L’agenzia di stampa statale nordcoreana KCNA informa, citando un comunicato ufficiale, che la Corea del Nord ha dichiarato lo stato di guerra con la Corea del Sud

 
 
La Corea del Nord ha annunciato che risolverà tutte le questioni in sospeso tra le due Coree, come in tempo di guerra. “Questa è la fine dello stato di non pace e di non guerra in cui si trovava la penisola coreana”, recita la dichiarazione. “Tutte le azioni del governo, dei partiti politici e delle organizzazioni saranno ora valutate considerando che il nostro paese è in guerra con la Corea del Sud”, recita la dichiarazione sottolineando che questa “decisione importante” del leader nordcoreano Kim Jong-Un costituisce un ultimatum alle “forze ostili” ed è un passo decisivo verso il perseguimento della giustizia. L’esercito della Corea del Nord rimane in attesa di un ordine di Kim Jong-Un, che ha ordinato di prepararsi per un possibile attacco missilistico. La dichiarazione avverte che la Corea del Nord scatenerà una rappresaglia senza pietà nel caso di un atto di provocazione da parte degli USA o della Corea del sud. Questo venerdì le forze armate della Corea del Sud hanno registrato un aumento dell’attività delle basi missilistiche della Corea del Nord, dopo la firma del leader nordcoreano Kim Jong-Un di un piano strategico di preparazione delle truppe, che ordina alle unità missilistiche di tenersi pronte a lanciare in qualsiasi momento un attacco contro gli USA. Pochi giorni fa le autorità della Corea del Nord hanno inviato a quelle del Sud una notifica di telefonica di sospensione dei collegamenti con la linea del “telefono rosso”, attraverso la quale i due paesi mantengono contatti militari d’emergenza, finché il Sud non abbandoni il suo atteggiamento ostile. La tensione nella penisola coreana, è aumentata dopo l’adozione da parte del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite di nuove sanzioni contro la Corea del Nord, in risposta al suo terzo test nucleare; si era acutizzato ancor prima che si sapesse, che la Corea del Sud e gli Stati Uniti  stanno impiegando nell’area bombardieri strategici B-52 e sottomarini nucleari nelle esercitazioni militari congiunte realizzate nella regione. Pyongyang ha definito questo fatto una “provocazione imperdonabile”.

 

 

(Traduzione di Marco Nocera da RT Español) 

Articolo precedente

I CONFLITTI NEL CAUCASO E LA STABILITÀ DELLA RUSSIA. SABATO 6 APRILE A TRIESTE

Articolo successivo

INTERVISTA A FABIO FALCHI SUL MOVIMENTO CINQUE STELLE