Per la quinta volta, i gruppi terroristici armati hanno causato il fallimento degli sforzi del Comitato Internazionale della Croce Rossa, della Mezzaluna Rossa Siriana e delle Autorità Locali della città di Homs nel far uscire i feriti, i malati e i bambini dagli artigli della paura e della distruzione commesse dai gruppi armati in alcuni quartieri della città, senza motivo alcuno, eccetto la determinazione di queste bande nel continuare a uccidere e a commettere crimini contro i cittadini innocenti.

In questo contesto, il Governo della Repubblica Araba Siriana ha fornito alla  Croce Rossa Internazionale e alla Mezzaluna Rossa Siriana tutte le facilitazioni necessarie per evacuare i cittadini inermi e per garantigli l’assistenza medica e alimentare, e la sicurezza. Dopo i numerosi tentativi profusi da queste organizzazioni, i gruppi armati hanno fatto pervenire alla Croce Rossa Internazionale il loro rifiuto a consentire a qualsiasi essere umano di abbandonare i luoghi sotto il loro controllo. Simili azioni dei gruppi terroristi armati denotano la loro natura disumana e la loro illimitata bestialità. Ormai è divenuto chiaro che la loro unica preoccupazione è vendicarsi sugli innocenti, prendendoli come ostaggi e scudi umani per commettere omicidi e terrorismo.

Il Governo della Repubblica Araba Siriana, nell’avvertire il Consiglio di Sicurezza, il Consiglio dei Diritti dell’Uomo e la Comunità Internazionale circa la situazione drammatica degli abitanti di Homs,  chiede a queste organizzazioni umanitarie ed internazionali di rendere pubblico tutto ciò che stanno facendo i gruppi terroristici armati, facendo pressione su di loro e su chi li supporta, esigendo che i Paesi che finanziano e forniscono armi a questi gruppi li costringano a mettere fine ai loro crimini, qualora abbiano un minimo di coscienza umana e di rispetto del Diritto Internazionale.

La Siria chiede altresì ai mass-media di smettere di sostenere queste bande armate, di rivelare al mondo i loro crimini e non di occultarli, traviando l’opinione pubblica araba e internazionale.

Infine, la Siria ribadisce che continuerà a fare tutto il possibile per difendere il Suo Popolo e che si assumerà le Sue piene responsabilità nel far uscire i civili innocenti dalla loro tragedia, impedendo ai gruppi terroristici armati di continuare a spargere sangue siriano.

Ambasciata della Repubblica Araba Siriana

Articolo precedente

LA FINE DI UN'ERA: COSA C'E' DOPO L'UNIPOLARISMO?

Articolo successivo

Costa d'Avorio - Israele: i vecchi amici si ritrovano