensi, nella relazione est asiatica con Taiwan, la Cina potrebbe generare contro-punti di pressione contro gli Stati Uniti, in Asia del Sud-Ovest. Pakistan e Arabia Saudita, ostentato dagli Stati Uniti come i loro alleati più “fedeli e duraturi”, sono strategiche prugne mature da cogliere da parte della Cina.

Fatta eccezione per il breve interludio della guerra in Afghanistan degli anni ‘80, quando gli interessi strategici del Pakistan e dell’Arabia Saudita hanno coinciso con quelli degli Stati Uniti, le relazioni tra gli Stati Uniti, Pakistan e Arabia Saudita sono state provate e disagevoli. Dopo il 11/9, quando la partecipazione diretta e indiretta del Pakistan e dell’Arabia Saudita è diventata palese, i rapporti tra i tre modo sono diventati ancora più disagevoli. In netto contrasto con i loro gelidi rapporti con gli Stati Uniti, Pakistan e Arabia Saudita hanno stretto rapporti più ravvicinati con la Cina. Questo processo potrebbe accelerarsi, col rientrare del Pakistan nell’ambito di più intense pressioni statunitensi in Afghanistan, e l’Arabia Saudita si accorge che un riavvicinamento Stati Uniti – Iran potrebbe essere imminente.

Vale la pena di registrare che, mentre l’Arabia Saudita ha notevole peso politico e finanziario nel Pakistan, e la Cina ha una stretta presa militare sul Pakistan, entrambe le nazioni hanno esitato ad assistere gli Stati Uniti nel limitare la propensione del Pakistan ad usare la copertura islamista jihadista come strumento della politica di stato nella regione.

Uno dei motivi che possono avere sospinto Obama all’elezione a Presidente degli Stati Uniti, sarebbe quello di potere persuadere la Cina ad usare la sua forte presa sul Pakistan per la questione Afghanistan. Si tratta di una mossa irrealistica, se solo si tiene presente che i motivi che legano la Cina, il Pakistan e l’Arabia Saudita in un rapporto triangolare strategico, sono quelli d’impedire agli Stati Uniti di avere una posizione dominante strategica del Sud-Ovest asiatico. Diventa, perciò, imperativo capire il modello e l’estensione del triangolo strategico Cina-Pakistan-Arabia Saudita e ciò che fa presagire. A tal fine, questo scritto si propone di esaminare i seguenti aspetti:

* Nesso strategico Cina-Pakistan: la Cina fornisce la Bomba Nucleare Islamica

* Relazioni Strategiche Cina-Arabia Saudita: la Cina introduce nella Regione i Missili Balistici a Lungo Raggio

* Partenariato strategico Pakistan-Arabia Saudita: le correlazioni sulle armi nucleari

* Triangolo Strategico Cina-Pakistan-Arabia Saudita: affrontare gli Stati Uniti nella Asia del Sud-Ovest.

Nesso strategico Cina-Pakistan: la Cina fornisce la Bomba Nucleare Islamica

Il nesso strategico della Cina con il Pakistan non è stato forgiato con l’obiettivo limitato di giocare sulla bilancia dei rapporti di forza con il suo rivale asiatico, vale a dire il nesso strategico dell’India. Il nesso Cinese con il Pakistan è stato forgiato per obiettivi strategici molto più grandi, e che sono incentrati sugli Stati Uniti.

Gli obiettivi strategici della Cina, nella creazione del legame strategico con il Pakistan, può essere analizzata nel modo seguente: (1) Trasformare il tanto sbandierato fedele alleato degli Stati Uniti, il Pakistan, in un punto strategico di contro-pressione contro gli stessi Stati Uniti. (2) Acquisire una posizione strategica sul Nord del Mare Arabo in prossimità dello Stretto di Hormuz, sfruttando la posizione Geostrategica del Pakistan. L’interesse cinese per la base navale di Gwadar, in Pakistan, è sostenuto dall’accesso via terra, attraverso la Karakorum Highway, costruita dalla Cina, che collega il Xingjian al Pakistan, ne è la prova. (3) La conversione del Pakistan in un cliente degli equipaggiamenti militari cinesi, con tutte le implicazioni strategiche del caso.

Ancora più significativo, per la destabilizzazione degli obiettivi strategici e di sicurezza degli Stati Uniti nel Sud-Ovest asiatico, la Cina ha impiantato ‘la bomba nucleare islamica’, in questa regione altamente instabile, equipaggiando il Pakistan con la consegna della stessa e dei missili a lungo raggio. In questo processo, la Cina non solo ha guadagnato l’eterna gratitudine del Pakistan, ma anche una leva strategica per controllare il Pakistan. Ha anche dato l’immagine della Cina come fedele alleato del mondo islamico.

Per cortesia e come alleato della Cina, il Pakistan ha avviato la proliferazione nucleare e delle WMD nei paesi islamici in contrasto con gli Stati Uniti, come la Libia e l’Iran. La creazione cinese del Pakistan come stato dotato di armi nucleari e di IRBM (forniti dalla Corea del Nord), è stata una mossa strategica da maestro, volta a sabotare la predominanza degli Stati Uniti nell’Asia del Sud-Ovest. Quindi la  freddezza strategica e l’irresponsabilità strategica Cinese hanno avviato una corsa agli armamenti nucleari in questa regione instabile, non solo mettendo in pericolo gli interessi strategici degli Stati Uniti, ma anche la stabilità globale.

Relazioni Strategiche Cina-Arabia Saudita: la Cina introduce nella Regione i Missili Balistici a Lungo Raggio

Il sopravvento della Cina sulle incertezze strategiche dell’Arabia Saudita, si è ripetuto egualmente come nel sopravvento della Cina sulle incertezze strategiche del Pakistan. In entrambi i casi, il predominante obiettivo strategico della Cina era quello di scacciare un altro fedele alleato militare dall’orbita strategico degli Stati Uniti. Mentre, nel caso del Pakistan, la tentazione era un arsenale di armi nucleari con l’assistenza diretta cinese, l’Arabia Saudita è stata attirato dalla fornitura dei Missili Balistici a Raggio Intermedio CSS-2 (IRBM) con capacità d nucleari. L’offerta della Cina di oltre 50 IRBM CSS-2 nel 1988, con gittata di quasi 2.800 km, ha avviato una gara missilistica nell’Asia del Sud-Ovest. Questo è stato l’ennesimo esempio di insensibilità strategica e dello strategicamente irresponsabile approccio della Cina verso la stabilità nell’Asia del Sud-Ovest. Mentre le analisi, in quel momento, ipotizzavano che l’offerta cinese degli IRBM all’Arabia Saudita sia stata dettata da esigenze di sicurezza energetica, sarebbe altrettanto giusto affermare che queste non erano la sola ragione. Imperativi strategici sottostavano all’accordo.

Senza contiguità geografica o vicinanza tra la Cina e l’Arabia Saudita, questa partnership strategica è stata sviluppata principalmente come una strategica del punto di contro-pressione contro gli Stati Uniti. L’Arabia Saudita entrò in questo accordo in gran segreto e alle spalle degli Stati Uniti, in un momento in cui i loro rapporti erano buoni. Gli analisti strategici degli Stati Uniti hanno espresso l’opinione che l’Arabia Saudita, come stato pivotale della regione, è stata “assai assidua” nel coltivare i rapporti con la Cina.

Dopo l’11 settembre 20001, l’Arabia Saudita è stata percepita, dalla maggior parte degli statunitensi, con sospetto, e la Cina ricevette una maggiore focalizzazione strategica e rilevanza politica dall’Arabia Saudita. Non senza ragione, il monarca saudita compì il suo primo viaggio all’estero in Cina, e il presidente cinese ha fatto due visite in Arabia Saudita, nel breve arco di tre anni. I missili CSS-2 non sono armi precise, ma armi d’area, destinate all’impiego nucleare. E’ stato un passo dell’Arabia Saudita verso l’acquisizione finale di un arsenale di armi nucleari.

Partenariato strategico Pakistan-Arabia Saudita: le correlazioni sulle armi nucleari

Il legame finanziario del Pakistan verso l’Arabia Saudita è ampiamente conosciuto, e quindi è ampiamente noto che i sauditi hanno usato questa leva finanziaria per controllare la politica interna del Pakistan. Non per nulla i dittatori militari del Pakistan soccombono anche ai dettami del monarca saudita sulla politica interna del Pakistan. Le relazioni Pakistan-Arabia Saudita si estendono a una stretta cooperazione militare, compresa la fornitura di contingenti dell’esercito del Pakistan per la sicurezza saudita, in situazioni di crisi. Il Pakistan ha fornito anche l’addestramento  alle Forze Armate dell’Arabia Saudita.

Il Pakistan ha anche agito come ‘succursale’ dell’Arabia Saudita nella diffusione dell’influenza wahabita in Asia meridionale e nel sud-est asiatico. I gerarchi dell’intelligence saudita hanno lavorato in stretta collaborazione con l’intelligence militare del Pakistan, nei rapporti con Al Qaida e i taliban. Tuttavia, più importanti di questa collaborazione sono stati i rapporti Pakistan – Arabia Saudita riguardo i piani dell’Arabia Saudita per le armi nucleari. Mentre l’Arabia Saudita ha evitato un acquisto diretto di armi nucleari (possibilmente fino al momento in cui l’arsenale nucleare iraniano diventa palese), esistono piani di emergenza per la fornitura di armi nucleari dal Pakistan all’Arabia Saudita.

I think-tank statunitensi forniscono le seguenti informazioni vitali sui rapporti nucleari Pakistan – Arabia Saudita: (1) L’Arabia Saudita ha investito molto nel programma per armi nucleari del Pakistan. (2) Dignitari dell’Arabia Saudita hanno avuto accesso agli impianti nucleari del Pakistan, sia prima che dopo il test nucleare del Pakistan. (3) In seguito al test nucleare del Pakistan, l’Arabia Saudita ha fornito gratuitamente al Pakistan 50.000 barili di petrolio al giorno, per compensare l’effetto delle sanzioni economiche contro il Pakistan; (4) Nell’ambito di questa partnership sulle armi nucleari, esistono piani di emergenza del Pakistan per fornire armi nucleari all’Arabia Saudita, a breve termine. A questo proposito, è stato inoltre affermato che: (1) Il Pakistan ha attuato i piani di emergenza per fornire armi nucleari pakistane all’Arabia Saudita a breve termine, per utilizzarli con i vettori dell’Arabia Saudita. (2) Probabilmente la Pakistan Air Force e la sua controparte saudita hanno congiuntamente attuato questa operazione.

Se le armi nucleari pakistane potessero, inoltre, essere richieste per essere installate sugli IRBM CSS-2 sauditi, di origine cinese, allora, ovviamente, la partecipazione cinese sarebbe necessaria. Ciò  completa il triangolo Cina-Pakistan-Arabia Saudita sulle armi nucleari e gli IRBM, con conseguenti implicazioni strategiche.

Triangolo Strategico Cina-Pakistan-Arabia Saudita: affrontare gli Stati Uniti nella Asia del Sud-Ovest

Il triangolo strategico Cina-Pakistan-Arabia Saudita non s’è trasformata in una vera e propria alleanza militare per affrontare gli Stati Uniti. Questo triangolo non si è neppure evoluto in un raggruppamento di sicurezza, come la Shanghai Cooperation Organization, per compensare l’esposizione strategica degli Stati Uniti ad est, nei confronti della Cina.

In termini di confronto con gli Stati Uniti, Cina – Pakistan – Arabia Saudita operano in modo più insidioso. È necessario leggere su due livelli, come segue: (1) La Cina percepisce le sue relazioni strategiche con il Pakistan e l’Arabia Saudita come punti di contro-pressione strategica per compensare le pressioni degli Stati Uniti in Asia orientale e altrove. (2) Pakistan e Arabia Saudita percepiscono le loro relazioni strategiche con la Cina come mezzo per controbilanciare le pressioni coercitive politiche e strategiche degli Stati Uniti, e avere flessibilità nelle loro scelte politiche.

Nel complesso, il triangolo strategico Cina – Pakistan – Arabia Saudita è una configurazione strategica che affronta gli Stati Uniti nell’instabile Asia del Sud-Ovest, che comprende due potenze nucleari, la Cina e il Pakistan e una nascente potenza nucleare, l’Arabia Saudita. Questa configurazione strategica complica seriamente la sicurezza, in Asia del Sud-Ovest, degli Stati Uniti.

In questa configurazione triangolare, la Cina è già emersa come il principale sfidante del predominio globale degli Stati Uniti. È strategicamente penetrata in tutti i quadranti strategici del globo, compresa l’Africa. Non per nulla gli Stati Uniti sono stato costretto a creare un nuovo comando militare – AfriCom.

La seconda componente di questo triangolo, cioè il Pakistan, ha costantemente ingannato strategicamente gli Stati Uniti, nonostante la sua dipendenza assoluta dagli aiuti finanziari degli Stati Uniti, per la sua esistenza. E’ attualmente attivo nel contrastare la materializzazione del successo della strategia Af-Pak, nel stabilizzare l’Afghanistan. Le prospettive sulla disgregazione del Pakistan e la sicurezza del suo arsenale di armi nucleari e di missili di origine cinese, è emerso come la minaccia principale alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti.

La terza componente di questo triangolo, l’Arabia Saudita, ha cessato di essere una risorsa strategica per gli Stati Uniti nella sua strategia nell’Asia del Sud-Ovest. L’Arabia Saudita ha rifiutato le sue basi agli Stati Uniti, per le operazioni della seconda guerra del Golfo. Dopo la seconda guerra del Golfo, l’Arabia Saudita, secondo notizie, s’è attiva per inviare segretamente sauditi in Iraq, per prevenire l’emergere di un governo dominato dagli sciiti. L’Arabia Saudita ha forti legami strategici con la Cina e, ora, ha osato allargare i suoi rapporti per la sicurezza alla Russia.

Il quadro complessivo che emerge è, quindi, che il Triangolo Strategico Cina – Pakistan – Arabia Saudita, se non in maniera visibilmente concordata al momento, è ancora impegnato nei rispettivi confronti con gli Stati Uniti, rafforzato dalla deterrenza nucleare e missilistica di origine cinese, a loro disposizione. La Cina non ha ancora limitato le sua assistenza per le armi nucleari e i missili del Pakistan, e ciò può essere interpretato, per estensione, anche per l’Arabia Saudita.

Osservazioni conclusive

Con ogni probabilità, il sud-ovest dell’Asia può essere l’area per un prossimo importante conflitto con contorni mondiali. L’Asia del Sud-Ovest, più che l’Est asiatico, può essere la regione strategica in cui la supremazia strategica a livello mondiale degli Stati Uniti, venga probabilmente contestata, sia intensamente che sottilmente.

Ci si chiede se i pianificatori strategici e i think tanks degli Stati Uniti hanno mai capito che per la Cina, la regione del Sud-Ovest asiatico rappresenta una zona più redditizia per uno scacco matto agli Stati Uniti. A differenza dell’Est asiatico, in cui la Cina dovrebbe entrare in diretto conflitto armato con gli Stati Uniti, nel Sud-Ovest asiatico la Cina ha escogitato la configurazione del triangolo strategico Cina – Pakistan – Arabia Saudita, che può essere, in modo indiretto, lo scacco-matto strategico al predominio degli Stati Uniti.

Nel lungo periodo, il Triangolo Strategico Cina – Pakistan – Arabia Saudita ha tutte le potenzialità strategiche per rendere il radicamento degli Stati Uniti nel Sud-Ovest asiatico, assai proibitivo.

L’autore è un analista delle relazioni internazionali e degli affari strategici. È consulente per gli affari strategici del South Asia Analysis Group.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

http://www.aurora03.da.ru

http://www.bollettinoaurora.da.ru

http://sitoaurora.xoom.it

http://sitoaurora.narod.ru

http://sitoaurora.altervista.org

http://eurasia.splinder.com

Articolo precedente

Claudio Graziano: credibilità dell'UNIFIL compromessa dai voli israeliani, Libano umiliato

Articolo successivo

L'ICE in Giappone 16-19 febbraio