AFP 25 novembre 2009 – L’India ha detto che si aspetta che gli Stati Uniti aboliscano le “significative” restrizioni sul trasferimento di tecnologie statunitensi al gigante asiatico, dopo i colloqui tra i leader delle due nazioni. Il Presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, e il primo ministro indiano, Manmohan Singh, concordavano, dopo colloqui a Washington, che “intensificare gli scambi commerciali di alta tecnologia tra i loro paesi, è nello spirito del dialogo e del partenariato strategico“. Il consigliere economico di Singh, Montek Singh Ahluwalia, ha detto che sul fronte economico, “l’azione principale” che gli Stati Uniti devono prendere per far progredire la collaborazione è “la rimozione dei controlli sui trasferimenti di tecnologia”. Ha detto che il governo degli Stati Uniti avevano assicurato l’India che una revisione ad “alto livello” delle limitazioni alla tecnologia, erano in corso, quattro anni dopo che i due paesi avevano firmato l’accordo quadro sul nucleare civile. “Siamo molto fiduciosi che, a seguito di tale esame, vi sia un significativo allentamento dei controlli sulla tecnologia”, ha detto Ahluwalia, parlando a un forum del Peterson Institute for International Economics di Washington.

I controlli sono stati parte delle sanzioni economiche imposte all’India nel 1998, dopo che aveva condotto una serie di test nucleari. Essi vietano alle imprese americane di esportare beni e servizi a vari enti indiani, senza aver prima ottenuto una licenza di esportazione. Tuttavia, i rapporti tra i due paesi sono migliorati in modo significativo negli ultimi anni. Hanno firmato un patto nel 2005 per l’esportazione di tecnologia nucleare degli Stati Uniti all’India, ma l’attuazione è stata rinviata, in quanto i due paesi devono elaborare le complesse normative internazionali che regolano tali scambi. “Molte delle nostre aziende incontrano ancora ostacoli sulla questione del trasferimento di tecnologia”, ha detto Ahluwalia, vice presidente della commissione della pianificazione del governo indiano. Ha detto che anche nei circoli degli Stati Uniti, “tali restrizioni non promuovono, effettivamente, la realizzare di un qualsiasi tipo di sicurezza“. Obama e Singh avevano detto, in una dichiarazione congiunta, che mentre si è convenuto che il rafforzamento degli scambi di alta tecnologia è in linea con il nuovo spirito di collaborazione, “un impegno condiviso per la sicurezza della tecnologia” è critico. Singh ha detto che l’abolizione dei controlli sulle esportazioni dagli Stati Uniti dell’alta tecnologia all’India “apre grandi opportunità per la ricerca e lo sviluppo. Consentirà alle imprese statunitensi di beneficiare della rapida trasformazione economica e tecnologica che è attualmente in corso nel nostro paese“, ha detto.

Sull’accordo sul nucleare civile, che è stato siglato durante l’amministrazione di George W. Bush, Ahluwalia ha detto, “ci sono due o tre cose che sono da fare, per renderlo pienamente operativo dal punto di vista degli Stati Uniti.” Una componente essenziale della transazione, che dovrebbe portare 150 miliardi di dollari alle imprese, soprattutto per quelle statunitensi, è la firma di un accordo sul ritrattamento del combustibile nucleare. I due paesi “continuano a negoziare accordi e procedure di ritrattamento“, ha detto il Dipartimento di Stato Usa.

Citando i colloqui tra Obama e Singh, il dipartimento ha detto che “gli Stati Uniti sono fiduciosi che le modalità e le procedure saranno definite con largo anticipo, rispetto alla scadenza dell’agosto 2010.” Obama ha ribadito a Singh l’”impegno della sua amministrazione ad attuare pienamente l’accordo nucleare”, fugando ogni dubbio che ci possa essere minore impegno, da parte della sua amministrazione, nel concludere l’accordo. Funzionari indiani hanno detto anche di non vedere alcun problema fondamentale, per il loro parlamento, ad approvare una normativa efficace che limita le responsabilità dei fornitori in caso di incidente nucleare.

Traduzione di Alessandro Lattanzio
http://www.aurora03.da.ru
http://www.bollettinoaurora.da.ru
http://sitoaurora.xoom.it
http://sitoaurora.narod.ru
http://sitoaurora.altervista.org
http://eurasia.splinder.com

Articolo precedente

11 settembre: il volo 77 non poteva essere dirottato

Articolo successivo

Il presidente del Pakistan cede il controllo sull’arsenale nucleare