Fonte: Mondialisation 22 novembre 2011

Perché guardi la pagliuzza nell’occhio di tuo fratello, e non noti la trave nel tuo occhio?” Vangelo di Luca, 6, 41

Questa parabola di Cristo ci aiuterà ad articolare la nostra tesi circa la cattiva condotta, immorale, di una famiglia che ha dirottato una nazione, vale a dire il Qatar. Il mondo ha certamente concetti e valori che si pensava scolpiti nella pietra, come un buon lavoro, il sacrificio, il sudore, che vengono superati dalla ricchezza acquisita in modo improprio, non col frutto del proprio sudore, ma col prestito del denaro e lo scandalo della speculazione finanziaria costruita sul vento e sull’ingannare dell’altro, da divorare se perde il passo, ciò che il linguaggio neoliberista definisce OPA. Sia da una rendita immeritata, come nel caso dei paesi petroliferi arabi, bloccati nei tempi morti, e che prendono in ostaggio il loro popolo, condannandoli a guardare correre a piena velocità il treno del progresso, mentre rimuginano sul marciapiede della stazione sulla loro frustrazione. Si può capire il disprezzo in cui sono tenuti questi potenti, grossi, grassi e ben nutriti, mentre la povertà sembra essere la calamità più ampiamente condivisa da centinaia di milioni, addirittura da miliardi, di bisognosi, indipendentemente dalla latitudine. No, gli arabi non sono così! C’è stato un tempo in cui rappresentavano la speranza dell’umanità.

Il Qatar: un epifenomeno o un fastidio permanente?

Mi va di raccontare di un enigma, un piccolo paese per superficie, ma dalla attuale enorme capacità di fare danni, che è sorto dal nulla, allo stesso modo in cui petrolio e gas sgorgano dal sottosuolo consegnandogli una malvagia rendita immeritata. Il Qatar è un emirato del Medio Oriente con una superficie di 11427 kmq per 300000 indigeni e un milione di stranieri che hanno uno status poco invidiabile, soprattutto se non sono occidentali. Piccolo produttore di petrolio, è anche il terzo produttore di gas naturale nel mondo, dopo l’Iran e la Russia. Dopo la dominazione dai Persiani per migliaia di anni sul Bahrein, poi gli ottomani o ancora gli inglesi, il Qatar è diventato uno Stato indipendente il 3 settembre 1971. E’ diretto con pugno di ferro dalla famiglia al-Thani da quaranta anni, come il regno di Gheddafi. L’attuale emiro ha rovesciato – c’è da meravigliarsi di queste abitudini per le lusinghe del potere? – suo padre nel 1995. Il governo del Qatar mantiene le restrizioni alla libertà di espressione e i movimenti per l’uguaglianza. La famiglia sovrana al-Thani continua a detenere un potere esclusivo. La nuova Costituzione non autorizza la formazione di partiti politici e questo da 40 anni. Dove è la libertà di espressione e l’alternanza al potere? La stazione televisiva al-Jazeera ha acquisito notorietà come fonte di informazioni non censurate, riguardo gli altri paesi arabi, provocando le ire di questi ultimi.

I giornalisti, piuttosto ordinari, provenienti da altri paesi arabi, sono attratti dal miraggio dei soldi e non dalla libertà di espressione, si sono eretti a censori aggressivi nei loro programmi, dove demonizzano al massimo gli altri regimi arabi. A nostro avviso vi sono due tabù, la famiglia dell’emirato e paesi occidentali venerati nella più pura tradizione del vassallaggio, quasi … Inoltre, nella guerra contro l’Iraq, il paese ha agito da base dello stato maggiore statunitense. L’11 dicembre 2002, ha firmato con gli Stati Uniti un accordo sull’uso della base aerea di al-Eideid. Siamo consapevoli che il Qatar è intoccabile. Si stimava che le riserve di petrolio del paese arrivino a 26,8 miliardi di barili, alla fine del 2009. Il Qatar ha attualmente la terza riserve di gas (25,37 miliardi di metri cubi nel 2009) dopo la Russia e l’Iran. Il Qatar è anche il più grande emettitore di CO2 pro capite, con emissioni pro capite tre volte superiore a quelle degli Stati Uniti, ossia 60 tonnellate di CO2/abitante/anno. È una fortuna per il mondo che i qatarioti non siano numerosi. Nel frattempo, un arabo somalo “fratello”, ne emette mezza tonnellata/anno. Chiaramente, quest’ultimo consuma in un anno ciò che un qatariota spreca in tre giorni! Ecco lo sviluppo sostenibile auspicato da questo emirato. Il PIL del Qatar ha raggiunto 52,7 miliardi dollari di dollari nel 2006. Il PIL pro capite ha raggiunto i 78.260 di dollari nel 2009, superiore a quello degli europei e degli statunitensi. Quest’ultimo è il risultato di una lunga tradizione scientifica, tecnologica e culturale, non uno spreco di multidimensionale di denaro immeritato, generata dalle stesse frustrazioni legittime o dal disprezzo di coloro che si barcamenano.

Per Hassan Moala: “Il Qatar non è, ovviamente, frequentabile per la sua “democrazia” contenuta all’interno degli studi di al-Jazeera. Questo emirato possiede il più grande fondo sovrano al mondo, il Qatar Investment Authority, il cui patrimonio è stimato in circa 700 miliardi di dollari! E’ qui che sta la grande forza di questo piccolo … gigante. Tanto più che il Qatar è a disposizione dei padroni del mondo per finanziare e rifornire delle spedizioni militari, come è avvenuto in Libia. Sarebbe stato più glorificante vedere l’emirato sul tetto del mondo, se si trattasse di un modello di democrazia. (…) Essi sono quasi d’accordo con Stati Uniti, Francia e Regno Unito in merito ai conflitti nel mondo, anche quando si trattava di ‘spezzare’ gli arabi. Sostengono la causa palestinese non esitando a ricevere i leader israeliani. (…) In questo paese, la preoccupazione esistenziale permette ogni tipo di alleanze, comprese quelle contro natura. I soldati della base militare statunitense vegliano. Per quanto tempo ancora?“(1)

Degli occhi più grandi del ventre

Olivier da Lage definisce la diplomazia del Qatar con l’espressione “Gli occhi più grandi dello stomaco“.

Dire, scrive, che il Qatar infastidisce i suoi vicini nella penisola arabica è un eufemismo. Fino ai primi anni novanta, il Qatar ha adottato un basso profilo, in politica estera. (…) La sfida del Qatar alla sovranità del Bahrein, sugli isolotti di Fasht al-Dibel, sembrava essere la sua unica priorità estera.(…) Quando depose il padre, lo sceicco Hamad decise di affermare l’originalità del Qatar in tutti i campi, anche urtando altri monarchi. Questi ultimi, come si può immaginare, non hanno apprezzato il pessimo precedente che può rappresentare un principe ereditario che rovescia il padre. Da dove viene questa assicurazione che permette al Qatar, un piccolo paese di circa 400.000 abitanti, di cui circa 150.000 nazionali, di resistere ai suoi vicini e, a sua volta, di intromettersi nella maggior parte dei paesi arabi? Non si insisterà mai abbastanza si fatto che gli Stati Uniti sono il primo paese a riconoscere il potere di Sheikh Hamad .(…) Allo stesso modo, l’accordo di mutua difesa che lega Washington e Doha, nel giugno 1992, è una realtà.” (2)

Oggi, continua Da Lage, il Qatar ospita il più grande deposito di armi degli Stati Uniti nel mondo, al di fuori del territorio degli Stati Uniti. (…) (…) Eppure, ciò che è stato a volte visto come una eccentricità della politica estera dell’emirato, ha continuato a beneficiare dell’indulgenza statunitense. Per quanto riguarda l’Iran, il collegamento tra Doha e Teheran non è che politicamente motivato. La sacca del gas del North Dome, il cui sfruttamento rappresenta tutta la futura ricchezza del Qatar, si estende nel Golfo oltre il confine con l’Iran. Sheikh Hamad bin Jassem (…) ha incontrato a New York Shimon Peres, poi al vertice economico di Amman, nell’ottobre 1995, ci fu la firma di un memorandum con Israele per la fornitura di gas naturale dal Qatar. Un ufficio commerciale israeliano fu aperto a Doha, inaugurato nel settembre 1996. Il pieno sostegno degli Stati Uniti spiega, in gran parte, la sicurezza che il piccolo emirato ha mostrato di fronte alle critiche dei suoi vicini. (…) al-Jazeera appare come un braccio non ufficiale della diplomazia di Doha, e la verve della sua scrittura si esercita raramente contro la politica ufficiale del Qatar“, spiega Malbrunot, riguardo l’atmosfera in Qatar e perché non c’è una ribellione.

Il Qatar, scrive, si distingue non solo per l’attivismo della sua diplomazia conciliante o per la ricchezza quasi insolente.” E’ anche l’unico stato della regione ad essere risparmiata, finora, dall’ondata di proteste che ha scosso il resto del mondo arabo. “Qui la manna viene distribuita solo a 200.000 cittadini del Qatar, che non hanno alcuna vera ragione di lamentarsi“, dice un diplomatico occidentale. “Francamente, non abbiamo bisogno di avere la Coppa del Mondo,” critica a mezza voce Hassan al-Ansari, capo redattore del Qatar Tribune. “Perché spendere 55 miliardi dollari per delle strutture da rimuovere il mese dopo?” dice un altro funzionario. Inondati dalle informazioni sulle rivolte arabe da al-Jazeera, i suoi abitanti, però, non hanno nulla da mettere in bocca quando guardano il canale del Qatar, muto sulle notizie locali. Tuttavia, “abbiamo anche richieste politiche, spiega il professor al-Misser. Per ora, esiste solo una Majlis al-Shura, ma i membri di questa Assemblea sono nominati dal governo e hanno solo un ruolo consultivo.“(3)

Un ruolo diabolico

Se le persone sono state ingannate dalla pseudo-rivoluzione libica, supportato dai ben noti “rivoluzionari” Nicolas Sarkozy, Bernard-Botul-Henri Lévy e David Cameron, ecco chi potrebbe aprirgli gli occhi … Per la prima volta, il Qatar dichiara di aver partecipato alle operazioni sul campo, insieme ai ribelli libici. (…) Tre giorni dopo la proclamazione da parte del CNT della “liberazione” totale della Libia, i capi di stato maggiore dei paesi coinvolti militarmente in Libia si riuniscono per un incontro a Doha, in Qatar. In questa occasione, il Capo di Stato Maggiore del Qatar, il generale Hamad bin Ali al-Attiya, ha rivelato che centinaia di soldati del Qatar hanno partecipato alle operazioni militari a fianco dei ribelli in Libia. Apprendiamo che anche il presidente Omar al-Bashir del Sudan, ha fornito armi in quantità ai cosiddetti “ribelli” (4).

Sembra anche, scrive Ian Black, che sia il Qatar a guidare gli sforzi internazionali per addestrare l’esercito libico, raccogliendo le armi e integrando le unità ribelli, spesso autonome, nel nuovo esercito e nelle nuove istituzioni di sicurezza (…) e durante l’assalto finale contro il quartier generale di Gheddafi a Tripoli, alla fine di agosto, le forze speciali del Qatar erano in prima linea. Il Qatar ha anche fornito 400 milioni dollari ai ribelli, li ha aiutati ad esportare petrolio da Bengasi e a creare una stazione televisiva a Doha. (…) Per alcuni, la strategia dell’emiro è sostenere selettivamente le forze democratiche nel mondo arabo, in parte per migliorare la reputazione internazionale del paese, mentre distoglie l’attenzione dal Golfo dove le proteste anti-regime erano schiacciate in Bahrein e comprate in Arabia Saudita.

Parlando della “manipolazione della Lega Araba”, Robert Fisk spiega come il Qatar stia cercando di riprodurre lo scenario libico:

La Lega Araba – una delle organizzazioni più stupide, più impotenti e assurde nella storia del mondo arabo – improvvisamente si è trasformata da topo a leone, ruggendo che la Siria sarà sospesa mercoledì, a meno che non metterà fine alle violenze contro i manifestanti, ritira l’esercito delle città, non rilascia i prigionieri politici e comincia a parlare con l’opposizione. Damasco ha ruggito in risposta, che la Siria aveva già attuato il piano di pace della Lega – si può dubitare – che la decisione era “illegale e una violazione della Carta della Lega” (forse vero) e che l’eventuale sospensione della Siria, è stato un tentativo di “provocare l’intervento straniero in Siria, come è stato fatto in Libia.” Il Qatar – che è, con la sua al-Jazeera, il nemico attuale della Siria – era dietro il voto, promettendo e supplicando e, si dice, comprando alla grande quelli che potevano avere dei dubbi. La potenza del Qatar nel mondo arabo, ha cominciato a prendere una piega marcatamente imperiale. Con i suoi soldi e i suoi raid aerei, ha contribuito a far cadere il regime di Gheddafi. Ora, il Qatar è l’avanguardia della Lega araba contro la Siria. (…) E senza che un solo arabo voglia una guerra civile come quella della Libia, incendia la Siria. Inoltre, Leon Panetta, il capo della CIA, ha già escluso un coinvolgimento militare degli Stati Uniti.”(6)

Opportunismo

La diplomazia del dollaro influisce anche sulla cultura. Il denaro non ha odore, sulla base dell’assegno si può dire tutto e il suo contrario. Il Qatar rimarrà nella storia come una perversione, un generatore di corruzione a cui è apparentemente difficile resistere. Lena Lutaud ce ne dà un esempio:

Sua Eccellenza Mohamed al-Kuwari ha decorato i designer Jean Plantu e Amirouche Laidi, presidente del club Averroè, col premio “Doha Capitale Culturale Araba”. Stasera, l’Ambasciatore decorerà i poeti André Miquel, Bernard Noel e Adonis. Da Jack Lang a Jean Daniel, passando per Dominique Baudis, Edmonde Charles-Roux, Renaud Donnedieu de Vabres e Anne Roumanoff, un totale di 66 personaggi della cultura francese è stato premiato dal Qatar nel 2010. Tutti sono ripartiti con un assegno di 10.000 euro“. (7) Non si vede che il mondo bello. Si va oltre, con prestigiose istituzioni decentrare e l’aura scientifica che si esporta. Questo è il caso della Sorbona. Robert de Sorbon si rivolterebbe nella tomba! C’è anche un Louvre delocalizzato in Medio Oriente. I qatarioti possono guardare tra sbuffi di narghilè e il resto, i pezzi migliori, frutto della rapina che seguivano le spedizioni coloniali per portare la civiltà nei paesi barbari. Non c’è dubbio che l’Occidente, per i momento, punta su un Qatar seduto pigramente su un giacimento di gas, di cui ha bisogno. Ma arriverà un momento, quando fischierà la fine della ricreazione per tutti questi non-stati, che si accaparrerà, senza scrupoli, l’energia di cui ha bisogno. Per non aver puntato sulla conoscenza, per non mettere in pratica la democrazia alternata, gli arabi diventeranno una scoria della storia. Tra un migliaio di anni verrà ricordato, malgrado tutto, che Gheddafi aveva, con il suo credo “Zenga, Zenga“, una certa idea della “cha’ama“, la dignità che manca ai potentati scrocconi assisi sui tempi morti.

La parabola di Cristo dovrebbe essere spiegata all’emiro del Qatar…

Note

1. Hassan Moali La puissance surfaite du Qatar, El Watan, 15.11.11

2. Olivier Da Lage http://mapage.noos.fr/odalage/autres/qat.html

3. Georges Malbrunot: Le Qatar, le contrepied du printemps arabe Le Figaro 04 2011

4. http://www.mathaba.net/news/?x=629178

5. Ian Black http://www.guardian.co.uk/world/2011/oct/26/qatar-troops-lib

6. Robert Fisk: Ligue arabe: comment le Qatar tire les ficelles The Independent 17.11.2011

7. Lena Lutaud: L’offensive culturelle du Qatar, Le Figaro. 20.12.2010

(Traduzione di Alessandro Lattanzio http://aurorasito.wordpress.com)

Articolo precedente

Media, "soft power" e prassi geopolitica tra Europa e Russia

Articolo successivo

L'Intelligence turca informa i siriani del piano di assassinare Assad