ASTANA – Dagli anni Novanta ad oggi, con la fine dell’impero sovietico, nella società kazaka si è manifestato un riaffiorante sentimento religioso. Specialmente nelle aree meridionali e occidentali del Paese è facile osservare, accanto a un rifiorire dell’Islam, la crescente presenza di seguaci della setta salafita, sostenuta da ambienti sauditi e qatarioti e ostile alla pratica islamica tradizionale.

Sebbene in termini numerici i seguaci di tale setta siano ancora pochi, la loro presenza è in costante aumento, così come l’attività violenta (c’è comunque da sottolineare che non tutti i salafiti sono violenti, così come non tutti gli aspiranti violenti siano salafiti). Sono ormai famigerati i “gihadisti” nel Nord del Caucaso e l’Esercito del Califfato (Jund Al Khilafa) operante sul centralissimo e fondamentale confine fra Afganistan e Pakistan. Questi gruppi composti quasi esclusivamente da kazaki rivendicano l’opposizione totale e violenta al presidente Nursultan Nazarbaev.

Solo nel 2011 tre sono stati gli attacchi terroristici compiuti in Kazakistan che possono collegarsi all’attività di tali gruppi estremisti: per esempio il 12 novembre a Taraz (sud-est del Paese) Maksat Kariev ha compiuto un attacco dopo esser stato indottrinato a dovere e lo stesso copione è possibile rintracciare per l’attentato del 12 ottobre presso Atyrau (sul Mar Caspio); tali azioni confermano la sempre maggiore incisività degli estremisti in provincia e la usuale composizione di tali gruppi con sei-sette militanti mossi da una “guida spirituale” “salafita-gihadista”.

Il governo kazako ha promosso leggi nel tentativo di controllare i piccoli gruppi religiosi, ma non è chiaro se tali accorgimenti riusciranno nel legittimo intento di fermare i terroristi, così in aumento – e la coincidenza è per lo meno curiosa – nelle aree più interessanti per la strategia geopolitica Usa. Lo stesso Kazakistan, colmo di risorse energetiche e posizionato nel centro del continente eurasiatico, è costantemente minacciato anche dall’esterno, specialmente attraverso il soft power dei mass media: tale doppio attacco, interno ed esterno, sottolinea l’importanza strategica del Paese e della regione, così come il fondamentale bisogno di una cooperazione eurasiatica capace di assicurare benessere e sicurezza alle popolazioni del continente.

*Matteo Pistilli è redattore di Eurasia

Articolo precedente

Ridefinire il binomio guerra-pace nell’era globale

Articolo successivo

Progetti statunitensi per la "nuova Europa"