Ad aprile 2011, l’Etiopia lancia un progetto faraonico e strategico per costruire una nuova diga chiamato “Renaissance Dam” sulle acque del Nilo Azzurro. Questo progetto controverso sarà la fonte di nuovi scontri con l’Egitto, il Sudan e l’Eritrea.
Diventata una potenza regionale attraverso il tessile, il settore immobiliare e l’agricoltura, l’Etiopia ha oggi un fabbisogno crescente di + 30% all’anno in elettricità. Per soddisfare questa necessità, l’Etiopia sta aumentando la costruzione di dighe sul corso del Nilo, compresa la nuova diga , che dovrebbe essere la più grande diga in Africa con un costo di quasi $ 6 miliardi,170 m di altezza e quasi 2 km di larghezza. Questa dovrebbe avere una capacità di generazione di energia di 6000 MW (tre volte la diga di Assuan in Egitto). La costruzione di questa diga consentirà all’Etiopia di irrigare la sua terra per l’agricoltura, prevenire le inondazioni ), soddisfare sia il proprio fabbisogno energetico che, soprattutto, l’esportazione ad un costo di oltre 730 milioni di euro all’anno di elettricità nei paesi vicini come Gibuti, Sudan e Kenya. L’acqua proveniente dagli altipiani etiopici rappresenta l’86% dell’acqua consumata in Egitto e il 95% durante le inondazioni. Il progetto di questa nuova diga ridurrà il flusso del Nilo del 25% in Egitto. Appare allora evidente che i motivi di tensione con il governo del Cairo sono inevitabili.
Per capire il potenziale impatto di questa diga sull’Egitto, è necessario andare nella regione del delta del Nilo, il polmone dell’agricoltura dell’Egitto, dove vivono 30 milioni di abitanti dalle acque del fiume. Gli agricoltori in questa regione sono stati coltivatori di riso per migliaia di anni. Tuttavia, quest’ultimo non sarà più un prodotto adattato al declino delle acque del fiume, il che incoraggia il governo a indirizzare la popolazione verso altre colture. Molto preoccupato, l’Egitto parla della sicurezza alimentare e quindi della sicurezza nazionale. Il Sudan affronta lo stesso problema: una popolazione giovane che sta crescendo a causa di una transizione demografica; un paese che deve affrontare difficoltà di sviluppo. Il Nilo azzurro fornisce principalmente al Sudan, il 77% delle acque in entrata e la nuova diga avrà un impatto sull’agricoltura e sul fabbisogno energetico del paese. Ma allo stato attuale , il Sudan sembra sostenere il progetto etiopico.
Ad ogni modo ,il progetto della nuova diga garantirà il continuo sviluppo dell’Etiopia è proprio per questo tale progetto rappresenta una questione nazionale.
 Infatti l’Etiopia lo realizza con fondi propri e grazie a una tassa imposta alla popolazione. Per l’Egitto, non c’è dubbio che questo progetto sia dannoso. Nel 2011, in un incontro trasmesso in TV, il presidente egiziano Hosni Mubarak insieme ai suoi ministri affrontarono l’argomento della diga  dimostrando la loro assoluta contrarietà. Da un punto di vista strettamente storico ,è necessario ricordare che nel 1875 l’Egitto e l’Etiopia si erano già scontrati a causa di una controversia sul Nilo. Nel 1978, il presidente egiziano Anwar al-Sadat minacciò il suo omologo etiope, il generale Mengistu, con una rappresaglia se avesse deciso di frenare parte delle acque del fiume. Nonostante le minacce provenienti dai paesi vicini, l’Etiopia sta iniziando il suo progetto. Nel 2014, per ragioni di credibilità, il nuovo presidente Abdel Fattah al-Sisi, ha creato un’unità di gestione delle crisi idriche per cercare di raggiungere un accordo con l’Etiopia. Nel marzo 2015 è stato firmato un accordo di principio tra Egitto, Sudan ed Etiopia sulla distribuzione dell’acqua e più specificamente sulla nuova  diga. Ma la realtà procede in modo assai diverso. Infatti ,Nel marzo 2017, l’Etiopia ha affermato di aver neutralizzato un attacco pianificato sulla nuova  diga del da parte di un gruppo sostenuto dall’Eritrea. Una dichiarazione che non allevierà le tensioni tra i due paesi. Il portavoce del governo Zadig Abrha, che ha rivelato la notizia, ha detto che le forze di sicurezza etiopi hanno ucciso 13 dei 20 membri del Benishangul Gumuz People’s Liberation Movement (BPLM) che avevano organizzato dietro l’attacco. I rimanenti sette sono riusciti a fuggire in Sudan dove sono stati arrestati e riportati in Etiopia.
Il governo eritreo, da parte sua, ha negato queste accuse dichiarando  di non aver mai sentito parlare del suddetto gruppo. . L’Eritrea ha ottenuto l’indipendenza dall’Etiopia nel 1993 dopo una guerra di 31 anni. Tra il 1998 e il 2000, i due paesi hanno quindi avviato una disputa territoriale sulla regione di Badme, che ha lasciato 50.000 morti. Il BPLM, che è accusato dall’Etiopia per l’attacco, è un membro dell’Alleanza popolare per la libertà e la democrazia, una coalizione anti-governativa etiope che, secondo fonti ufficiali etiopi, è chiaramente sostenuta e guidata dall’ Eritrea .Altre fonti sostengono che l’Egitto sarebbe probabilmente coinvolto in questo attacco. Nel dicembre 2017, Sameh Choukry, Ministro degli Affari Esteri egiziano, si è recato in Etiopia per portare avanti i negoziati, ma è stato comunque un fallimento. Il 2 gennaio 2018, l’Egitto vuole discutere direttamente con l’Etiopia escludendo il Sudan dai negoziati e propone alla Banca Mondiale un mediatore neutrale nel conflitto. Il 18 gennaio 2018, il primo ministro dell’Etiopia, Haile Mariam Dessalegn, visita il presidente della Repubblica dell’Egitto Abdel Fattah al-Sisi per ottenere un ammorbidimento della posizione dei due paesi: l’Etiopia vorrebbe un veloce riempimento diga (meno di 7 anni) per beneficiare rapidamente della produzione di energia elettrica. L’Egitto, tuttavia, vorrebbe estendere questo periodo in modo da non ridurre troppo il flusso del Nilo. L’Etiopia rifiuta l’arbitrato da parte della Banca Mondiale che non vuole finanziare la costruzione della diga. All’inizio di aprile 2018, i negoziati sono di nuovo sotto controllo, secondo Ibrahim Ghandour, ministro degli Affari esteri sudanese, mentre la diga la costruzione della diga ha raggiunto oltre il 70%. Difficile negare che è anche l’egemonia egiziana sulla regione che viene messa in discussione mentre la diga rappresenta un simbolo di orgoglio nazionale in Etiopia. Fino a quando il 26 luglio 2018 Simegnew Bekele, direttore della diga, viene trovato morto nella sua auto. Fino ad oggi, nessuna indagine è stata in grado di far luce su questo caso.
Ancora una volta, non possiamo non osservare come il conflitto stia alla base della dinamica delle relazioni internazionali e come, le guerre per l’acqua, costituiscono uno strumento sia per conseguire o consolidare la propria sovranità nazionale sia per limitare quella altrui.

Articolo precedente

UNA SOLUZIONE PER IL VICINO ORIENTE?

Avatar
Giuseppe Gagliano ha fondato nel 2011 il Centro studi strategici Carlo de Cristoforis. Ha pubblicato quattro saggi in francese sulla guerra economica e dieci saggi in italiano sulla geopolitica.