PECHINO – La diplomazia militare cinese ha incrementato i legami con le forze armate straniere nel 2011, secondo Qian Lihua, direttore dell’Ufficio Affari Esteri del Ministero della Difesa Nazionale.

Consolidare la sicurezza con i paesi vicini

Alti ufficiali della Commissione Militare Centrale e del quartier generale dell’Esercito di Liberazione Popolare (PLA), hanno visitato 14 paesi limitrofi, compresi Vietnam, Myanmar, Nepal, Singapore e le Filippine, nel 2011. La Cina ha partecipato a riunioni per scambiare opinioni sulle questioni di difesa e di sicurezza, come la riunione dei 10 primi ministri dell’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai, il Dialogo di Shangri-La e l’associazione dei ministri della Difesa delle nazioni del Sud-Est asiatico. I militari cinesi hanno ottenuto una profonda cooperazione con le forze vicine nel campo della formazione militare e della ricerca accademica, e inviato professionisti per fornire cure mediche e aiuti umanitari nelle zone colpite da disastri in Pakistan e in Thailandia. Qian ha detto che la Cina dà sempre la priorità ai legami armoniosi con i paesi vicini, perseguendo una pacifica politica di comunicazione e cooperazione.
“La Cina dovrà affrontare controversie e questioni spinose per la sicurezza regionale, avendo cura degli interessi degli altri paesi e mantenendo i nostri principi allo stesso tempo”, aggiunge Qian.

Le relazioni militari sino-statunitensi hanno alti e bassi

La Cina da sempre sostiene lo sviluppo delle relazioni militari Cina-USA e non risparmia sforzi a tale scopo, ha detto Qian. Nel 2011, i vertici militari della Cina e degli Stati Uniti si sono scambiati opinioni e hanno preso parte a frequenti comunicazioni, anche in occasione della visita in Cina del segretario alla difesa Robert Gates. Il Capo di Stato Maggiore del PLA, Chen Bingde, e il presidente del Joint Chiefs of Staff degli Stati Uniti, Mike Mullen, si sono scambiati le visite nel giro di due mesi. Tuttavia, le relazioni militari sino-statunitensi sono state turbate dall’attuazione, da parte del governo statunitense, della vendita di armi a Taiwan nel 2011. “La Cina si oppone con veemenza alla vendita. Solo il rispetto e la mutua considerazione dei reciproci interessi ha potuto contribuire a rimuovere gli ostacoli e a promuovere le relazioni militari”, ha affermato Qian.

La diplomazia militare promuove il soft power del PLA

Qian ha detto che il paese e il PLA hanno attirato maggiore attenzione da parte della comunità internazionale, e si stanno abituando a rispondere alle incomprensioni e alle accuse ostili. Dall’aprile 2011, il Ministero della Difesa ha tenuto conferenze stampa mensili per rispondere a domande concernenti addestramento, strategia, attrezzature e relazioni estere militari. A marzo, il ministero della difesa ha pubblicato una versione più recente del Libro Bianco della difesa nazionale, e ha ufficialmente lanciato il suo sito informatico. Il ministero ha avviato varie attività come ad esempio una esibizione negli Stati Uniti dalla banda militare della Cina, e la visita della nave-ospedale della Marina del PLA “Arca di Pace” negli scali in America Latina per il servizio medico.

Esercitazioni militari congiunte

Nel 2011, la Cina ha partecipato a otto esercitazioni militari congiunte e a sessioni addestrative con forze armate estere, tra cui l’addestramento anti-terrorismo Cina-Pakistan, addestramento delle forze speciali Cina-Indonesia e l’addestramento delle truppe paracadutiste Cina-Bielorussia. “L’addestramento militare e le esercitazioni congiunte sono un importante approccio per migliorare la capacità di combattimento del PLA “, ha detto Qian. “L’addestramento e le esercitazioni sono diventati una regolare attività di interscambio per il PLA”.

* Fonte: “China Daily”

(Traduzione a cura di Alessandro Lattanzio)

Articolo precedente

RUANDA - Secondo il rapporto francese non furono i Tutsi ad abbattere l’aereo di Habyarimana: ma qual è la verità?

Articolo successivo

Ridefinire il binomio guerra-pace nell’era globale