● Ieri, una fonte informativa ieri ha dichiarato che una troupe televisiva del canale Al Jadid è stata colpita domenica 9 aprile da colpi d’arma da fuoco a Wadi Khaled, sul confine siro-libanese. La troupe si trovava in una località di confine e stava testimoniando i ripetuti tentativi, che avvengono quotidianamente, da parte di uomini armati, di infiltrarsi nel territorio siriano, aprendo il fuoco sui punti di guardia di frontiera. La fonte ha aggiunto che, mentre la troupe del canale tv Al Jadid si trovava, a quanto sembra, nella località suddetta, il punto di guardia di frontiera siriano è stato raggiunto da numerosi colpi d’arma da fuoco da parte di gruppi terroristici armati, come del resto avviene quotidianamente, nel tentativo di sfondare il punto di confine e infiltrarsi nel territorio siriano per compiere operazioni terroristiche. Le guardie di frontiera hanno risposto al fuoco.

● Le forze dell’ordine , domenica 9 aprile, si sono dirette alla località di Sukkari, vicino ad Aleppo, per proteggere un gruppo di manifestanti, dopo che la località era stata teatro di recenti casi di aggressione ai manifestanti, con lo scopo di incolparne le forze dell’ordine. All’arrivo delle forze dell’ordine vicino al luogo di assembramento, sono esplosi colpi d’arma da fuoco provenienti dalle persone radunate, che hanno provocato la morte di nove agenti, di un tenente e di un civile, e il ferimento di undici agenti e di due civili.

● 227 ricercati della provincia di Idlib si sono consegnati con le loro armi alle autorità competenti, che li hanno rilasciati, consentendogli di far ritorno alla loro vita normale. Questi ultimi si sono impegnati a non impugnare più armi e a non partecipare più a scontri e atti eversivi, e a non compiere alcuna azione che possa compromettere la sicurezza e la stabilità della patria.

● Le autorità competenti hanno sventato, nella notte di domenica 9 aprile, due tentativi, da parte di terroristi, di infiltrarsi dal Libano in Siria, nella periferia di Telkalakh, vicino a Homs. Un corrispondente dell’Agenzia di Stampa siriana ha riportato da una fonte attendibile della provincia che il primo tentativo è stato sventato nel villaggio Al-Naauur e il secondo nel villaggio Halat.

● Le autorità competenti hanno catturato numerosi terroristi a Hama, sequestrandone le armi.

● Le autorità competenti hanno catturato numerosi membri di gruppi terroristici armati nei quartieri di Shir e Taaunieh ad Hama, sequestrando un’ingente quantità di armi e munizioni. Sono riuscite ad uccidere numerosi terroristi ricercati nel villaggio di Al-Latamneh, nella provincia di Hama, e a sequestrare un’ingente quantità di armi, tra cui lanciarazzi RPG, cariche, fucili automatici, pistole, carabine, molte munizioni e apparecchiature radio, divise e gradi militari, automobili rubate e targhe contraffatte.

Articolo precedente

Siria: Usa e Nato mano nella mano con al-Qâ‘ida?

Articolo successivo

"Sull'orlo del baratro. Il fallimento annunciato del sistema denaro", Sabato 21 Aprile, Sassuolo (MO). Incontro con Alain De Benoist