L’associazione Strade d’Europa, grazie al contributo dell’Università degli Studi di Trieste ed in collaborazione con l’Istituto di Alti Studi in Geopolitica e Scienze Ausiliarie (IsAG) organizza il convegno La sfida dell’India. Nascita di una superpotenza?. L’evento, che rientra nel Ciclo 2011-2012 dei Seminari di Eurasia, si svolgerà giovedì 1 dicembre alle ore 17:30 presso l’aula D1, al primo piano della Scuola Superiore di Lingue Moderne per Interpreti e Traduttori in via Filzi 14 a Trieste.

Il seminario si aprirà con l’intervento di Vincenzo Mungo, capo servizio Redazione esteri di Radio RAI e saggista, nonché autore per i tipi delle Edizioni all’insegna del Veltro del volume che dà il titolo all’incontro: si tratta di un necessario approfondimento sull’India, membro a pieno titolo del BRICS e già pilastro dei Paesi non allineati, al fine di capire se le sue caratteristiche culturali, storiche e sociali sono gli ingredienti per farne una nuova superpotenza oppure verranno annullati per effetto di quel processo di globalizzazione e annichilimento delle specificità che il mondo occidentale sta imponendo nel globo.
Seguiranno gli interventi di Arduino Paniccia, docente di Studi Strategici presso l’ateneo cittadino, e di Francesco Brunello Zanitti, ricercatore dell’IsAG per l’Asia Meridionale (e autore del saggio Progetti di Egemonia), i quali analizzeranno soprattutto i rapporti che intercorrono tra l’India e le potenze limitrofe (Cina, Pakistan), con cui i rapporti sono spesso risultati problematici, ma anche le relazioni che Nuova Delhi intrattiene con Mosca e Washington, aspetto oltremodo prezioso per comprendere il ruolo planetario che questa potenza potrà svolgere. Il convegno, coordinato da Lorenzo Salimbeni, frequente contributore a Eurasia. Rivista di studi geopolitici, si concluderà con un dibattito aperto al pubblico; per informazioni stradedeuropa@hotmail.it.
Articolo precedente

Dopo la Primavera: dalle rivolte arabe ai nuovi assetti globali

Articolo successivo

Informazione e "soft power" tra Russia e Europa: intervista a T. Graziani