Il fondatore di Wikileaks, Julian Assange, ha intervistato il segretario generale di Hezbollah Sayyed Hassan Nasrallah, nel primo di una serie di programmi in onda il martedì dal canale della televisione russa in inglese, RT.
Assange ha realizzato l’intervista dall’Inghilterra in video duplex con Nasrallah, che ha parlato “da una località segreta in Libano”, ha affermato il fondatore di Wikileaks.

Sul fronte politico, il segretario generale di Hezbollah, ha detto che la sua organizzazione “promuove la resistenza all’egemonia degli Stati Uniti o qualsiasi altro, e la resistenza all’occupazione o qualsiasi forma di aggressione contro il nostro popolo e le nostre famiglie. Ciò è coerente con i valori morali e umani, e anche con la legge divina e religiosa. Quest’ultima non può contraddire la ragione, perché entrambe procedono da colui che ha creato l’uomo.”
Ha continuato: “Finora, abbiamo evitato il conflitto con le parti all’interno del Paese perché la nostra priorità è quella di liberare la nostra terra e proteggere il Libano contro le minacce israeliane. Noi crediamo che il Libano è ancora nel circuito dell’intimidazione”.

“La liberazione del territorio è il nostro obiettivo reale e siamo pervenuti al governo nel 2005 per la prima volta, non per stare al potere, ma solo per proteggere la resistenza … ed evitare che l’esecutivo libanese intraprenda azioni esecutive contro essa resistenza e allontanare attriti a questo proposito”.

Per quanto riguarda la Siria, Sayyed Hassan Nasrallah, ha confermato che “è vero che ci sono alcuni Paesi, arabi e non, che offrono danaro, logistica e armi all’opposizione e sono coloro che stanno animando la lotta in Siria”.

“C’è un’opposizione che non è pronta per il dialogo, e neanche ad accettare le riforme. Tutto quello che chiede è rovesciare il regime siriano “, ha aggiunto Sayyed Hassan Nasrallah.

Inoltre ha affermato: “L’esperienza di trent’anni di Hezbollah dimostra che sono sempre stato un amico della Siria e non il suo agente. Al contrario, coloro che hanno beneficiato della presenza siriana in Libano ci stanno criticando.”

E ha sottolineato: “Il regime del regime di Bashar al Assad ha sostenuto la resistenza in Libano e Palestina”.
“Personalmente, ho trovato volontà da parte del presidente Bashar al-Assad di realizzare riforme radicali grandi e importanti”, ha detto Nasrallah.

Per quanto riguarda la linea di Hezbollah, Nasrallah ha aggiunto che “noi non interferiamo negli affari interni dei Paesi arabi. Questa è sempre stata la nostra politica. “

Infine, per quanto riguarda la questione palestinese, il segretario generale ha detto che la sola soluzione è “un unico stato nella terra di Palestina, che riunisce musulmani, ebrei e cristiani in pace”.
“L’entità sionista è un paese illegale ed è stata fondata sulla base dell’occupazione di un territorio appartenente ad altri”.

Al Manar

Articolo precedente

Vertice di Chicago: la NATO completa il dominio del mondo arabo

Articolo successivo

Crescono i rapporti tra Italia e Bielorussia