Fonte: Strategic Culture Foundation http://en.fondsk.ru/print.php?id=2870 20.03.2010

Il 16 marzo 2010 l’Iran e il Pakistan hanno firmato un accordo per il lungamente atteso oleodotto Iran – Pakistan – India (IPI), nella città turca di Istanbul, ma questa volta senza la partecipazione dell’India. L’India ha finora adottato un approccio prudente, nel mantenere le sue carte vicino al petto, senza ancora mostrare le proprie intenzioni. Non ha dichiarato di abbandonare l’accordo o le sue prospettive per un’adesione successiva. Le relazioni sull’adesione della Cina al progetto del gasdotto, tra i sospetti che gli Stati Uniti stiano giocando le loro carte per affondare qualsiasi progetto di gasdotti di questo tipo, con l’Iran al centro, hanno infatti suscitato numerosi interrogativi, invece che risposte in seguito alla firma dell’accordo.

Nei dibattiti, l’inizio della IPI risale ai primi anni ’90, quando l’India, Iran e Pakistan hanno deciso di creare un gasdotto regionale dalla lunghezza di circa 2775 km. L’idea alla base dell’iniziativa, era che l’India e il Pakistan, economie in via di sviluppo affamate di energia, potrebbero trarre vantaggio da un simile gasdotto, che può trasportare gas dall’Iran. C’è bisogno di ricordare che l’Iran è un paese ricco di risorse energetiche, secondo solo alla Russia, riguardo al gas naturale. Con l’attuale trend di crescita, l’India probabilmente richiederà 146 miliardi di metri cubi di gas all’anno, entro il 2025, una crescita da 33 miliardi di metri cubi all’anno, dal 2005. L’India è una delle economie in più rapida crescita nel mondo, e la terza economia più grande in Asia. Tuttavia, l’operazione non poteva essere finalizzata, a causa di ostacoli diversi, alcuni di esso pragmatici, mentre altri sono suscitati dalla sfiducia e dalla paura nella sicurezza della pipeline. Queste preoccupazioni possono essere elaborate una per una.

Le preoccupazioni dell’India sul gasdotto sono molteplici. Fin dall’inizio, l’India ha sostenuto che l’Iran carica un prezzo superiore al prezzo effettivo nel mercato internazionale. La questione è stata discussa a livello bilaterale in molte occasioni, e ci si aspettava che durante la visita del presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad a New Delhi, nel primo semestre del 2008, una soluzione sulla vexata quaestio sarebbe emersa. But that did not take place. Ma che non ha avuto luogo. Infatti, dal 2008, l’India non ha partecipato attivamente a tutte le delibere sull’oleodotto IPI, dando luogo al timore che l’India possa recedere dal patto. La seconda preoccupazione principale dell’India, è la regione più instabile del Pakistan, attraverso la quale la pipeline è previsto passi. La conduttura, come prevede il progetto, dovrà passare attraverso il turbolento Balochistan del Pakistan(*). I gruppi militanti in Pakistan non hanno messo da parte le loro ambizioni di attaccare l’India in qualsiasi modo. Di conseguenza, l’India teme che l’accordo sulla pipeline, una volta completata, dopo ingenti investimenti, possa finire nel nulla, se questi gruppi scontenti facessero esplodere il gasdotto in qualche punto del percorso. E in terzo luogo, la tassa di transito, che il Pakistan ha dichiarato di voler imporre, una volta che l’India si avvalga del gas, è stata un’altra questione abbastanza controversa, in quanto non vi è stato alcun accordo su questo tema, finora.

Le preoccupazioni del Pakistan sono ugualmente suscettibili di un’analisi logica. Il Pakistan apprende che l’India non è più interessato all’accordo, soprattutto dopo che ha ottenuto l’accordo nucleare civile con gli Stati Uniti. In realtà, la dirigenza del Pakistan, in molte occasioni ha esortato gli Stati Uniti a firmare un simile accordo con Islamabad, ma senza alcun risultato, fino ad ora. Il Pakistan, come l’India, è anch’esso un paese affamato di energia. Pur dichiarando l’accordo del 16 marzo, un evento storico, il ministro del petrolio del Pakistan, Syed Naveed Qamar ha sostenuto che l’accordo aiuterà il Pakistan a far fronte alla sua crisi energetica, e a contribuire a costruire la sua economia. Tuttavia, la non partecipazione dell’India, finora ha ritardato un qualsiasi accordo conclusivo. Al momento, con nell’accordo a Istanbul tra Iran e Pakistan, che ha perfezionato l’affare da 7.5 miliardi di dollari, con la disposizione che entrambi costruiranno i componenti della conduttura, nei loro rispettivi territori. Come previsto nell’accordo, il gasdotto Iran-Pakistan trasporterà il gas dal giacimento South Pars dall’Iran. Sarà costruito tra Asalooyeh, nel sud dell’Iran e Iranshahr, vicino al confine con il Pakistan. L’Iran, con l’accordo fornirà 750 milioni di piedi cubici di gas al giorno al Pakistan, per i prossimi 25 anni, per generare 4000MW di energia elettrica. È interessante notare che la dirigenza del Pakistan ha offerto alla Cina di aderire al progetto e di estendere la pipeline, via Karakoram, al nord-ovest della Cina. Il governo cinese non ha però ufficialmente accettato l’offerta, ma non l’ha neanche respinta. In effetti, i vertici pakistani potrebbero andare avanti con l’opzione cinese, piuttosto che optare per l’India, a causa della sua tradizionale amicizia con la Cina e la rivalità con l’India.

Il perno della discussione sulla pipeline è l’Iran. L’Iran, che ha acquisito un ruolo centrale nella politica internazionale, a causa della sua sfida alle politiche degli Stati Uniti sul suo disarmo nucleare, si trova in una posizione difficile per poter, infine, concludere con successo il progetto del gasdotto. Con l’accordo Iran-Pakistan firmato il 16 marzo, la sua piena attuazione, prevista entro il 2015, sarà seguita da molti giocatori. Gli Stati Uniti sono fortemente contrari all’accordo, e in molte occasioni hanno cercato di affondare l’affare cercando, con la persuasione e anche con le pressioni, sia sull’India che sul Pakistan, di non far concludere l’accordo. Secondo quanto riferito, gli Stati Uniti sono interessati a mediare un accordo per la fornitura di energia elettrica dal Tagikistan al Pakistan, attraverso corridoio di Wakhan, in Afghanistan; una mossa per convincere il Pakistan a recedere dal patto. Allo stesso modo, con la recente presenza del Segretario dell’energia, Steven Chu, in Arabia Saudita, la notizia affermava che gli Stati Uniti erano perfino disposti a mediare un accordo per aumentare le forniture di petrolio saudita alla Cina, per convincerla a non partecipare al progetto. Tuttavia, la Cina ha giocato la sua carta con cautela, ed soppesa le sue opzioni con cura. Gli Stati Uniti hanno invece sostenuto la pipeline Turkmenistan-Afghanistan-Pakistan-India, che chiaramente bypassa l’Iran. Tuttavia, l’agenzia stampa ufficiale iraniana IRNA ha espresso, nei suoi articoli, che l’Iran ancora conta sull’India, che essa può aderire successivamente al progetto. La Russia non sembra essere contraria al progetto, godendo di relazioni relativamente amichevoli con tutte le parti del progetto di gasdotto.

Il 18 marzo 2010, il governo indiano, con una nota urgente, ha proposto dei colloqui trilaterali per maggio 2010, per rispondere alle preoccupazioni dell’India circa il progetto del gasdotto. Questo mese, il ministro degli Esteri dell’India è in visita in Iran, in missione ufficiale. Allo stesso modo, questo mese, si avranno degli incontri ufficiali Pakistan-USA. Tutti questi sviluppi, probabilmente, forniranno alcune spinte alla politica dell’attuazione della pipeline in questa parte del mondo, con implicazioni più ampie.

*In questo quadro, va inserito lo smantellamento del gruppo fantoccio terroristico del ‘Jundullah’. Indubbiamente un successo dell’intelligence iraniana, ma Tehran deve aver goduto dell’assistenza dei servizi segreti cinesi pakistani; questi ultimi decisamente infastiditi dalle manovre statunitensi sul proprio territorio. L’imperversare, sul suolo pakistano, delle bande armate e degli squadroni della morte costituiti dagli ‘eserciti privati’ statunitensi (ma diretti dal Pentagono, da Langley e dal Dipartimento di Stato USA), probabilmente ha spinto Islamabad ad accordare un notevole sostegno all’intelligence iraniana; tanto più, come si evince dal testo qui sopra, che tali covert operation erano chiaramente volte, tanto contro l’Iran, quanto contro la sovranità geoceonomica e geostrategica del Pakistan stesso. È proprio vero, come afferma il politologo statunitense di estrema destra, Richard Walzer, Obama sta perdendo l’India (e non solo l’India). NdT.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

http://www.aurora03.da.ru

http://www.bollettinoaurora.da.ru

http://sitoaurora.xoom.it

http://sitoaurora.narod.ru

http://sitoaurora.altervista.org

http://eurasia.splinder.com

Articolo precedente

Manifesto nazionale pro isole Malvine

Articolo successivo

La Germania è diventata il terzo maggiore esportatore di armi